Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Video: questo è stato il momento in cui la navicella spaziale della NASA ha colpito un asteroide

navicella spaziale della NASA Deliberatamente lunedì sera tardi con un asteroide la devia fuori rottache è un test senza precedenti per trovare meccanismi per difendere la Terra dalla collisione devastante di un corpo cosmico.

Telescopi provenienti da tutto il mondo e nello spazio si sono concentrati sullo stesso punto del cielo per catturare la scena. Sebbene l’effetto sia stato immediatamente evidente, il segnale wireless del Dart si è interrotto improvvisamente, provocando alcuni momenti di tensione.

La nave finì per schiantarsi a più di 20.000 chilometri orari contro il suo obiettivo. I team della NASA, riuniti presso il Mission Control Center nel Maryland, sono esplosi di gioia quando hanno scattato le splendide immagini dell’asteroide in avvicinamento fino a poco prima della collisione imminente.

23/09/2022 Questa illustrazione mostra il veicolo spaziale DART (Double Asteroid Redirection Test) della NASA prima di entrare in collisione nel sistema di asteroidi binari Didymos. La luna in orbita attorno a un asteroide chiamato Didymus. Politica e ricerca tecnologica NASA / Johns Hopkins APL / Steve Gribbin

L’evento storico, noto come missione DART, si è concluso pochi minuti dopo le 20:00 (ora argentina) ed è stato celebrato anche sui social network.

Effetto riuscito! Il veicolo spaziale delle dimensioni di un distributore automatico si scontra con successo con l’asteroide Demorphos delle dimensioni di un campo da calcio e devia il suo percorso per evitare che diventi una potenziale minaccia per la Terra.Lo ha detto la NASA su Twitter.

Ha poi condiviso il momento in cui la navicella spaziale ha colpito la sfera rocciosa e lo ha riassunto in un video di 30 secondi: “Non vuoi perderti nulla di quello che è successo? Guarda i momenti finali di una missione che orbitava in rotta di collisione con l’asteroide Demorphos.”

READ  Questi sono i prezzi per le serie PS5 e Xbox

La missione è di 325 milioni di dollari È il primo tentativo di modificare la posizione di un asteroide o di qualsiasi altro oggetto naturale nello spazio. Nello specifico, l’incarico aveva lo scopo di ridurre l’orbita di Demorphos – un satellite del massiccio asteroide Didymos – in una decina di minuti.

Sebbene il compito sembri piuttosto modesto, Questo test è stato cruciale per il futuro, secondo gli specialisti, perché si trattava di capire meglio come interagiva Dimorphos.rappresenta un gruppo di asteroidi abbastanza comuni, la cui composizione esatta non è nota.

Tuttavia, pochissimi asteroidi conosciuti sono considerati pericolosi e nessuno lo sarà nei prossimi 100 anni, ma “Ti assicuro che se aspetti troppo, ce ne sarà uno.”ha avvertito il capo scienziato della National Aeronautics and Space Administration, Thomas Zurbuchen.

I membri del team DART hanno installato l'unico strumento del veicolo spaziale, l'asteroide Didymos e la Reconnaissance Photo Navigation Camera (DRACO), a giugno.
I membri del team DART hanno installato l’unico strumento del veicolo spaziale, la Didymos Asteroid and Reconnaissance Camera (DRACO), a giugno.

Gli scienziati affermano che queste sfere rocciose di un chilometro o più di lunghezza sono già state viste più spesso, ma Stimano di conoscere solo il 40 percento circa degli asteroidi di 140 metri o più grandi che sono in grado di distruggere un’intera regione.

Gli scienziati affermano che quasi tutti gli asteroidi con una lunghezza di un chilometro o più sono stati visti, ma Stimano di conoscere solo il 40 percento circa degli asteroidi che misurano 140 metri o più, in grado di distruggere un’intera regione in caso di collisione.

L’indagine che è stata assegnata a fare il lavoro È stato lanciato a novembre e ha raggiunto il suo obiettivo utilizzando una nuova tecnologia sviluppata dal laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University.Costruttore navale e responsabile di missione.

READ  La NASA ha creato un team per studiare oggetti atmosferici non identificati

Con informazioni da Agence France-Presse e Telam