Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Video: questa simulazione ricrea 4,5 miliardi di anni di evoluzione planetaria in 4 minuti

Inserito:

29 luglio 2021, 23:56 GMT

Il creatore, David A. Roberts, spera di aggiungere in futuro la possibilità di modificare i parametri iniziali della simulazione e quindi monitorare i risultati.

L’artista e scienziato informatico David A. Roberts ha ricreato la storia di un pianeta simile alla Terra attraverso simulazioni al computer.

nel video pubblicato Sul suo blog personale, puoi vedere come il corpo planetario, inizialmente costituito da magma liquido, è ricoperto da uno strato solido. Quindi inizia il movimento delle placche tettoniche e compaiono i continenti. Alla fine, giorno e notte si alternano, il che permette di valutare la civiltà che si è sviluppata in superficie con le luci delle città.

L’evoluzione planetaria riflessa nel video abbraccia 4,5 miliardi di anni, che è equivalente all’età della Terra.

per me spiegato Roberts ha dichiarato mercoledì a Gateway Vice che l’idea è stata ispirata dal videogioco SimEarth, pubblicato nel 1990.

“Aveva una premessa davvero ambiziosa, di simulare pianeti simili alla Terra dalla creazione al lontano futuro, ma era molto limitato dall'”hardware” dei computer dell’epoca”, ha detto l’artista in una e-mail a riguardo. prova a.

Roberts ha deciso di ricreare l’idea di SimEarth a livello di tecnologia contemporanea. Per fare questo, ha scritto un programma speciale.

“In realtà, ho prima creato un mini-gioco, che ti permette di cambiare il terreno in modo interattivo per vedere come influenza la simulazione del clima e l’ambiente. Poi ho creato una cronologia visiva che attraversa tutto automaticamente, cosa che pensavo sarebbe stata un po’ più semplice perché le persone consumino”.

READ  Google Street View non sarà disponibile da marzo 2023

L’artista vuole aggiungere la possibilità di modificare i parametri iniziali e poi osservarne le conseguenze. A suo parere, questo darebbe agli utenti una “comprensione intuitiva dei sistemi”.

“Non ho avuto quel livello di coinvolgimento con questo progetto, ma forse seguirò ad un certo punto in futuro”, ha scritto.

Se ti piace, condividilo con i tuoi amici!