Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Venti organizzazioni chiedono l’accesso globale al vaccino Hebra

Circa due dozzine di organizzazioni hanno inviato una lettera al capo del governo, Pedro Sanchez, per chiedere una maggiore protezione degli investimenti pubblici destinati allo sviluppo di vaccini e altri strumenti sanitari contro il Covid-19, nonché l’acquisizione globale del vaccino dell’azienda farmaceutica Hipra.

Alcuni dei firmatari della lettera di cui sopra sono Salud por Derecho, Médicos del Mundo, Association for Equitable Access to Medicines (AAJM), Medical Collective Organization (OMC), No Gracias, Federation of Associations for the Defense of Public Health (vsp), Amnesty International, Oxfam Intermon, Coordinatore per le organizzazioni per lo sviluppo (CONGD) e la campagna Right2Cure,

Questo documento sottolinea che “gli accordi di finanziamento firmati durante una pandemia, tra governo e istituzioni o aziende, pubbliche o private, devono includere termini che garantiscano che i risultati di ricerca pagati con questo denaro pubblico abbiano licenze non esclusive per garantire che raggiungano il mondo, evitando i monopoli causato dalla proprietà intellettuale quando tutto rimane nelle mani dell’industria farmaceutica”.

sviluppo in Spagna

Queste organizzazioni mostrano particolare preoccupazione per il caso di Hipra, una società spagnola che sta sviluppando un vaccino contro il Covid-19 che sta per iniziare una sperimentazione clinica di fase tre, con 3.000 pazienti provenienti da 15 ospedali in Spagna, Italia e Portogallo. Se tutto va bene, questa sarà l’ultima fase prima di avviare il processo di regolamentazione e licenza.

Per ricercare e sviluppare questo vaccino, ricordano i suddetti enti, “L’azienda ha ricevuto milioni di euro di investimenti pubblici. Tra l’altro, si è assicurata 15 milioni di dollari in assistenza pubblica per studi clinici di fase IIb/III, secondo quanto annunciato mesi fa dal ministro della Scienza e dell’Innovazione Diana Murat”.

READ  Da gennaio tornano i ticket per la copertura medica privata