Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Uno scienziato costaricano ha assegnato 1,5 milioni di euro per studiare il cervello dei bambini in Italia

piccolo gioco del dottore Silvia Elena Benavides Varela Ha chiesto più volte ai suoi genitori del Natale, quando era bambina, un’ispirazione che l’ha resa oggi una delle principali ricercatrici in Università di Padova, in Italia, meritato 1,5 milioni di euro dal Consiglio europeo della ricerca (ERC, per il suo acronimo inglese) da implementare studi sul cervello dei bambini.

La vita che ha vissuto da bambina tra mucche, colline e cieli limpidi per vedere le stelle a San Vicente de San Carlos, a 7 chilometri da Ciudad Quesada, è stata una vita molto diversa da quella che vive oggi in mezzo agli ospedali e al laboratorio in Italia dove lavora nervi. Tuttavia, Benavides afferma che ogni passo che ha fatto nella sua casa, ai piedi del Parco Nazionale Juan Castro Blanco (comunemente noto come il “Parco acquatico”), l’ha portata alla sua vita attuale.

“Ci sono poche famiglie, molto grandi. I miei nonni aprivano la montagna per arrivarci. Fino a poco tempo fa preparavano la strada per arrivarci. Tutta quell’infanzia in campagna, in mezzo alle mucche, e guardare la collina mi portava a le opportunità che ho qui oggi”, Nazione Dalla sua casa di Padova, dove vive con il marito e due figli, Luis Rodrigo, 7 anni, e Miranda, che sta per compiere 5 anni.

Cinque anni per studiare le predizioni linguistiche dei bambini

Come utilizzerà Benavides i 1,5 milioni di euro del suo premio? in un Uno studio, nei bambini, di ciò che accade nel cervello umano per lo sviluppo del linguaggio E determina se ci sono “predizioni” che si verificano prima di quelle prime parole o addirittura delle chiacchiere. È uno studio quinquennale di ciò che accade nel cervello umano.

Lo scienziato ha spiegato che molte persone pensano che un bambino sia una versione ridotta di un adulto e immaginano che abbia la stessa struttura della mente, ma con dimensioni ridotte, il che non è il caso. “Ha più abilità degli adulti e un esempio è il linguaggio”, ha detto.

“Cosa succede quando un bambino inizia a parlare? Stiamo tutti festeggiando, ma anche prima la mente ha imparato il linguaggio. È stata molto attiva. Questo è ciò che vogliamo studiare, possiamo prevedere quando il bambino dirà il parole?”

READ  L'Italia e Madrid stanno studiando se l'origine dell'epidemia di vaiolo delle scimmie sia stata una grande festa a Maspalomas

Per la ricerca si utilizzano i marker cerebrali, la respirazione e la frequenza cardiaca, ma si valuta anche la vita in casa: come dorme il bambino, cosa succede? L’idea è di partire dalla nascita e continuare.

Il premio e il finanziamento non sono stati facili. Più di 4.000 persone hanno partecipato ai loro progetti per essere uno dei 397 vincitori. Per fare ciò, hanno dovuto presentare una proposta di cui è stata selezionata una percentuale per andare a vari colloqui poiché il numero di candidati è diminuito sempre più.

Rappresento le minoranze

“Rappresento molte minoranze. Alla domanda sulle minoranze a conferenze o convegni, posso dire di essere una donna, di un paese in via di sviluppo, di una zona rurale e della prima generazione in famiglia con un’istruzione superiore. I miei genitori non lo facevano completare la scuola primaria, ma da loro ho imparato l’importanza del duro lavoro Onesto e mettendo sempre la famiglia al primo posto.

“C’è una componente spirituale, credo molto in Dio, e ci sono molti sforzi coinvolti; c’è molto sostegno da parte della famiglia e un pizzico di fortuna”.

Motivazione dalla scuola

Benavides, 39 anni, ricorda che mentre andava a scuola, un’insegnante disse a sua madre di non mandarla a scuola poiché era molto piccola, perché “era tra le mucche e in mezzo alla natura”. Non è andato all’asilo ed è andato direttamente in prima elementare, ma non ha perso tempo; Sua sorella gli ha insegnato a leggere e scrivere. Quando è arrivato a scuola, era annoiato. Poi la sua maestra di prima elementare iniziò a portargli dei libri.

“Era una di quelle insegnanti che vedevano che potevano fare una cosa in più. Mi chiedeva sempre qualcos’altro e non mi lasciava mai annoiare. Ho visto che era molto timida. Poi mi ha chiesto di parlare in occasione di eventi civili . Che spettacolo essere un insegnante! Sapeva come ci aiuta tutti”.

In seguito è arrivata al San Carlos Scientific College, dove il suo sogno era diventare un neurochirurgo pediatrico. Più tardi, ha cambiato il suo approccio, ma ha mantenuto l’essenza dell’aiutare lo sviluppo del cervello giovane.

“Ero molto chiara sul fatto che volevo lavorare con i bambini e con il cervello dei bambini. Non sapevo esattamente come o cosa studiare per essere una ricercatrice scientifica su questi temi”, ha detto.

READ  Acciona, CAF ed EIT InnoEnergy investono in Zeleros, il progetto ferroviario spagnolo da 1.000 km/h | comp

Diviso tra medicina e biotecnologia

Quando venne il momento di lasciare San Carlos per lasciare il posto alla vita universitaria, decise di unire il suo tempo tra la medicina presso l’Università del Costa Rica (UCR) a San Pedro de Montes de Oca e l’ingegneria biotecnologica presso l’Istituto Tecnologico del Costa Rica ( Tec) a Cartago.

Nel primo anno, per migliorare il tempo, ha frequentato i corsi di scienze umane alla Distance State University (UNED), perché voleva continuare a lavorare come insegnante presso l’Olympic Sports di San Carlos, a cui si dedicava nei fine settimana.

Il tempo l’ha portata a rimanere nella biotecnologia perché, sebbene all’epoca si concentrasse più sulle piante e non tanto sulla salute umana, le forniva quegli strumenti di ricerca.

La sua tesi l’ha portata a essere nuovamente associata alla salute umana, poiché ha lavorato a fianco del Neuroscience Research Program presso l’Università della California. Questo progetto l’ha avvicinata al funzionamento del cervello umano.

Questo ha aperto le porte delle scuole estive in vari paesi sudamericani e li ha messi in contatto con persone che facevano ricerca in neuroscienze. È stata molto chiara sul fatto che non è né un medico, né uno psichiatra, né una psicologa dell’educazione, ma che vuole studiare il cervello umano e, in particolare, il cervello dei bambini. Quelle conversazioni, senza saperlo, gli avrebbero dato un ingresso in Europa.

Germania, Francia, Italia…

Vari esami di ammissione l’hanno portata a seguire dei corsi di formazione Istituti Max Planck in Germania e dentro Università di Trieste In Italia. Poi l’hanno portata per un po’ in altri studi in Francia.

Successivamente, ha conseguito il dottorato di ricerca in Italia e ha studiato esattamente quello che voleva: il cervello dei bambini e vedere come si sviluppa il linguaggio. Ha poi conseguito un dottorato di ricerca in riabilitazione all’Ospedale di Venezia e un altro a Parigi studiando, ancora, il cervello dei bambini.

Quel periodo in Francia è stato particolarmente simbolico: “Fin da piccolo ho detto per qualche motivo che volevo andare a Parigi, non so perché, ma ci sono riuscito”.

READ  Scrittori messicani che dovresti conoscere questo 8M

Successivamente, l’Università di Padova l’ha assunta e lì si è sviluppata come ricercatrice in neuroscienze e psicologia.

Il percorso era anomalo. Cosa fa un ingegnere biotecnologico coinvolto nelle neuroscienze? Ha sottolineato che lo deve a molte persone, incluso il suo insegnante di dottorato. Mi sono affidato a lei, che non aveva formazione in questo campo di conoscenze e non parlava italiano. La sua unica richiesta per lei era che imparasse a parlare italiano, così da poter comunicare con le madri dei bambini.

Tuttavia, cerca di tornare a San Vicente quando può vedere i suoi genitori, la sorella Jimmy e i fratelli Johnny e Luis Diego. “Vengo da una famiglia molto numerosa, le mie nonne hanno 12 e 15 figli e sono davvero fortunato ad essere cresciuto in una famiglia, circondato da zii e cugini”.

L’amore l’ha fermata quando stava per tornare in Costa Rica

Al termine del dottorato, quando stava per tornare in Costa Rica, ha conosciuto il marito, Antonio Valese, anche lui professore e ricercatore in Neuroscienze, psicologia e psicologia nella stessa università.

È stato l’incontro con una delle prime persone che ha incontrato in Italia, ma per anni ha smesso di vederle. Nella sua prima settimana lì, decise di andare alla discussione della sua tesi di dottorato, perché sapeva che doveva farlo una volta terminati gli studi. Questa era la tesi di Valesi. Si sono conosciuti quel giorno, hanno condiviso molto poco. “Lì mi ha invitato a mangiare la pizza”, ricorda.

Dieci giorni dopo, partì per analizzare come post-dottorato in Canada. Ognuno è andato per la propria strada, ma è tornato quando Sylvia stava per finire gli studi e tornare in Costa Rica.

In realtà ha ottenuto il suo lavoro all’UCR. Tuttavia, come ho detto, il destino, Dio o la vita stessa le hanno fatto avere una stanza libera nell’appartamento che stava affittando. La sua coinquilina era in stretta amicizia con Valese e le disse che poteva restare lì per qualche giorno finché non avesse trovato un posto fisso. È nato un amore che ora si somma a un decennio.

Ha poi restituito la borsa di studio al Consiglio Nazionale per la Ricerca Scientifica e Tecnologica (Conicit), che ha sponsorizzato i suoi studi, ed è rimasta in Italia.

Sottolinea che, dalla scuola ai post-dottorati, ha sempre trovato persone che l’hanno supportata e le hanno dato una mano per imparare.

Inoltre, questa donna post-dottorato che ha ricevuto un fondo di indagine milionario al giorno d’oggi desidera ancora quell’infanzia con mucche e colline e cerca di tornare ogni volta che può per interpretare il ruolo della figlia di Clotilde e Jorge Luis, a cui una volta aveva chiesto loro fare il dottore.