Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Video di fan del River che suonano la batteria al Monumental

Lega ProCommenti

Un gruppo di tifosi era di stanza a Sívori Media, circondato dalla sicurezza privata, per cantare canzoni nello stadio.

Come accade durante tutto l'anno, i biglietti sono di nuovo esauriti per vedere River al Monumental.
© pagina milionariaCome accade durante tutto l’anno, i biglietti sono di nuovo esauriti per vedere River al Monumental.

È una notte speciale all’Hotel Monumental perché La partita contro Lanus Ha una spezia che va oltre il calcio. Il team Gallardo Doll si impegnerà a preservarlo Serie di reti esplose contro Onion La scorsa settimana, Paulo Diaz ha giocato per la prima volta nella Pro League e Julian Alvarez ha giocato la sua ultima partita nel campionato locale a Nunez. Ma Per tutti i fan c’è un’altra cosa ed è per questo che l’attenzione è sugli spalti, in particolare su Sívori Media.

Dopo un lungo periodo di assenza, Tamburi e tamburi sono tornati nell’antichitànon di Los Borrachos del Tablón ma di Questa mossa è stata raccolta da un gruppo di fan con l’approvazione del consiglio di amministrazione. In effetti, fin dall’inizio, diverse persone della compagnia di sicurezza privata sono state viste fare la guardia al luogo in cui si sarebbe trovato questo gruppo di fan, inclusi molti musicisti.

Un’ora prima dell’inizio del gioco, sono entrati con tamburi e tamburi Che hanno iniziato a dare un ritmo speciale alle canzoni dei fan, visto che è passato così tanto tempo dall’ultima volta che sono stati nei Monumental. Si trovavano nel centro di Sívori Media e da lì “guidano” le canzoni della gente.

I primi successi in campo sono iniziati con un classico di Auténticos Decadentes: “Vení Raquel”. I fan dei Millionaire hanno aggiunto ritmo e folklore per ribattezzarlo “I Love You River Plate”. Nonostante il Panorama Monumentale stesse appena iniziando ad emergere, i primi tifosi entrati nell’area media e bassa di Sivori si sono riversati al centro della tribuna per essere molto vicini al ritmo.

Con il passare dei minuti e l’arrivo della folla, il tempo è cresciuto e le canzoni hanno iniziato a suonare più snelle. “Devi esultare dal cuore, devi fare il tifo per l’eroe” e “chi scrive sui giornali dirà finalmente la verità” ha alzato la temperatura in una notte gelida che ha colpito Buenos Aires. I partecipanti non erano interessati. Alcuni hanno persino osato capovolgere le loro giacche. C’erano sempre meno persone da vedere Team Doll.

Il picco assistito durante l’annuncio della formazione del suono dello stadio. I fan hanno rispettosamente applaudito ogni eroe ed sono esplosi quando hanno menzionato Marcelo Gallardo. Immediatamente, la batteria ha dato il ritmo a “River, My Dear Friend”, un classico di tutti i tempi che è stato suonato per lunghi minuti fino a quando la squadra è apparsa sul campo di gioco.

Ad inizio partita, l’incoraggiamento si concretizza in un gol: “Dai, andiamo River Plate, siamo venuti oggi a tirarti su il morale, per essere un eroe, oggi dobbiamo vincere”, le 72.000 anime che hanno approfittato del Monumentale cantato. Subito dopo, sono iniziate “Yo Champ II vieni a trovarti e non mi interessa di nessun altro” e “He Who Doesn’t Jump Die in Madrid”, due canzoni imperdibili nel cantautore milionario del pulpito.

La serata migliore è arrivata a metà della prima fase, con i gol di Jose Paradella e Brian Romero. “Voglio girare la tazza, così che tutta la bocca pianga” esplose tra un gol e l’altro, Al Monumental stava già assistendo a una vera festa e non è finita finché non ha fischiato Darío Herrera che ha concluso la prima tappa.

In chiusura River ha rinunciato a una certa importanza sull’erba verde, ma il pubblico ha spinto la squadra dagli spalti e la batteria è tornata essenziale. “Andiamo, andiamo River Plate” Quando sembrava che Lanos potesse raggiungere la parità ha scosso le fondamenta di Monumental, che ha avuto anche il tempo di ricordare il suo eterno rivale, la finale di Madrid e il grande gol di tutti: “In coppa qualunque ci vuole, in coppa dobbiamo vincere”, è stato il grido di guerra per lanciare la squadra Muñeco Tra gli applausi e l’approvazione del pubblico. Cantiamo tutti che Nunez è stata ancora una volta una vera festa.

Video musicali in Monumental

READ  ¿Scaloni sorprende nella formazione della Nazionale argentina vs. Ecuador?