Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Viste prima delle prossime elezioni da qui a fine anno

Da ora fino alla fine dell’anno, ci sarà una serie di elezioni generali e interne ai partiti che hanno il potenziale per farlo Forte segnale di prospettive economiche e di mercato nel 2023.

Il Elezioni di medio termine negli Stati Uniti Decideranno se i Democratici continueranno a detenere il potere in entrambe le camere del Congresso. Il consolidamento del governo ha consentito all’amministrazione Biden di approvare importanti leggi, tra cui l’ultima Legge sulla riduzione dell’inflazione Incentrato sul clima, nonostante l’opposizione dei repubblicani.

Il Grande rimbalzo dei titoli che beneficiano delle allocazioni di energia pulita Previsto nella legge dimostra come l’azione legislativa di base possa avere per influenzare lo sviluppo dei mercati.

Vittoria repubblicana alla Camera o al Senato Paralizzerebbe i cambiamenti legislativi Fino a dopo le elezioni presidenziali del novembre 2024.

La domanda più importante che devono affrontare i mercati degli Stati Uniti è Se la Fed può facilmente fare marcia indietro, o se una recessione, e quindi un nuovo crollo del mercato, sarà necessaria per controllare l’inflazione. Sebbene le elezioni di medio termine non saranno decisive nel determinare l’esito, un governo diviso manterrà la politica fiscale in secondo piano e lascerà il peso del pieno adeguamento della Fed.

Il governo diviso tende anche a spingere i presidenti a concentrarsi maggiormente sulle priorità politiche internazionali., dove il Congresso è meno restrittivo. Fino al 2016, questo era generalmente un effetto collaterale positivo perché i presidenti degli Stati Uniti tendevano a concentrarsi su come abbassare le barriere globali al commercio di beni, servizi e capitali.

Ora, però, Priorità nazionali. E a causa di Rapporti incrinati tra Stati Uniti e Cinae le sfide poste dalla guerra in Ucraina, una maggiore attenzione alla politica estera potrebbe facilmente portare a risultati peggiori, aumentare l’incertezza del mercato e influenzare i valori che dipendono dal buon funzionamento del commercio globale e dei mercati finanziari.

Elezioni americane di medio termine e 20° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese

Le elezioni americane di medio termine coincideranno Ventesimo Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinesedove è probabile che Xi Jinping Rieletto Segretario Generale. Ciò rafforzerebbe la presa di Xi sul potere e probabilmente porterebbe alla continuazione della transizione politica che ha supervisionato Rendere la Cina meno dipendente economicamente dai mercati occidentaliPorre maggiore enfasi sulla stabilità sociale e sull’ambiente quando si imposta la politica economica e essere più assertivi nella politica estera.

READ  MSC riceve la nave da crociera più grande di sempre in Italia

Se Xi verrà eletto, dovrà affrontare crescenti sfide nazionali e internazionali, che hanno tutte importanti implicazioni per i mercati. La politica del Paese contro la diffusione del nuovo coronavirus (COVID-19) ha agito come un grave ostacolo alla crescita economica In un momento in cui il mondo ha assunto una posizione più rilassata sulla pandemia.

Il modo in cui la posizione della Cina cambierà per diventare meno restrittiva influenzerà notevolmente l’entità di qualsiasi aumento dell’attuale debolezza economica, che a sua volta influenzerà il Marginare i mercati azionari cinesi per ottenere maggiori guadagni.

Il mercato immobiliare È un altro mal di testa da affrontare. L’attività nei settori dell’edilizia abitativa e delle costruzioni sta attualmente assistendo al calo più grande degli ultimi decenni, poiché i responsabili politici inaspriscono le normative, gli sviluppatori lavorano per sbarazzarsi del debito in eccesso e la domanda di famiglie crolla.

Sebbene un adeguamento del settore sia atteso da tempo e potrebbe portare a una migliore stabilità finanziaria a lungo termine, Il settore immobiliare è troppo vasto per correggere gli squilibri senza danni collaterali all’economia e ai mercatiSoprattutto nel reddito fisso.

Monitoreremo da vicino anche le azioni di politica estera di Xi. Xi ha cercato con cura di evitare di essere coinvolto nella battaglia dell’Occidente con la Russia.Perché i loro interessi economici dipendono da relazioni amichevoli con entrambi. Questo potrebbe diventare un equilibrio più difficile da mantenere a seconda di come si svolgerà la guerra in Ucraina nei prossimi mesi.

Nel frattempo, la percezione che gli Stati Uniti stiano diventando meno impegnati nella tradizionale politica della “Cina unica” ha spinto le tensioni nel Mar Cinese Meridionale ai livelli più alti degli ultimi decenni. Anche se non è il nostro problema principale che una guerra “calda” finirà Il destino di Taiwan Nel giro di un anno non c’è dubbio che la posta in gioco sia aumentata visto il già basso livello di fiducia tra le due superpotenze mondiali.

READ  Roberto Gualtieri, sindaco nerd di Roma

E sebbene Taiwan sia relativamente piccola nel contesto dell’economia globale, lo è Il più grande produttore mondiale di semiconduttoriIl nuovo “petrolio” nell’era della digitalizzazione. Sarà l’escalation più significativa delle tensioni, che porterà a reazioni economiche e militari disastroso per l’economia e i mercati globali.

crollo in Italia

Da una prospettiva europea, Il crollo della coalizione di governo guidata da Draghi in Italia è arrivato in un momento inopportuno. Gli spread sui titoli di Stato italiani si sono notevolmente ampliati da quando la Banca Centrale Europea ha indicato che avrebbe iniziato a inasprire la politica monetaria a fronte dell’aumento dell’inflazione. Draghi è stato l’unico politico con credibilità a guidare il Paese attraverso le tanto necessarie riforme strutturali. Inoltre, l’Italia è particolarmente vulnerabile agli shock della guerra in Ucraina a causa della sua dipendenza dalle importazioni di gas naturale per alimentare il suo sistema energetico.

Sebbene Lo strumento di protezione della trasmissione proposto dalla Banca Centrale Europea È progettato per prevenire un’espansione ingiustificata degli spread nei mercati obbligazionari europei e la sua applicazione sarà fortemente condizionata ai paesi che mantengono una posizione finanziaria disciplinata.

Attualmente, la coalizione dei partiti di centrodestra è in testa ai sondaggi, con opinioni contrastanti su come affrontare le sfide economiche e finanziarie del Paese. S Fratelli Italia, Il partito con il maggior sostegno si oppone a una serie di politiche europee, che potrebbero aumentare le tensioni con Bruxelles e le altre capitali europee.

secondo È probabile che Europa e Italia entrino in recessione nel 2023E le elezioni italiane e le politiche attuate da chi costituisce il governo, influiranno sul fatto che questa recessione sia legata anche al grave stress finanziario dei mercati obbligazionari e azionari.

READ  Il vertice del G7: dichiarazioni e critiche dopo l'incontro dei Paesi più potenti

D’altra parte, il Regno Unito

finalmente, Truss, Segretario di Stato per gli Affari Esteri, divenne Primo Ministro del Regno Unito. Truss è noto per il suo desiderio di mantenere una linea dura nei negoziati sul protocollo dell’Irlanda del Nord, nonché per la sua preferenza per i tagli alle tasse come modo per affrontare la crisi del costo della vita nel Regno Unito.

Purtroppo, L’allentamento della politica fiscale in un momento in cui l’inflazione è superiore al 10% e l’economia è eccessivamente tesa, può solo esacerbare gli squilibri della Gran Bretagna. Questo, a sua volta, costringerebbe Banca d’Inghilterra Inasprire ulteriormente la politica monetaria e, più rapidamente, aumentare la portata di un tracollo economico che sembra sempre più probabile. Come in tutte le recessioni, ciò comporterebbe una riduzione dei profitti aziendali e forse una riduzione dei mercati azionari, in particolare quelli più esposti all’economia domestica.

Da una prospettiva a lungo termine, né Truss né l’altro candidato al primo ministro britannico hanno avanzato proposte importanti di riforma strutturale per far fronte all’orrenda performance di produttività dell’ultimo decennio. Fino a quando le debolezze dell’offerta del Regno Unito non saranno affrontate, La crescita potenziale rimarrà contenuta, i tassi di interesse reali sostenibili rimarranno molto bassi e gli investitori stranieri saranno riluttanti a detenere posizioni significative nella valuta.