Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un prestigioso convegno per le piccole e medie imprese ha convenuto sul ruolo rilevante dell’istruzione tecnica nel mondo del lavoro

Giorgio Alietta de Montreale, Presidente della Fondazione Osservatorio Piccole e Medie Imprese, ha dato il benvenuto all’incontro. (Conferenza YouTube ogni due anni)

La giornata è stata più che propizia all’incontro e allo scambio di esperienze: il 15 novembre è la Giornata dell’Educazione Tecnica nel nostro Paese a causa dell’istituzione del Consiglio Nazionale dell’Educazione Tecnica nel 1959, ed è stato il giorno in cui la Fundación Observatorio Pyme ha organizzato il suo congresso biennale e ha festeggiato il suo 25° anniversario.

L’evento, che si è tenuto presso l’Aula Magna della Facoltà di Scienze Economiche dell’UBA, Ha chiesto il dialogo tra imprenditori, educatori, tecnici, funzionari ed esperti, mettendo a disposizione gli ultimi risultati di ricerca e sviluppo per arricchire lo scambio. Gli organizzatori hanno spiegato che il suddetto evento ha cercato di stabilire forti relazioni tra i settori produttivo e industriale con il settore dell’istruzione.

L’apertura e l’accoglienza sono state curate dall’economista Giorgio Aliata de MontrealePresidente della Fondazione Osservatorio PMI e membro del Consiglio di Amministrazione dell’Organizzazione Techint.

Al Presidente e Amministratore Delegato di Techint è stato affidato il compito di analizzare lo scenario industriale internazionale.  (Foto Fondazione Osservatorio PMI)
Al Presidente e Amministratore Delegato di Techint è stato affidato il compito di analizzare lo scenario industriale internazionale. (Foto Fondazione Osservatorio PMI)

prossimo Paolo Rocca, Presidente e Amministratore Delegato di Techint, ha parlato del “Nuovo Scenario Industriale Internazionale”. E l’uomo d’affari ha avvertito di questo Siamo nel bel mezzo di un grande cambiamento geopolitico., con due grandi poli, Stati Uniti e Cina. Riconoscono che questa è l’opportunità per l’America Latina di ridisegnare la sua catena del valore ed evidenziare le possibilità che si aprono con Vaca Muerta e nel settore energetico, tra gli altri.

Potrebbe interessarti: Le scuole d’arte sono cresciute in quasi tutto il paese, ma al CABA c’è stata una battuta d’arresto

READ  L'esercizio della revoca del mandato è costato 3830,4 milioni di pesos

Nella stessa sessione, l’ambasciatore argentino negli Stati Uniti, Jorge Arguello – In una tesi videoregistrata – ha parlato su “La politica internazionale nella fase post-pandemia. Le molteplici crisi globali e il ruolo dell’Argentina”. Notare che I cambiamenti avvenuti nel mondo hanno causato incertezza Allo stesso tempo, hanno aperto una serie di possibilità di cambiamento. Ha sottolineato l’accelerazione della disuguaglianza e il rallentamento della lotta alla povertà. Ha descritto la trasformazione digitale dell’economia globale come una nuova rivoluzione industriale e ha avvertito che “l’Argentina deve far parte di quella corsa tecnologica”.

Sia il ministro dell'Istruzione che l'ex preside dell'UBA hanno concordato sull'importanza dell'istruzione tecnica professionale.
Sia il ministro dell’Istruzione che l’ex preside dell’UBA hanno concordato sull’importanza dell’istruzione tecnica professionale.

Successivamente, l’ex preside dell’Università di Buenos Aires, Alberto Barbieri Più vecchio Patrizio Bianchi, che fino al 22 ottobre ha ricoperto la carica di Ministro dell’Istruzione italiano e che a luglio ha ricevuto un premio d’onore dall’UBA. Ha parlato di “istruzione tecnica professionale e sviluppo economico integrale nelle recenti riforme in Italia e in Europa”, in cui è stata evidenziata la presenza dell’ambasciatore di quel Paese. Fabrizio Lucentini.

Bianchi ha fatto un’interessante analisi basata sulla crescita demografica di alcuni paesi, come accade in Africa. Si è occupato di promuovere la formazione di reti di imprese di tecnologia digitale, di gestire lo sviluppo dei collegamenti tra università e imprese e nella formazione dei docenti. “Il cambiamento strutturale è con le persone”, ha detto, “con tecnologi visionari e persone che non hanno paura del cambiamento”.

Poi il dottore Vincenzo Donatol’amministratore delegato della Fundación Observatorio Pyme è stato incaricato di delineare i panorami attuali e futuri delle piccole e medie imprese.

Al tavolo hanno presentato “esperienze a confronto di cooperazione tra sistema educativo e sistema produttivo”. Ezequiel TavernelliDirettore ProPymes; Claudio Dondiesperta di qualità dell’istruzione, innovazione ed equità, appartiene a Unindustria Reggio Emilia (Italia) e Gerardo MarchesiniDirettore esecutivo del National Institute of Technology Education.

Hugo Siegmann, Alberto Barbieri e Jaime Berzyk al termine della sessione sull'importanza delle scuole d'arte.
Hugo Siegmann, Alberto Barbieri e Jaime Berzyk al termine della sessione sull’importanza delle scuole d’arte.

Successivamente ministro dell’Istruzione Jaime Berzyk S crespino Hanno conversato con lei Hugo SigmannFondatore del Grupo Insud e Presidente del Comitato di Formazione Tecnica Professionale dell’Osservatorio Pyme. Al centro del dibattito “istruzione tecnica e università, sviluppo economico e coesione sociale”.

READ  L'"autoritarismo a breve termine" che sta complicando l'Uruguay e come uscirne - Affari - 08/08/2021

“Dobbiamo compiere progressi nel raddoppiare il numero di studenti e istituti per l’istruzione tecnica e professionale”, ha affermato Berzik.Ma allo stesso tempo migliorare la qualificazione dei giovani.

Ha aggiunto che “è necessario un lavoro molto forte per migliorare il tasso di diplomati, la qualificazione professionale e aumentare l’offerta” e ha osservato che “la scuola dovrebbe avere tre obiettivi: la vita del progetto, la continuità degli studi post-laurea e l’inserimento nel mondo del lavoro .”

Potrebbe interessarti: La crisi dell’istruzione: contributi da un bivio

Barbieri, che durante il suo mandato fondò la scuola tecnica a Luganoha sottolineato che “poiché l’università dovrebbe occuparsi dei problemi della società, indirizziamo questa scuola – che opera nelle zone più sfavorevoli della città di Buenos Aires – verso nuove discipline come la robotica e la meccatronica”.

“Raggiungiamo qualità formativa, sinergia con il mondo del lavoro, funziona 12 mesi all’anno, hanno vinto prestigiosi concorsi internazionali e i loro laureati lavorano tutti e molti di loro oggi sono studenti dell’Università di Buenos Aires. una decisione politica, investimento educativo e professionalità”, ha spiegato.

All’evento l’ambasciatore italiano Fabrizio Lucentini Consegna del “Premio FOP per la formazione degli studenti delle Piccole e Medie Imprese degli Istituti Tecnici Superiori”.

Continuare a leggere:

Il governo costruirà 100 scuole tecniche per i giovani che hanno lasciato la scuola superiore