Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un nuovo braccio robotico per la Stazione Spaziale Internazionale è in grado di “camminare” nello spazio

Rappresentazione artistica del nuovo braccio in azione, con un astronauta che lavora alla stazione di controllo esterna.

Rappresentazione artistica del nuovo braccio in azione, con un astronauta che lavora alla stazione di controllo esterna.
immagine: quale – quale.

L’Agenzia spaziale europea (ESA) è finalmente pronta a consegnare il suo nuovo braccio robotico alla Stazione spaziale internazionale. Il braccio di 11,3 metri ha una gamma di grandi caratteristiche, inclusa la capacità di operare in modo indipendente e “camminare” intorno all’esterno della posizione orbitale.

Il braccio robotico europeo (ERA) è stato originariamente progettato per volare a bordo della navetta spaziale della NASA e finalmente viaggerà nello spazio dopo “due decenni di sfide tecniche e di programma”, secondo Agenzia spaziale europea European. Il braccio, insieme a una nuova unità russa chiamata Nauka, dovrebbe essere lanciato su un razzo Proton dal cosmodromo di Baikonur il 15 luglio 2021.

Un consorzio europeo guidato da Airbus Defence and Space nei Paesi Bassi crescita Il braccio robotico dell’Agenzia spaziale europea. Airbus ha progettato il braccio e le sue funzioni software e ha anche testato il sistema.

Illustrazione per un articolo intitolato Un braccio robotico capace di ";  camminare & quot;  Nello spazio alla Stazione Spaziale Internazionale

immagine: quale – quale.

Il braccio, dotato di sette snodi (uno al gomito e tre a ciascun polso), è lungo 11,3 metri e lungo 9,7 metri. Il dispositivo “a due mani” (uno su ogni esterno) ha un design simmetrico, quindi non c’è un vero braccio superiore o inferiore. Per questo motivo, l’ERA può “camminare” attraverso l’esterno del EEIMuovere la mano mentre si sposta da un punto di ancoraggio fisso a un altro. È fondamentalmente un gigantesco bruco robotico in grado di operare nello spazio.

ERA se lanza con Nauka, también conocido como Módulo de Laboratorio Multipropósito, y dos estaciones de control (una interna y otra externa). El brazo comenzará sus funciones en el nuevo módulo, convirtiéndose en el primer dispositivo robótico en dar servicio a un segmento ruso.

Representación artística del brazo robótico.

Representación artística del brazo robótico.
Imagen: ESA.

A su llegada a la estación espacial, ERM se unirá a Canadarm2 y al Sistema de Manipulador Remoto del Módulo Experimental Japonés (JEMRMS), ninguno de los cuales puede llegar al segmento ruso. Los puntos base incompatibles y las unidades de montaje de carga útil no permiten que Canadarm2 y JEMRMS funcionen en otras partes de la estación, según Agenzia spaziale europea. I primi compiti dell’ERA saranno configurare la camera di equilibrio e installare il refrigerante all’interno della nuova unità Nauka.

Il braccio versatile può essere controllato a distanza da astronauti o astronauti della ISS, sia all’interno che all’esterno della stazione. ERA dispone di un proprio computer interno e può eseguire attività in modo completamente o semi-indipendente. La punta di ogni braccio ricorda un coltellino svizzero ed è dotata di una presa elettrica, un bus dati, una linea video e una macchina motrice rotante.

Il braccio può operare con una precisione fino a 5 mm e movimentare carichi pesanti fino a 8000 kg. L’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale utilizzerà il braccio per trasportare carichi utili, Installazione del pannello solare, trasportando gli astronauti da un luogo all’altro, ispezionando la stazione con telecamere a infrarossi e generalmente aiutando con il lavoro fuori dalla stazione.

Foto che mostra la posizione del braccio robotico e la nuova unità russa.

Foto che mostra la posizione del braccio robotico e la nuova unità russa.
immagine: quale – quale.

La Stazione Spaziale Internazionale dovrebbe rimanere in servizio fino al 2030 circa, ma il futuro della stazione spaziale è in dubbio. All’inizio di giugno, il capo dello spazio russo minacciati lasciare la stazione entro quattro anni a meno che gli Stati Uniti non tolgano le sanzioni che stanno danneggiando il settore spaziale del paese. Sarebbe un peccato se i russi se ne andassero, soprattutto visto l’imminente arrivo del nuovo braccio e unità.

READ  Switch dinamico retrocompatibile con risoluzione 4K e 60 fps su Xbox Series X, rimisurazione 4K e 60 fps su PS5