Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vento – Non la pala eolica in discarica

Nell’ambito della conferenza AEE Wind che si svolge oggi e domani, Giles Dixon, CEO di WindEurope, S Juan Virgilio Marquez, CEO di AEELa Commissione europea ha chiesto una proposta per vietare lo scarico delle pale eoliche fuori servizio. Il divieto dovrebbe entrare in vigore nel 2025 e applicarsi anche ad altri grandi componenti delle moderne coppe delle turbine eoliche.

Con questa domanda, l’industria eolica europea è attivamente impegnata a riutilizzare, riciclare o recuperare il 100% delle pale smantellate. Allo stesso tempo, il segmento eolico è obbligato a non inviare queste pale europee in altri paesi per lo scarico.

“L’energia eolica è una tecnologia rispettosa dell’ambiente. La sostenibilità fa parte del nostro DNA. Ecco perché ci impegniamo costantemente per ridurre il nostro impatto sull’ambiente. Il divieto di scaricare le pale delle turbine eoliche aiuterà ad accelerare lo sviluppo di tecnologie di riciclaggio sostenibili. Austria, Finlandia, Germania e Paesi Bassi dispongono già di divieti di dumping, ma chiediamo alla Commissione europea di proporre un approccio europeo coordinato”, ha affermato Giles Dixon.

“Come industria, siamo determinati a essere all’avanguardia nella sostenibilità e nell’economia circolare. Le pale delle turbine eoliche non sono tossiche e sono sicure per le discariche, ma riteniamo che le discariche siano uno spreco di risorse preziose. Il nostro impegno per porre fine allo smaltimento di le pale delle turbine eoliche entro il 2025 contribuiranno a rendere sostenibili i metodi di riciclaggio. Commercialmente fattibili. Il settore spagnolo dell’energia eolica – la Spagna è il secondo mercato europeo – si unisce a questa iniziativa proposta da WindEurope. Invia un segnale che l’industria è impegnata a raddoppiare i suoi sforzi verso Pale eoliche riutilizzabili al 100%”, ha sottolineato Juan Virgilio Marquez.

READ  La ceramica avverte Ribera che la decarbonizzazione minaccia le imprese

“In Europa, e in particolare in Spagna, siamo in una fase di traguardi ambiziosi, caratterizzata dall’installazione di nuova energia eolica. L’industria eolica, lungo tutta la sua catena del valore, ha una grande capacità di risposta. L’energia eolica è già la spina dorsale del il nostro mix elettrico. Attualmente, è la prima tecnologia per la miscela in Spagna con una capacità installata di oltre 27,4 gigawatt, e negli ultimi 12 mesi è stata anche la prima tecnologia in generazione, con più di 60 TWh. la prima posizione in potenza e generazione sarà mantenuta nel prossimo decennio fino a raggiungere 50,3 gigawatt nel 2030 secondo il nostro indice di potenza e generazione. Juan Diego Diaz, Presidente di AEE all’apertura della Spanish Wind Conference.

Il nostro settore è sicuramente uno dei settori che possono essere pilastri della ricostruzione economica e di un cambiamento del modello economico in Europa. Le sinergie industriali con altri settori sono chiare per il futuro, con la coesistenza industriale e tecnologica, con l’importanza dell’industria che garantisce la futura resilienza del modello economico del nostro Paese. Ma affinché questo meccanismo funzioni, è necessario prendersi cura della nostra catena del valore e scommettere sul valore aggiunto. Dobbiamo essere la culla dell’innovazione dell’energia pulita in futuro e la pietra angolare dello sviluppo. La Spagna è sempre stata un pioniere in questo campo e non c’è dubbio che l’energia eolica, uno standard globale nella tecnologia di scambio. Il settore eolico farà sempre affidamento sul rigore e sulla proattività per anticipare le sfide normative, tecniche ed economiche che vedremo in futuro con responsabilità e decisione, perché l’unico modo per prevedere e anticipare il futuro è innovarlo”, ha concluso Juan Diego Diaz.

READ  Gli esperti suggeriscono modifiche all'imposta sul valore aggiunto che aumenterebbero le entrate di 23 miliardi | Economia

Gli scoop in pensione aumenteranno nei prossimi anni
Nei mercati più maturi d’Europa, le prime turbine si stanno avvicinando alla fine della loro vita utile. Il numero di lame tirate finora è ancora basso. Ma aumenterà nei prossimi anni. WindEurope prevede che circa 25.000 tonnellate di pale raggiungano la fine della loro vita utile ogni anno da qui al 2025. I due paesi con il maggior numero saranno Germania e Spagna, seguiti dalla Danimarca. Verso la fine del decennio, anche Italia, Francia e Portogallo avvieranno importanti decifrazioni e il volume annuale di sbavatura potrebbe raddoppiare fino a raggiungere le 52.000 tonnellate nel 2030.

I governi possono svolgere un ruolo fondamentale nella promozione del riciclaggio delle pale delle turbine eoliche. Dovrebbe aumentare i finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo nella commercializzazione e nell’espansione di varie tecnologie di riciclaggio delle lame. Questi includono macinazione meccanica, pirolisi, pirolisi a microonde, frazionamento di impulsi ad alta tensione, decomposizione di soluti e letto fluido. L’Unione Europea dovrebbe anche finanziare ricerca e sviluppo per incoraggiare lo sviluppo e l’uso di nuovi materiali per le lame circolari.

“Non siamo soli in questo. In precedenza Abbiamo iniziato a sviluppare la cooperazione inter-industriale Con altri settori che lavorano sulle tecnologie di riciclaggio per i materiali compositi. Una legislazione appropriata aiuterà a creare catene del valore riciclabili e stimolerà il mercato dei materiali riciclati”, afferma Giles Dixon.

Crea una tabella di marcia
L’industria eolica svilupperà una tabella di marcia che dettaglia i passaggi necessari per accelerare il riciclaggio delle pale delle turbine eoliche. La durata standard di un parco eolico onshore è di circa 20-25 anni. Infatti, l’85-90% della massa totale delle turbine eoliche può essere riciclata. La maggior parte dei componenti, come acciaio, cemento, filo di rame, componenti elettronici e ingranaggi, ha stabilito cicli di riciclaggio. Tuttavia, le pale delle turbine eoliche sono più difficili da riciclare. Contengono materiali compositi complessi, una miscela di fibre rinforzate (di solito fibra di vetro o carbonio) e una matrice polimerica. Questi materiali compositi aumentano le prestazioni delle turbine eoliche. Consente lame più leggere e più lunghe con una migliore aerodinamica. Ma la sua composizione pone anche problemi di riciclaggio.

READ  Pablo Moyano ha difeso l'accordo con il Fmi e ha insultato Mauricio Macri: "È stupido... in Italia".

Esistono alcune tecnologie per il riciclaggio di materiali compositi per lame e sono sempre più numerose le aziende che forniscono servizi di riciclaggio di materiali compositi, ma queste soluzioni non sono ancora abbastanza mature, non sono disponibili su scala industriale e non sono competitive in termini di costi. Rendere queste tecnologie commercialmente valide richiederà l’impegno dei responsabili politici, di altri utenti di materiali compositi e dell’industria del riciclaggio.

Puoi fare riferimento al documento di posizionamento di WindEurope Come costruire un’economia circolare per le pale delle turbine eoliche attraverso politiche e partnership.