Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una confessione diplomatica americana: ha aiutato a complottare colpi di stato in altri paesi | John Bolton “specialista” nel rovesciamento di governi stranieri

L’ex consigliere per la sicurezza della Casa Bianca John Bolton Questo martedì ha ammesso di aver “aiutato” a complottare colpi di stato in diversi paesi. Il diplomatico nordamericano – che è stato amministratore delegato di Donald Trump – non ha esitato ad ammetterlo Gli Stati Uniti interferiscono negli affari interni di altri paesi, aggiungendo che “ci vuole molto lavoro” per rovesciare il governo e prendere il potere in un paese.

L’ammissione di Bolton è arrivata sulla scia di una fuga di notizie sui contatti di Trump con i gruppi di estrema destra in vista dell’attacco al Campidoglio. L’ex consigliere per la sicurezza nazionale è stato intervistato CNN Per dare maggiori dettagli su quanto rivelato dalla commissione d’inchiesta sull’invasione del Congresso Nazionale. Bolton ha detto che l’attacco al Campidoglio non era “qualcosa di adeguatamente pianificato” ma era basato sull’improvvisazione dell’ex presidente per mantenere la carica.

Contrariamente a quanto espresso anche dall’ex ambasciatore Usa alle Nazioni Unite, il giornalista Jake Tapper ha osservato che “non bisogna essere bravi a tentare un colpo di stato”. Lì Bolton si è identificato come uno specialista nel rovesciamento di governi stranieri.

“Non sono d’accordo con questo”, ha detto Bolton, come si vede nel video. “Come Qualcuno che ha aiutato a pianificare un colpo di statoE il Non qui, ma altrove, è necessario molto lavoro. E non è quello che ha fatto. Stavo passando da un’idea all’altra”.

Pochi minuti dopo, Tapper è tornato sull’ammissione accidentale di Bolton del suo coinvolgimento in scioperi internazionali. “Quando parlavamo di ciò che è capace di fare, di cosa devi fare per pianificare un successo. Hai citato la tua esperienza nella pianificazione del successo”, ha ritrattato il giornalista. “Non entrerò nei dettagli”, ha detto il diplomatico repubblicano, che in seguito ha menzionato il tentativo di colpo di stato in Venezuela contro Nicolás Maduro nel 2019. A quel tempo, Bolton non faceva più parte dell’esecutivo nordamericano, anche se lo disse e vide “ciò che era necessario affinché l’opposizione cercasse di rovesciare il presidente”. Ha paragonato l’idea che Donald Trump sia la metà dell’efficienza dell’opposizione venezuelana come ridicola”.

READ  Polemica sul "turismo della salute": viaggiano per farsi vaccinare e farsi COVID | Cronaca

La chiusura dell’intervista ha messo in luce l’impunità di Bolton. ““Sento che ci sono altre cose che non mi stai dicendo”, ha risposto il giornalista della CNN.

“Sono sicuro che c’è”, rise Bolton.