Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un rapporto delle Nazioni Unite avverte che la crisi climatica ha accelerato e il pianeta aumenterà di 1,5 gradi Celsius nei prossimi 19 anni

L’Intergovernmental Panel on Climate Change prevede che il riscaldamento globale di 1,5°C sarà superato nel prossimo futuro (tra il 2021 e il 2040) e rimarrà al di sopra di questa temperatura fino alla fine del secolo.

Il futuro è arrivato ed è molto cupo: la crisi climatica provocata dall’uomo, che genera grande instabilità in vaste aree della Terra, porterà a un aumento della temperatura media globale di 1,5 gradi Celsius negli anni 2030, diversi anni prima di quanto previsto finora. Questo è ciò che i principali scienziati del mondo hanno avvertito, secondo un rapporto di riferimento appena pubblicato.

Documento, preparato da Il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) delle Nazioni Unite, è l’avvertimento più severo sulla velocità e la portata del riscaldamento globale.

Lo prevede il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) Il riscaldamento globale sarà superato di 1,5°C nel prossimo futuro (tra il 2021 e il 2040) e rimarrà al di sopra di questa temperatura fino alla fine del secolo, in tutti gli scenari ad eccezione dello scenario con emissioni più basse. In quest’ultimo caso, il pianeta rimarrà al di sotto di 1,5°C, dopo un temporaneo superamento di meno di 0,1°C, prima che il carbonio venga rimosso dall’atmosfera e le temperature scendano nuovamente.

Cosa significa questo? Dipende dallo scenario analizzato in termini di innalzamento termico. Se si considerano gli effetti, La terra in cui vivranno i nostri figli e nipoti nei prossimi anni subirà maggiori siccità, eventi estremi più frequenti, innalzamento del livello del mare con rischi per le città costiere e il pericoloso impatto economico di attività come l’agricoltura e l’allevamento. E gli ecosistemi fragili, come le barriere coralline, potrebbero scomparire.

Il rapporto dell’IPCC sottolinea l’importanza di affrontare i gas serra, come il metano. Il bestiame dei ruminanti e le risaie allagate sono le principali fonti agricole di queste emissioni. Gli sforzi di mitigazione dovrebbero concentrarsi sulla gestione della domanda, compreso il passaggio a diete con più cereali, legumi e verdure. La produzione di bestiame dovrebbe essere effettuata attraverso sistemi di pascolo integrati, come i sistemi di pascolo in pietra, che aiutano a mitigare le emissioni di gas serra catturando l’anidride carbonica negli alberi e nel suolo”. Miguel TaboadaSuolo e climatologo presso l’Università di Buenos Aires.

il Accordo di Parigi Si pone l’obiettivo che l’aumento della temperatura entro la fine del secolo non superi i 2°C e preferibilmente 1,5°C. Ma, in questo, il rapporto IPCC è solido: Sia 1,5°C che 2°C verranno superati durante il 21° secolo a meno che le emissioni di anidride carbonica (CO2) non vengano ridotte in modo significativo.e Combinato con altre emissioni di gas serra (gas serra, che causano il cambiamento climatico), fino a raggiungere il livello zero netto intorno al 2050 o oltre.

READ  Quanto viene scambiato lunedì 18 ottobre?

Per capire bene: siamo in una situazione senza precedenti nella storia del genere umano. L’ultima volta che la temperatura della superficie terrestre ha superato i 2,5°C (rispetto ai livelli preindustriali) è stato più di 3 milioni di anni fa.

Secondo il rapporto del Working Group I, chiamato AR6, il tasso di riscaldamento sta accelerando: le temperature superficiali del pianeta sono aumentate più velocemente dal 1970 che in qualsiasi altro periodo di 50 anni negli ultimi 2000 anni.

Nel 2019, le concentrazioni di anidride carbonica atmosferica sono state più alte che mai in almeno due milioni di anni. Al contrario, le concentrazioni di metano e protossido di azoto, entrambi importanti gas serra, sono state più alte che mai in almeno 800.000 anni.

I decisori politici hanno già visto i risultati, culminati sabato sera, che sono stati oggetto di un’intensa discussione online per due settimane da parte di esperti di tutto il mondo, e che rappresentano otto anni di lavoro di eminenti scienziati.

Diane Black LineCapo Alleanza dei piccoli stati insulari AOSIS ha dichiarato: “È necessario agire a breve termine per mitigare i peggiori impatti climatici causati dall’uomo. L’ostacolo principale non è il denaro, né la tecnologia, né la volontà politica: è il risultato di un’industria dominata dagli uomini che teme di perdere il suo potere. Questo è un problema che deve essere riconosciuto e affrontato. L’industria dei combustibili fossili è un’incarnazione della disuguaglianza di genere e di reddito, con l’industria dominata dagli uomini che riceve più di 600 miliardi di dollari in sovvenzioni ogni anno per distruggere il nostro pianeta, mentre per fare un confronto, Fondi delle Nazioni Unite per il clima Ricevono 2,4 miliardi di dollari all’anno per salvarlo”.

READ  Hanno trovato più di 500 chilogrammi di cocaina in una fabbrica Nespresso in Svizzera

L’industria petrolifera in particolare ha subito diversi attacchi quest’anno: la stessa Agenzia Internazionale per l’Energia ha raccomandato di fermare gli investimenti in nuovi pozzi petroliferi, sia convenzionali che mediante fracking, gli Stati Uniti hanno appena annunciato un aumento della meccanizzazione elettrica nei prossimi anni e le principali colpevole un altro rapporto internazionale indicava il metano, un altro gas serra.

Questo gas ricco di carbonio, prodotto dalla zootecnia, dai pozzi di gas di scisto e dalla cattiva gestione dell’estrazione convenzionale di petrolio e gas, riscalda il mondo molto più efficacemente dell’anidride carbonica: ha un “potenziale di riscaldamento” di oltre 80 volte quello del carbonio diossido – ma ha una durata di vita Più breve nell’atmosfera, dura circa un decennio prima di decomporsi in anidride carbonica.

Ciò che questo nuovo rapporto chiarisce anche è l’urgente necessità di agire: più si va oltre 1,5°C, più rischi pericolosi e imprevedibili si accumuleranno nel nostro mondo. Questi punti di non ritorno possono verificarsi su scala globale e regionale, anche per il riscaldamento globale all’interno dell’intervallo altamente probabile degli scenari di emissione considerati. Non si possono escludere risposte brusche e punti di svolta nel sistema climatico, come un forte aumento dello scioglimento dei ghiacci antartici e un completo ritiro delle foreste.

Siamo già arrivati ​​al punto di non ritorno? Per gli scienziati, non ancora. Tuttavia, non era rimasto molto tempo. Con politiche proattive per combattere il cambiamento climatico, l’anidride carbonica continuerà a salire e stabilizzarsi entro la metà del secolo, per poi iniziare a diminuire, con il calo maggiore poco prima della fine del secolo. Il metano e l’anidride solforosa continueranno ad aumentare e cominceranno a diminuire verso la metà del secolo. Il protossido d’azoto mostra una tendenza al rialzo e non diminuisce fino alla seconda metà del secolo. Secondo i piani attuali, la migliore stima è di 2,7 °C nell’anno 2100.

Il nuovo rapporto IPCC delinea le scelte che possiamo fare oggi per rendere il domani più sicuro per tutti. In tutto il mondo, la sfida è cambiare la matrice energetica. In Brasile, dove molta energia è già pulita, la sfida è eliminare completamente la deforestazione, motivo principale per cui il Paese è il sesto produttore di gas serra al mondo. La migliore scienza del pianeta ci mostra che il presidente Jair Bolsonaro ha scelto la strada del disastro e questo è ciò che non possiamo accettare: gli interessi elettorali e settoriali non possono prevalere sul bene comune della nazione»., Opinione Voivodek Mauritius, Direttore Esecutivo del Fondo Mondiale per la Natura – Brasile.

READ  La scoperta inaspettata che accomuna tutte le persone con gli occhi azzurri

Alla fine di novembre, a Glasgow, in Scozia, si terrà il posticipato Summit sui cambiamenti climatici (COP26). Lì devono essere finalizzati i meccanismi di scambio proposti dall’Accordo di Parigi. Non c’è dubbio che occorre agire rapidamente. Quindi la scienza dice chiaramente.

Alcuni degli effetti della crisi climatica presentati nel rapporto:

La maggior parte del pianeta sta già sperimentando temperature estreme (comprese le ondate di calore), dal Nord America, Europa e Australia a gran parte dell’America Latina, Sud Africa orientale e occidentale, Siberia, Russia e tutta l’Asia. Era estremamente improbabile che alcuni dei recenti fenomeni di caldo si sarebbero verificati senza l’influenza umana.

Sebbene non si sappia molto sulla siccità, non ci sono prove sufficienti per dimostrare che l’Africa meridionale nord-orientale, il Mediterraneo, l’Australia meridionale e la costa occidentale del Nord America, in particolare, stiano vivendo un aumento di questo fenomeno.

L’Europa settentrionale, parti del Nord America e dell’Africa meridionale stanno registrando un aumento delle precipitazioni, ma sono necessari più dati per comprendere la situazione altrove.

È probabile che il tasso globale dei cicloni tropicali di categoria 3-5 sia aumentato negli ultimi 40 anni. C’è un alto grado di fiducia che il cambiamento climatico indotto dall’uomo significhi che i cicloni tropicali portano con sé piogge più pesanti e più intense.

Continuare a leggere: