Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un robot della NASA ha rilevato un forte terremoto su Marte

Il 18 settembre, il lander InSight della NASA ha celebrato il suo millesimo giorno marziano, o sole, misurando uno dei terremoti più grandi e più longevi che la missione abbia rilevato. NASA/JPL-CALTECH

Da lontano sembrano calmi e stabili. senza vita. ma Il nostro vicino pianeta Marte è vivo. Essendo un pianeta roccioso, è in movimento.

Ciò è stato confermato il 18 settembre. sonda intuizione La NASA, che ha celebrato il suo millesimo giorno su Marte misurando uno dei terremoti più grandi e più longevi rilevati dalla missione. Si stima che il terremoto abbia avuto una magnitudo di circa 4.2 e la scossa sia durata circa un’ora e mezza.

Questo è il terzo grande terremoto per InSight rilevato entro un mese: il 25 agosto, il sismometro della missione ha rilevato due terremoti di magnitudo 4.2 e 4.1. Per fare un confronto, un terremoto di magnitudo 4.2 ha cinque volte l’energia del precedente detentore del record di missione, un terremoto di magnitudo 3.7 rilevato nel 2019.

InSight è dotato di strumenti per studiare i moti esplicativi di Marte - NASA/JPL-Caltech/Handout via REUTERS
InSight è dotato di strumenti per studiare i moti esplicativi di Marte – NASA/JPL-Caltech/Handout via REUTERS

La missione statunitense sta studiando le onde sismiche per saperne di più sull’interno di Marte. Le onde cambiano mentre viaggiano attraverso la crosta, il mantello e il nucleo del pianeta, Offre agli scienziati un modo per guardare in profondità sotto la superficie. Ciò che hanno appreso potrebbe far luce su come si sono formati tutti i mondi rocciosi, inclusi la Terra e la Luna, secondo i rapporti della NASA.

Secondo gli studiosi, I terremoti potrebbero non essere stati rilevati se la missione non avesse adottato misure di autoconservazione all’inizio dell’anno, perché l’orbita altamente ellittica di Marte lo teneva più lontano dal sole. Le temperature più basse hanno costretto la navicella a fare più affidamento sui suoi riscaldatori per il riscaldamento; Questo, combinato con l’accumulo di polvere sui pannelli solari di InSight, ha abbassato i livelli di potenza della sonda, richiedendo il compito di risparmiare energia spegnendo temporaneamente alcuni dispositivi. Il team è stato in grado di mantenere il sismometro adottando un approccio non intuitivo: hanno utilizzato un braccio robotico InSight per drenare la sabbia. Vicino a un pannello solare sperando che quando le raffiche di vento lo trasporteranno attraverso il pannello, i granuli rimuoveranno un po’ di polvere. Il piano ha funzionato e nel corso delle varie attività di pulizia della polvere, il team ha scoperto che i livelli di energia sono rimasti abbastanza stabili. Ora che Marte si è avvicinato di nuovo al Sole, l’energia sta lentamente iniziando ad aumentare.

READ  L'autonomia del MacBook M1 è così buona che Apple ha pensato che ci fosse un malfunzionamento con l'indicatore della batteria di macOS

Mentre il terremoto del 18 settembre è ancora in fase di studio, gli scienziati sanno già di più sul terremoto del 25 agosto: l’evento di magnitudo 4.2 si è verificato a 8.500 chilometri da InSight, il terremoto più lontano che la sonda abbia mai visto. È stato scoperto finora. Gli esperti stanno lavorando per determinare la fonte e la direzione in cui hanno viaggiato le onde sismiche, ma sanno che il sisma è avvenuto così lontano dalla sua origine che InSight ha rilevato quasi tutti i precedenti grandi terremoti: Cerberus Fossae, un’area di circa 1.609 chilometri dove la lava potrebbe essere sgorgata negli ultimi milioni di anni.

La missione statunitense sta studiando le onde sismiche per saperne di più sull'interno di Marte.  Reuters/NASA/JPL-Caltech/Bulletin
La missione statunitense sta studiando le onde sismiche per saperne di più sull’interno di Marte. Reuters/NASA/JPL-Caltech/Bulletin

Una possibilità particolarmente interessante è Vallis Marineris, il grande sistema vallivo che lascia cicatrici sull’equatore marziano. Il centro approssimativo di questo sistema di valli si trova a 9.700 chilometri da InSight.

Con sorpresa degli scienziati, i terremoti del 25 agosto erano di due tipi diversi. Il terremoto di magnitudo 4.2 è stato dominato da vibrazioni lente e a bassa frequenza, mentre le vibrazioni rapide ad alta frequenza sono state caratterizzate da un terremoto di magnitudo 4.1. Il terremoto di magnitudo 4.1 era molto più vicino alla sonda, a soli 925 chilometri di distanza.

Il sismometro di InSight di solito rileva i terremoti di notte, quando il pianeta si sta raffreddando - NASA
Il sismometro di InSight di solito rileva i terremoti di notte, quando il pianeta si sta raffreddando – NASA

Questa è una buona notizia per i sismologi: La registrazione di diversi terremoti da una gamma di distanze e diversi tipi di onde sismiche fornisce maggiori informazioni sulla struttura interna di un pianeta. Quest’estate, gli scienziati della missione hanno utilizzato i dati precedenti del terremoto per dettagliare la profondità e lo spessore della crosta e del mantello del pianeta, nonché le dimensioni del suo nucleo fuso.

READ  Addio Internet Explorer: non ci saranno più aggiornamenti nel 2022

Nonostante le loro differenze, i terremoti di agosto hanno qualcosa in comune oltre ad essere grandi: entrambi si sono verificati durante il giorno, quando i venti erano più forti, e, dal sismometro, più forti su Marte. Il sismometro di InSight rileva in genere i terremoti di notte, quando il pianeta si sta raffreddando e i venti sono bassi. Ma i segnali di questi terremoti erano abbastanza grandi da superare qualsiasi rumore del vento.

Continuare a leggere: