Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Utilizzando un impianto di elettrodi, migliora la qualità della vita di un paziente con grave disturbo ossessivo-compulsivo

Un uomo di 38 anni con disturbo ossessivo-compulsivo soffriva di frequenti lavaggi delle mani e riceveva stimolazione cerebrale in Argentina (Getty Images)

La stimolazione cerebrale profonda comporta l’impianto di elettrodi nel cervello umano per trattare problemi neurologici e motori. Gli elettrodi emettono impulsi elettrici che prevengono o modulano l’attività anomala che sta causando i sintomi di un problema di salute. La sua applicazione ad alcuni malati di Parkinson è iniziata più di 20 anni fa con buoni risultati. Con il progredire della ricerca scientifica, è stato scoperto che anche la stimolazione cerebrale profonda può giovare ai pazienti Disturbi ossessivo-compulsivi (DOC) e depressione che non rispondono ai trattamenti convenzionali. Include l’uso del Bluetooth utilizzato dai telefoni cellulari e da altri dispositivi elettronici.

in Argentina, L’Ospedale Italiano di Buenos Aires ha riferito di aver applicato per la prima volta la stimolazione cerebrale profonda a un paziente che non aveva compiuto progressi significativi con Trattamento convenzionale di psicoterapia e farmaci per il disturbo ossessivo-compulsivo. L’intervento è considerato “psichirurgia” e viene eseguito per ottenere un miglioramento significativo dei sintomi nei pazienti.

Il paziente che ha acconsentito alla procedura è Marcelo Simeone, 38 anni E, in una conversazione con Infobaelegati alla sua esperienza. “E ‘stata una lotta molto dura”, ha detto. Da bambino, ha iniziato a sentirsi come se avesse avuto il fiato sospeso quando sua nonna si è unita a Channel 3 in TV. Vedere il numero 3 in qualsiasi cosa o situazione lo ha colpito. Guarda anche le linee sul pavimento. All’età di 12 anni gli fu diagnosticato un disturbo ossessivo-compulsivo. Tra le altre situazioni, il suo cervello sentiva che le sue mani erano sporche anche se non lo erano, e che era costantemente disgustata. Per evitare questa sensazione, iniziò a lavarsi spesso le mani.

READ  Uno scienziato costaricano ha assegnato 1,5 milioni di euro per studiare il cervello dei bambini in Italia

“Sapevo che le mie mani erano pulite”, ha detto, “ma provavo ancora disgusto e dolore o mi sentivo addirittura come se fossero state trafitte da un coltello, anche se non era giusto”. Dal momento della diagnosi, ha subito cure con vari farmaci ed è stato sottoposto a psicoterapia. “Ma i farmaci e la psicoterapia mi hanno fatto poco e niente”, ha detto. Non poteva lavorare e nemmeno vestirsi. “Tutte le persone a Knock Knock hanno un po’ di me”, ha detto.

Il tumulto è stato molto invalidante per le sue attività lavorative e anche per le relazioni sociali. Hanno persino suggerito un intervento chirurgico di stimolazione cerebrale profonda. Secondo i medici dell’Ospedale Italiano di Buenos Aires, “Dopo l’intervento, il paziente ha mostrato un miglioramento del suo comportamento compulsivo. Questo gli ha permesso di riprendersi cura di sé: è tornato a vivere da solo, ha ripreso l’attività lavorativa, ha potuto viaggiare con i mezzi pubblici e visitare i parenti in altre province, tra le altre importanti realizzazioni che incidono sulla sua qualità di vita”.

In parole mi hanno sentito: “Ora ho gli elettrodi in testa. Da allora ho potuto tornare al lavoro, vestirmi, perché non ho più la sensazione di avere le mani sporche. E non sento niente quando vedo il numero 3 o quando vedo le righe”

La stimolazione cerebrale profonda è stata applicata anche a un paziente con disturbo bipolare e depressione che non ha risposto al trattamento convenzionale (iStock)
La stimolazione cerebrale profonda è stata applicata anche a un paziente con disturbo bipolare e depressione che non ha risposto al trattamento convenzionale (iStock)

Dall’altro lato, un Un paziente di 45 anni con un altro disturbo psichiatrico è stato sottoposto a stimolazione cerebrale profonda. Ha avuto una diagnosi di disturbo bipolare e un profilo depressivo maggiore con ideazione suicidaria senza una risposta positiva alla psicoterapia e ai farmaci. dopo l’intervento chirurgico, “Il paziente ha migliorato il suo ritmo del sonno, ha interrotto i pensieri negativi ripetitivi ed è stato in grado di lasciare di nuovo la sua casa: Tutti criteri che significano un cambio di paradigma nella loro vita quotidiana”, hanno affermato i medici. Analogo intervento è stato effettuato presso il Centro Specializzato FLENI di Buenos Aires nel 2007 con buoni risultati. È stato fatto anche in un centro nella provincia di Mendoza.

READ  Benessere posturale, la chiave del lavoro a distanza

L’intervento consiste nell’impianto di elettrodi in aree profonde del cervello che risultano alterate. Viene eseguito per modulare l’attività delle cellule nervose attraverso impulsi elettrici emessi da uno stimolo nervoso. La chirurgia cerca di ripristinare la funzione dei circuiti cerebrali coinvolti e ridurre i sintomi nei pazienti.

La procedura inizia con immagini di pianificazione computerizzate (attraverso una TAC e una risonanza magnetica) che determinano la posizione degli elettrodi. Successivamente gli elettrodi vengono impiantati attraverso una tecnica minimamente invasiva denominata “posizionamento stereotattico”. Questa tecnica utilizza un sistema di coordinate 3D per posizionare gli elettrodi all’interno di specifiche regioni del cervello per modulare le funzioni che cambiano.

La neurochirurgia è indicata anche nei pazienti con epilessia.  Dolore da emicrania, morbo di Parkinson, spasticità e distonia, tra gli altri disturbi (Getty Images)
La neurochirurgia è indicata anche nei pazienti con epilessia. Dolore da emicrania, morbo di Parkinson, spasticità e distonia, tra gli altri disturbi (Getty Images)

Dopo il posizionamento, questi elettrodi sono collegati a un generatore di elettrodi, chiamato stimolatore nervoso. Attraverso fili che passano sotto la pelle. Lo stimolatore nervoso viene impiantato sotto la clavicola o nell’addome del paziente e gli impulsi elettrici che emette saranno controllati e modificati in base a ogni specifica condizione tramite Bluetooth.

Oltre al disturbo ossessivo-compulsivo e alla depressione, La neurochirurgia è già indicata per i pazienti con epilessia; dolore da calore (da emicranie, mal di schiena fallito, dolore complesso del complesso di Sudeck e dolore addominale pelvico); e movimenti anomali, come Morbo di Parkinson, spasticità e distonia È un cambiamento nella tensione muscolare.

Due casi di pazienti che hanno avuto accesso alla stimolazione cerebrale sono stati curati da un’équipe medica multidisciplinare dell’Ospedale Italiano di Buenos Aires. Ed è stato composto da Carlos Chiraulo, capo del dipartimento di neurochirurgia funzionale. Denis Gillardo del Dipartimento di Psichiatria. Roberto Palia, responsabile del Servizio di Salute Mentale dell’Infanzia; Cecilia Fernandez, MD, divisione di neurologia dell’adulto; ed Esteban Vaucheret, MD, vicepresidente del servizio di neurologia pediatrica. Ogni intervento è stato valutato in Centro di Bioetica.

In alcuni casi di malattia di Parkinson, viene utilizzata anche la stimolazione cerebrale (iStock).
In alcuni casi di malattia di Parkinson, viene utilizzata anche la stimolazione cerebrale (iStock).

Negli Stati Uniti, la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato anni fa la stimolazione cerebrale profonda per il trattamento del morbo di Parkinson, del tremore essenziale, della distonia, dell’epilessia e del disturbo ossessivo-compulsivo. Nel frattempo, secondo la Cleveland Clinic di quel paese, l’intervento è allo studio per sclerosi multipla, depressione, dolore cronico, trauma cranico, sindrome di Tourette, recupero da ictus, sindrome del dolore ipotalamico, morbo di Alzheimer, dipendenza e anoressia nervosa.

READ  Ispera, lo squalo miracoloso nato in una vasca in Sardegna dove c'erano solo femmine

Non tutti i pazienti possono sottoporsi a questo tipo di intervento chirurgico. Prima di poter essere considerati candidati per la stimolazione cerebrale profonda, i pazienti devono essere sottoposti a un processo di screening completo. Idealmente, un team multidisciplinare di specialisti, tra cui un neurologo, neurochirurgo, psichiatra e psicologo, dovrebbe valutare le condizioni del paziente.

Continuare a leggere:

Attraverso la meditazione, la mente umana può navigare meglio nella pandemia di COVID-19
Ansia e attacchi di panico: qual è la differenza e che sintomi hanno
Ansia e depressione: a causa dell’epidemia, sempre più persone soffrono di disturbi mentali in Argentina