Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un safari nella città più brutta del mondo, nel cuore dell’Europa

Charleroi, comune a 50 chilometri a sud di Bruxelles (EFE)

Nella città vecchia puoi vedere alcune di quelle facciate belghe strette ed elastiche con accenni all’Art Nouveau. Nei dintorni ci sono fabbriche abbandonate e quartieri abbandonati con case in mattoni, graffiti e rovine. Ovviamente ci sono stati tempi migliori.

Questo è, in generale, ciò che gli occhi curiosi trovano quando arrivano alle coste di Sambre per esplorare Charleroicomune situato a 50 chilometri a sud di Bruxelles, in Vallonia, famoso per la sua brutalità estetica.

San Benedetto viene dai vicini Paesi Bassi e risale al 2008, quando lo lessero i lettori del quotidiano olandese de Volkskrant Scelsero Charleroi, “la città più brutta del mondo”.

La battuta ha iniziato a venire fuori e Charleroi sta ora spuntando negli elenchi di Internet con città interessanti meno conosciute, insieme ad Amman, Luanda, Los Angeles, Brazzaville o Città del Guatemala.

“Non è che la città sia brutta, ma è noiosa. Non succede niente, non è dinamico. Quando hai un certo livello intellettuale o sociale e vuoi progredire, vai a Bruxelles”, Dal 2008 Nicolas Boisart frequenta Efe accanto ad alcuni altiforni abbandonati.

Buissart è un “Carollo” multi-artista di 42 anni che funge da guida alla scoperta delle cose più brutte della città attraverso la Charleroi Adventure Agency, il cui sito web fa un’affermazione provocatoria: “Seguici in un safari urbano e scopri dove si è suicidata la madre di Magritte”.

C'è un problema di salute mentale.  Le persone erano abituate alle grandi aziende che fornivano tutti i servizi, persino scuole e piscine, e quando se ne andavano, le persone diventavano zombi
C’è un problema di salute mentale. Le persone avevano grandi aziende che fornivano tutti i servizi, anche scuole e piscine, e quando se ne andavano diventavano zombie”, dice Buissart di un comune di 200.000 residenti (400.000 nell’agglomerato urbano) il cui aeroporto è utilizzato da compagnie aeree low cost. .EFE / Javier Albeso

Charleroi è stata fondata nel 1666, da una fortezza eretta sotto il re Carlo II di Spagna, al quale deve il suo nome. Passarono anche francesi, austriaci e olandesi. Brilla con la rivoluzione industriale grazie al carbone e all’industria, ha continuato a crescere all’inizio del XX secolo e ha continuato anche dopo le Grandi Guerre.

READ  Jair Bolsonaro ha detto che non permetterà a sua figlia di 11 anni di essere vaccinata contro il coronavirus | Il presidente brasiliano ha minacciato di rivelare i nomi degli scienziati che hanno accettato di vaccinare i bambini

Ma negli anni ’60 iniziò a declinare e nell’ultima parte del secolo il suo declino accelerò con l’avvento della globalizzazione: molte industrie chiusero e il paesaggio urbano inondato di disoccupazione, droga e criminalità, problemi che permangono.

C’è un problema di salute mentale. Le persone si sono abituate alle grandi aziende che forniscono tutti i servizi, anche scuole e piscine, e quando se ne sono andate le persone sono diventate degli zombie”Buissart racconta di un comune di 200.000 abitanti (400.000 nell’agglomerato urbano) il cui aeroporto è utilizzato dalle compagnie aeree low cost.

Charleroi ha ricevuto l’ultimo duro colpo con la chiusura dello stabilimento Caterpillar nel 2016, che ha richiesto 2.000 posti di lavoro prima di esso. Il sito è ancora vuoto, ma è in corso di negoziazione la costruzione di un parco a tema Legoland.

Davanti a una fabbrica di cavi, una barca ispeziona il canale alla ricerca di rottami metallici, un’immagine che Broissart usa per riflettere sul futuro di Charleroi: “Il futuro è nell’industria del riciclaggio, nell’uso dei canali”, dice.

A pochi metri di distanza, tre giovani si aggirano per la zona con aria di turisti. Sono di Anversa, la ricca città nel nord del Belgio fiammingo.

“Non è che la città sia brutta, ma è noiosa. Non succede niente, non è dinamico. Quando hai un certo livello intellettuale o sociale e vuoi progredire, vai a Bruxelles”, ha detto Nicholas Boissart a Efe accanto a alcuni altiforni abbandonati dal 2008. EFE / Javier Albisu

“Ho sempre voluto visitare Charleroi perché è famosa per essere una città molto brutta e penso che ci sia bellezza nella bruttezza”, dice Matthew.

READ  Il presidente dell'Ucraina ha suggerito di incontrare Vladimir Putin e chiedere un maggiore sostegno occidentale: "Siamo lo scudo dell'Europa contro l'esercito russo".

Ma non è tutta decadenza La città che nel 1938 vide la nascita della rivista Spirou, uno spettacolo dei Puffi, Lucky Luke o Largo Winch.

Nonostante il tasso di disoccupazione sia ancora vicino al 20%, gli indicatori socio-economici di Charleroi sono leggermente migliorati nell’ultimo decennio, la città vanta una certa ripresa e ci sono progetti entusiasmanti all’orizzonte: Google investirà 500 milioni di euro in un data center e anche la più grande azienda In Europa è in costruzione una scuola di biotecnologie.

Charleroi non è più quello che conoscevamo. Ci sono molte aziende che si stabiliscono qui perché ci sono vantaggi (finanziari) rispetto a Bruxelles, il centro offre intrattenimento, è pedonale, ci sono molti ristoranti, un centro commerciale… ”, il gestore dell’hotel Ibis alla stazione dice Efe. Train, Ovidio Matisse.

Il Dizionario dell’Accademia Reale di Lingua Spagnola definisce la “bellezza” come “qualcosa che compiace l’occhio o l’orecchio, e quindi l’anima, per la perfezione delle sue forme”. Quanto a “brutto” include significati come “privo di bellezza”, “causa risentimento o avversione” e “sembra cattivo o sfavorevole”.

Charleroi probabilmente si adatta meglio alla seconda serie di definizioni, ma è difficile giungere a una conclusione indiscutibile.

Nonostante il tasso di disoccupazione sia ancora vicino al 20%, gli indicatori socio-economici di Charleroi sono leggermente migliorati nell'ultimo decennio, la città vanta una certa ripresa e ci sono progetti entusiasmanti all'orizzonte: Google investirà 500 milioni di euro in un data center e anche la più grande azienda In Europa è in costruzione una scuola di biotecnologie.  EFE / Javier Albiso
Nonostante il tasso di disoccupazione sia ancora vicino al 20%, gli indicatori socio-economici di Charleroi sono leggermente migliorati nell’ultimo decennio, la città vanta una certa ripresa e ci sono progetti entusiasmanti all’orizzonte: Google investirà 500 milioni di euro in un data center e anche la più grande azienda In Europa è in costruzione una scuola di biotecnologie. EFE / Javier Albiso

Socrate ha infatti discusso con Ippia della bellezza oltre 2000 anni fa, argomento poi ripreso da Kant, Hegel, Nietzsche o Umberto Eco, che dà un’idea della complessità di definire cosa è bello e perché, senza nemmeno incorrere in quello i canoni della bellezza cambiano nel tempo.

READ  Invasione russa in diretta: l'Ucraina denuncia la comparsa di 800 corpi nella regione di Kherson occupata dalle forze di Putin

Charleroi, il cui ufficio turistico la descrive come “la culla dell’insolito”, contribuisce con un granello di sabbia a questa riflessione perché se non ci fosse il brutto forse anche la bellezza sarebbe indistinguibile.

(Con informazioni da EFE)

Continuare a leggere: