Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vaccini, economia post-pandemia e cambiamento climatico: i temi di partenza del G7 – Tellam

Fino a domenica sono previsti incontri bilaterali tra i Paesi che compongono il Gruppo dei Sette, a cui si uniranno i massimi esponenti europei e quattro Paesi invitati: India, Corea del Sud, Australia e Sud Africa.

I leader dei Paesi del Gruppo dei Sette hanno avviato, venerdì, un vertice nel Regno Unito di Gran Bretagna che rappresenta una “grande opportunità” per avviare la ripresa globale dopo la pandemia, obiettivo la cui agenda prevede la distribuzione di un miliardo di dosi di vaccini contro il covid. -19.

Così, i capi di Stato e di governo di Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Italia, Giappone e Regno Unito si sono nuovamente seduti attorno a una tavola rotonda dopo aver ricevuto il primo ministro britannico Boris Johnson, ospite dell’evento al Tourist. Una città di Carbis Bay nel sud-ovest dell’Inghilterra.

I saluti erano insoliti, senza una stretta di mano e i dirigenti si allontanavano da loro a causa del coronavirus; La pandemia, che ha costituito uno degli assi dell’agenda.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto che il vertice coincide "ritorno" Dal suo Paese al pluralismo, dopo gli anni di Donald Trump.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che il vertice ha rappresentato il “ritorno” del suo Paese al multilateralismo dopo gli anni di Donald Trump.

“Questo incontro offre un’enorme opportunità per promuovere la ripresa del mondo”, ha detto Johnson all’apertura dell’incontro, citato dall’agenzia di stampa francese, prima che iniziassero le discussioni chiuse.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che il vertice ha rappresentato il “ritorno” del suo Paese al multilateralismo dopo gli anni di Donald Trump.

“Non vedo l’ora di lavorare con i nostri alleati e partner per costruire un’economia globale più giusta e inclusiva”, ha twittato il presidente degli Stati Uniti, cercando di formare un blocco unito contro Russia e Cina.

Ma dal canto suo, Pechino non sembra pronta a rinunciare a un briciolo della sua influenza: la diplomazia statunitense è “basata sugli interessi di piccoli gruppi”, come ha criticato il funzionario del PCC Yang Jiechi in una conversazione telefonica con i cinesi. Il segretario di Stato americano Anthony Blinken, che si è riunito a margine del vertice del Gruppo dei Sette.

READ  Roberto Carles: Il mio obiettivo è aumentare l'offerta ...

Il capo della diplomazia statunitense, che ha ripreso la conversazione da Carbis Bay, ha risposto che la Cina dovrebbe mostrare “cooperazione e trasparenza sull’origine” del coronavirus e gli ha anche chiesto di “porre fine alla campagna di pressione su Taiwan”.

Durante la chiusura della giornata, la regina Elisabetta II britannica ha ospitato i leader dell’Eden Project, un’attrazione turistica nella regione dove è stata costruita la più grande foresta pluviale coperta del mondo.

Fino a domenica sono previsti incontri bilaterali tra i Paesi che compongono il Gruppo dei Sette, a cui si uniranno i massimi esponenti europei e quattro Paesi invitati: India, Corea del Sud, Australia e Sud Africa.

Vaccini

Al centro dei colloqui ci sarà una distribuzione più equa dei vaccini contro il Covid-19.

Il governo britannico ha affermato che di fronte alle crescenti richieste di solidarietà, i leader accetterebbero di fornire “almeno un miliardo di dosi” e aumentare la capacità produttiva, con l’obiettivo di “porre fine alla pandemia entro il 2022”.

Gli Stati Uniti si sono già impegnati a donare 500 milioni di dosi di Pfizer/BioNTech e il Regno Unito a 100 milioni di vaccini in eccedenza.

Ma questo numero è ancora insufficiente per le Ong come Oxfam, che afferma che occorrono almeno 11 miliardi per debellare una pandemia che ha ucciso 3,7 milioni di persone nel mondo.

"Questo incontro offre una straordinaria opportunità per promuovere la ripresa del mondo"  Agence France-Presse ha riferito che Johnson ha detto all'apertura della riunione, prima dell'inizio delle discussioni a porte chiuse.

“Questo incontro offre un’enorme opportunità per promuovere la ripresa del mondo”, ha detto Johnson all’apertura dell’incontro, citato dall’agenzia di stampa francese, prima che iniziassero le discussioni chiuse.

Oxfam ritiene che il G7 dovrebbe accettare di sospendere i brevetti in discussione all’Organizzazione mondiale del commercio che dividono le acque all’interno del gruppo, con Francia e Stati Uniti, Germania e Regno Unito tra i principali oppositori.

READ  Guzmán sta cercando il sostegno giapponese per l'accordo con il Paris Club

Un quarto dei 2,3 miliardi di dosi somministrate nel mondo erano nei paesi del G7, che comprendono il 10% della popolazione mondiale. I paesi a basso reddito hanno attualmente solo lo 0,3% delle dosi iniettate.

problema ambientale

La lotta ai cambiamenti climatici sarà un’altra priorità assoluta del Vertice.

Johnson ha l’ambizione di condurre una “rivoluzione industriale verde” per dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2030.

Per preservare la biodiversità, vuole che il G7 si impegni a proteggere “almeno il 30%” della terra e degli oceani entro quella data.

Il G7 dovrebbe anche aumentare gli investimenti in infrastrutture pulite nei paesi in via di sviluppo per stimolare e decarbonizzare le loro economie.

Altri temi caldi all’ordine del giorno sono le sfide poste da Pechino e Mosca, i cui presidenti Vladimir Putin e Biden si incontreranno mercoledì a Ginevra, e l’attuazione della Brexit nella regione britannica dell’Irlanda del Nord.

Come ogni vertice e nonostante le restrizioni, non sono mancate le manifestazioni civiche: due pupazzi gonfiabili tenuti in mano, insieme a una foto di Johnson e Biden, sono stati collocati su una zattera vicino al luogo dell’incontro.

Le bambole sono state lanciate in acqua dal gruppo Breaking Crises, che comprende più di 75 enti di beneficenza, e fa parte della campagna “Wave of Hope” volta a combattere la pandemia, l’ingiustizia e il cambiamento climatico.