Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una città con così tanta arte e così poca vita

Il futuro del turismo è ancora un mistero ma oggigiorno Le istituzioni sembrano fare ogni sforzo per ripristinare i viaggi di massa Dal punto di partenza della crisi economica globale, che potrebbe dare indizi su come potrebbe essere il futuro nonostante il summit sul clima, Friday for the Future e le conseguenze sui livelli ambientali rivelate dalla chiusura. Un settore che ha in qualche modo definito la crisi sanitaria Dalla pandemia (sono state abolite le restrizioni a favore degli spostamenti durante i periodi di vacanza, sono state fatte chiamate ai turisti internazionali, si torna a viaggiare tra i Paesi rincorrendo il messaggio di promozione) questo è talmente radicato nella logica politica e sociale del mondo attuale che forse il coronavirus può. A causa del turismo negli ultimi decenni, La geografia cambia nello spazio pericoloso della vita stessa, Dove, però, molte persone vogliono una foto, un ricordo di essere stati lì, sull’orlo del disastro, come un balcone, a guardare.

Attualmente, Le città stanno diventando più ricche e più affollate Mentre le persone e i loro ambienti rimangono sottomessi nell’oblio, a volte accade anche il contrario: Ci sono città che sono diventate spopolate e sovraffollate allo stesso tempodiventare ricchi e poveri allo stesso tempo. Risponde tutto alla stessa domanda: Il liberalismo esiste in ogni forma possibile. Un ottimo esempio è Venezia, una città che ha fatto notizia durante le prime settimane della crisi globale perché la sua immagine di strade vuote e acque cristalline era inimmaginabile.

Venezia, la città fantasma che comprano i cinesi

Javier Brandoli. Venezia

Esposta sopra le profondità dell’Adriatico, la sua struttura visibilmente fragile (il suo suolo è sostenuto da pali di legno conficcati nel fango alluvionale) Resiste e continua a passare tra i 26 e i 30 milioni di turisti all’anno, Il doppio di quello che era negli anni ’90. Nel tempo (nell’ottobre di quest’anno saranno 1.600 anni) il capitalismo ha passato decenni, più veloce che mai, e più sfuggente tra storia e arte. C’era una volta, non molto tempo fa, Venezia era viva e comunità, e un luogo di ispirazione per tutti i tipi di attrazioni, dai suoi canali, centinaia di ponti ed edifici, così come i suoi musei e centri culturali. Secondo il Portale dell’Architettura e dell’Urbanistica, nel 1950 i turisti non italiani per la prima volta (278.875) hanno superato la popolazione locale (226.180). Laboratorio Arcegu. Sebbene il primo grande esodo di massa della sua popolazione sia stato causato dalla ricerca di lavoro in altre zone, dagli anni ’70 in poi si è aggiunto l’instancabile afflusso di turisti in viaggio per la città. da allora, Il turismo svuota la città costiera, che ora vive nel miraggio dell’arte della protesta.

READ  Un'azienda dona 20€ per promuovere il restauro dell'ospitalità a Valencia

Il futuro della cupola d’élite artistica

“Come vivremo insieme?” È questa la domanda a cui rispondono 112 partecipanti provenienti da 61 paesi alla XVIII Biennale di Architettura di Venezia, che si svolge in città dal 22 maggio al 21 novembre, nell’ambito della Biennale, la più importante fiera d’arte al mondo che ha riunito l’architettura , arte e teatro E cinema dal 1895 nei mesi estivi nel capoluogo veneto. L’edizione di quest’anno è stata rivelata sotto la narrativa emergente della pandemia. Mentre le strade (e il mare) sono piene di opere d’arte, Finanziato in molti casi da grandi multinazionali, che denunciano l’inquinamento, il degrado ambientale e un futuro atrofico, Atrofia ambientale a causa del degrado ambientale E inquinano centinaia di aerei e navi da crociera che arrivano ogni giorno (già nel 2019 l’UNESCO aveva avvertito la città di porre il veto alle grandi navi che attraccavano nel suo porto). La realtà a Venezia è il paradosso del godimento della classe ricca.

“Sono intrappolato in un lavoro che non offre alcuna opportunità di carriera, ma sembra comunque un salvavita”

Nel 2015, gli ospiti VIP al cocktail di apertura della Fondazione Prada, che faceva parte dell’evento, sono caduti in Canal Grande quando la piattaforma su cui si trovavano è caduta. Quella era l’immagine che si è assorbita nella retina sociale, come un’opera d’arte. All’epoca scriveva in il critico d’arte Mariagrazia Moscatelo Rivista ‘Artishock’“: “Con lo champagne è finita anche la pretesa di salvare il mondo. La convinzione che “l’intero futuro del mondo” è alla portata di un fiduciario e si realizza dalle porte chiuse di un evento. Quali futuri o passati possono essere ricondotti all’elite dell’arte nel mondo? Qual è il significato dell’arte politica oggi e il suo rapporto con il sistema dell’arte?

READ  Turespaña attiva la campagna You Deserve Spain nel Regno Unito

La trasformazione di Venezia in una grande attrazione turistica non è una novità, perché negli anni i suoi sempre meno vicini non hanno cessato di protestare contro la presa di possesso turistica a cui sono sottoposti. Ma La retorica amichevole dell’arte gioca un ruolo importante nell’equazione neoliberista Consumo illimitato (consumo urbano possibile) Per nascondere le conseguenze che possono essere uno specchio di tante altre città. Fortunatamente nessuno dei partecipanti al cocktail Prada è annegato nell’incidente, ma mentre la caduta in loro era spaventosa, i veneziani affogavano nella disoccupazione e nell’incertezza, e hanno continuato a farlo sei anni dopo, vedendo come il benessere è installato in il primo piano di loro, loro stessi Come spettatori, un museo è in realtà la loro casa. Così avverte nel suo articolo il giornalista Giulio Biovesan, originario della città dei Navigli ipersensibilità: “Sono bloccato in un lavoro che non offre opportunità di carriera, ma sembra ancora esserlo L’ancora di salvezza a cui aggrapparmi se non voglio sprofondare nella disoccupazione Oppure finisci per servire pizza e vendere falsi o manufatti locali a turisti trascurati che non riescono a distinguere Venezia da Firenze”.

Generazioni intrappolate nella “fragilità”

Beauvizan, che scrive di arte e fotografia, racconta la realtà dello sfarfallio della Biennale: Come lui, molti giovani della città sono “intrappolati in uno stato esistenziale intermedio Laddove il tempo che trascorrono sui libri per una laurea è finito, sono tutt’altro che completamente cresciuti. Incarna perfettamente le condizioni di generazioni di italiani Intrappolati nel precariao (“affari rischiosi”), impossibilitati a lavorare tutto l’anno, a mettere su famiglia, a comprare o addirittura affittare un appartamento da soli (spesso dovendo condividere un appartamento fatiscente con altre persone nella stessa situazione, rinunciando così a delle conquiste collettive del diciannovesimo secolo: la privacy”. La città ha perso il suo tessuto industriale e i suoi negozi Scompaiono sempre. secondo Analisi pubblicata nel 2017Nel 2011, solo il centro storico della città (che dal 1987 è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO) ha raccolto 288 turisti ogni 1.000 abitanti. In questa analisi è possibile verificare le differenze di prezzo per tutti i tipi di prodotti sulla terraferma e nel centro di una delle città più care d’Europa.

READ  Quattro province rappresentano il 74,7% delle rimesse inviate dai migranti Economia | notizia
Foto: iStock

La soluzione proposta dal sindaco, il governatore Luigi Brugnaro, è quella di imporre la normalità creata dal Covid-19, e, tra l’altro, anche l’idea della cosiddetta vecchia normalità nella sua forma più ampia: più crociere, più lusso, Più turismo che piccioni in piazza San Marco, più spettacolo da attirare. Così la Biennale diventa una spirale senza uscita per Venezia: molti veneziani esauriscono la loro creatività, conoscenza e una parte importante della loro esistenza in Biennale nel tentativo di trovare un modo per liberarsene, ma non lo fanno. Riuscì a farsi una buona idea invece di aspettare e aspettare che il destino si sviluppasse. Nel frattempo, sono stanchi delle proprie aspettative e perdono l’entusiasmo che avevano quando hanno iniziato a lavorare lì”, dice il giornalista.

Questa forma di eventi artistici sta diventando drammaticamente e ad ogni costo sempre più comune in molte città nell’era della globalizzazione sfrenata. Gli eventi sono stati presentati come una salvezza per i problemi della società che, quando sono terminati, hanno fornito non nuovi incentivi, ma nuovi capitali, svuotando l’identità di luoghi come questi, che Perde 1.000 residenti all’anno (Un esodo iniziato più di mezzo secolo fa) come seconde case e raduni di celebrità che trascorrono i fine settimana in uno dei tanti hotel a cinque stelle affacciati sul Canal Grande. riguarda La quarta città con l’affitto più costoso d’Italia e la più alta densità di Airbnb. Il risultato: una città unica Tanta arte e così poca vita.