Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Victor Perez, dal campione del mondo alla sua scomparsa ad Auschwitz | Il pugile finito nella rete nazista

Negli anni Venti e Trenta del Novecento, se una persona voleva appartenere a una vera élite, doveva andare a Parigi. Feste, lussi, musica e persino sport. La boxe non ha fatto eccezione, e anche i pugili possono esserlo Eroi e clown allo stesso tempo. Il tunisino Massoud Hay Victor Pérez lo ha scoperto presto: gli è piaciuto e ne ha sofferto. Nacque il 18 ottobre 1911 in un quartiere ebraico di Tunisi. All’età di quattordici anni si avvicina alla boxe e tre anni dopo è in Francia per ratificare i termini.

è andata bene. Prima di compiere vent’anni, era già il campione francese dei pesi mosca e il 24 ottobre 1931, quando compì vent’anni, il campione del mondo. c’era Fuori al Palais des Sports di Parigi l’americano Frankie Gennaro. A quel tempo, era, in prima persona, Victor “Young” Perez, come è conosciuto in tutto il mondo e nella Jewish Sports Hall of Fame.

Quello che segue è ciò che di solito ha un eroe: cene costose, champagne e persino modelle e attrici famose che cedono al suo fascino. Ma non c’è gloria eterna. inglese Jackie Brown lo ha sconfitto a Manchester. Perez passò quindi alla classe di peso bantamoete e nel 1934 fu Panama Al Brown a dargli un calcio di rigore con la sua caratteristica mano destra.

Il nazismo gettava un’ombra sul mondo ed essere ebrei era una cosa pericolosa. Il 38 novembre Peres sfidò i tedeschi a recarsi a Berlino con valigie decorate con stelle di David. Lo salutarono con dei fischi. Nel dicembre di quell’anno era impossibile. È qui che l’impatto di Peres inizia a perdersi. Si sa che non combatte più e che i nazisti lo hanno arrestato e che finirà i suoi giorni ad Auschwitz.

READ  Gli studenti hanno vinto di nuovo e sono diventati più forti

Quello che sanno i suoi compagni ad Auschwitz. Secondo i registri, arrivò il 10 ottobre 1943. Presto fu attratto da 157.178 tatuaggi, e poi divenne una macchina percuotere per il divertimento degli assassini. Cinque giorni dopo essere stato accettato, fu mandato a lavorare in cucina e ad allenare su due turni. Il 31 ottobre avrebbe dovuto essere in buona forma per affrontare un soldato alto 1,80 metri e del peso di 75 chilogrammi. La battaglia è stata dichiarata non valida.

Tra l’intrattenimento per i soldati c’era la visione di incontri di boxe con i detenuti. A volte con professionisti come Young Pérez o Salamo Arouch, Jacko Razon, Feliks Stamm, Kazimierz Szelest e Antoni Czortek. In caso contrario, volontari. Combattevano a mani nude o al massimo con guanti di lana. I combattimenti si sono conclusi quando uno dei pugili non è riuscito ad alzarsi.

Testimoni e sopravvissuti hanno raccontato i dettagli al giornalista spagnolo Jose Ignacio Perez. Il suo primo passo è stato scrivere una storia per il quotidiano spagnolo Marca E poi, con altre testimonianze, fece un libro intitolato KO Auschwitz Ed è ciò che ha appena pubblicato l’editore spagnolo Córner.

Noah Kliger (prigioniero 172.345), morto nel 2018 all’età di 92 anni, ha ricordato a Peres una domanda che sembrava salvargli la vita: “Chi sa come vincere?” Quello che è stato incoraggiato nella scatola e l’altro nella boxe ha passato un periodo meno brutto o aveva un’altra razione di pane. Una volta selezionati i combattenti, è stato necessario fare una dimostrazione di quanto sapessero: “Se mentono, vanno dritti alla camera a gas”, fu preso dal panico Kurt Magatans, Responsabile per i pugili. Magatans era soprattutto un killer: uccise tre persone, stava scontando l’ergastolo e godeva di privilegi per la sua conoscenza della boxe.

READ  Promozioni e sconti per la stagione 2021/2022 in Europa

L’organizzatore del torneo era il capitano Heinrich Schwarz. Amava la boxe e voleva rilassarsi guardando i combattimenti ogni domenica. Schwartz ha seguito la guida di Adolf Hitler, che nel suo libro la mia lotta Evidenzia i vantaggi della pratica della boxe. “Nessuno sport promuove lo spirito di attacco e il potere di prendere decisioni rapide facendo acquisire al corpo la flessibilità dell’acciaio”, ha scritto.

Il punto è che Klieger, che allora era un adolescente, alzò la mano senza farsi beccare, fu preso e poi, nella sua prima sessione di prove, sbalordito nei dettagli. “C’era un combattente molto giovane che ha colpito una palla da boxe alla velocità di una mitragliatrice. Non aveva mai visto niente di simile in vita sua. L’ho fissato. Mi hanno detto: “Lui è il campione del mondo”. Ho risposto: campione del mondo? “Sì, giovane Perez, mi hanno risposto.”

Perez e Kliger sono diventati amici in allenamento. “Perché era bello essere un pugile? E il motivo era che ogni notte il comandante distribuiva un litro in più di zuppa a ciascun combattente, ma non lo stesso che davano ai prigionieri, Era una vera zuppa, con un pezzo di carne, con le patate; La stessa cosa che mangiavano le SS. Questo cibo mi ha salvato la vita per cinque o sei mesi quando facevo boxe”. Ho combattuto ventidue o ventitré incontri e ovviamente non ne ho vinti uno.

Nonostante i vantaggi, il corpo del giovane Perez non poteva sopportare l’usura dell’allenamento e del lavoro forzato. In una rissa lo affrontarono con un “tedesco forte” che gli fece baciare la stoffa. Lo hanno portato via in barella e da allora tutto è diventato più diffuso.

READ  Il gesto deciso di Xavi al Barcellona tra le trattative tese per la sua partenza dal Qatar

Alcuni dicono che sia morto il 45 marzo, altri più precisamente il 22 gennaio dello stesso anno. Dove c’è più coincidenza in queste circostanze: in una marcia della morte, quando il regime nazista era in declino e i sopravvissuti venivano trasportati a frotte sui treni. C’è chi dice che non ha resistito alla deportazione, e altri dicono che lo hanno ucciso quando voleva scappare. Ma gli omicidi eroici dovrebbero sempre avere qualcosa di epico in loro. Il giovane Perez non fa eccezione: I KO Auschwitz Si legge che è stato uno degli ultimi ad essere assassinato dal regime quando ha rubato un pezzo di pane non per sé, ma per un detenuto debole o più debole di lui. Lo hanno visto e gli hanno sparato.

Kleijer ha detto al giornalista di Peres di aver visto il pugile di Perez tra gli ultimi prigionieri. Era ancora vivo. Ma c’è anche una cosa che Klieger non dimenticherà mai tra i tanti ricordi che ha conservato per anni perché non poteva contarli. frase ripetuta. “Parti da Auschwitz, ma da Auschwitz non scapperai mai.”