Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un mondo di caldo e vento contrario

Le prospettive per l’economia globale sono passate da speranzose a cupe in pochi mesi, a causa dell’aumento dei delta variabili, delle catastrofi dovute alle condizioni meteorologiche e delle interruzioni della catena di approvvigionamento precedentemente sottovalutate. In effetti, ora è difficile non concludere che la crescita e lo sviluppo futuri siano in pericolo.

PORTOVenere, Italia – Solo tre mesi fa l’economia mondiale sembrava avviarsi verso una ripresa relativamente forte. La distribuzione del vaccino contro il Covid-19 si è espansa nei paesi sviluppati, facendo sperare che si diffonda nei paesi in via di sviluppo nella seconda metà del 2021 e nel 2022. Nel frattempo, molte economie registravano cifre di crescita impressionanti e i settori colpiti dalla pandemia hanno ripresa l’attività. Sebbene la congestione della catena di approvvigionamento abbia portato a carenze e prezzi più elevati per gli input chiave, sono stati visti solo come problemi transitori.

Il mondo sembra molto diverso oggi. La variante delta si sta diffondendo rapidamente, anche nei paesi sviluppati e tra i gruppi che finora sono stati meno sensibili al virus. Le parti vulnerabili del mondo, principalmente i paesi a basso e medio reddito, sono più vulnerabili che mai.

E la catena di approvvigionamento dei vaccini sta fallendo. La ragione principale è che i paesi sviluppati hanno contratti di opzione per acquistare più dosi di vaccino di quelle di cui hanno bisogno (compresa la considerazione di espandere i loro programmi di vaccinazione giovanile e la somministrazione di booster). Ciò allunga la pipeline dei vaccini e quindi ritarda l’arrivo dei vaccini in gran parte del mondo in via di sviluppo.

La “domanda in eccesso” del mondo ricco deve essere liberata e resa disponibile per l’acquisto da parte di altri paesi. Il programma per finanziare questi acquisti non sarebbe molto costoso a livello globale (nell’ordine di $ 60.000-70.000 milioni) e porterebbe benefici immediati e a lungo termine nel controllo del virus e nella prevenzione dell’emergere di nuove varianti pericolose.

READ  Stiamo assistendo a un rilancio economico dopo la pandemia grazie alla Legge 60/90

Un altro problema è che le catene di approvvigionamento globali sono state interrotte più di quanto inizialmente pensato. È chiaro oggi che le carenze che ne derivano nelle varie filiere produttive – di manodopera, semiconduttori (utilizzati in una miriade di industrie), materiali da costruzione, container e capacità di trasporto – non scompariranno a breve termine. I sondaggi mostrano che gli effetti inflazionistici si stanno facendo sentire in tutti i settori e le industrie e probabilmente agiranno da vento contrario alla ripresa e alla crescita.

Per aumentare l’incertezza, si sono verificati cambiamenti indotti dalla pandemia nelle catene di approvvigionamento nazionali e globali che non sono ancora del tutto comprese e probabilmente difficili da invertire. Per inciso, le interruzioni della pandemia sono più estese e sembrano avere un peso maggiore sull’economia rispetto alla recente guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Ma il risultato più sorprendente degli ultimi tre mesi è stato il drammatico aumento della frequenza, dell’intensità e della portata delle condizioni meteorologiche estreme globali: tempeste, siccità, ondate di calore, temperature medie più elevate, incendi e inondazioni. All’inizio di questo mese, il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici ha pubblicato un nuovo rapporto che è stato francamente definito come la proclamazione di un “codice rosso per l’umanità”. Il giudizio collettivo della comunità scientifica indica che l’esperienza brutale di quest’anno non è atipica, ma piuttosto il nuovo clima è normale.

Quindi possiamo aspettarci di più dello stesso (e forse molto peggio) nei prossimi 20-30 anni. La finestra per prevenire il tipo di eventi che abbiamo visto quest’estate è chiusa. La sfida oggi è accelerare il tasso di riduzione delle emissioni di gas serra per evitare eventi climatici più estremi – e forse anche più pericolosi – nei prossimi decenni.

READ  Il blocco russo del gas non è sul tavolo

Dati i venti contrari economici e climatici che il mondo deve affrontare, e dato che continueranno a soffiare all’orizzonte per molto tempo, la crescita e lo sviluppo futuri sono a rischio. Oltre ad essere un chiaro ostacolo alla crescita, le attuali interruzioni nelle catene di approvvigionamento potrebbero contribuire a pressioni inflazionistiche che richiederanno una risposta di politica monetaria.

Allo stesso modo, un virus in continua mutazione che è diventato una caratteristica quasi permanente della vita ritarderà la crescita e la specializzazione a livello globale. Il turismo internazionale continuerà a faticare a riprendersi. Mentre le piattaforme digitali possono fungere da alternative parziali, le barriere alla mobilità influenzeranno in definitiva tutti gli ecosistemi economici e finanziari globali che supportano l’innovazione.

In passato, gli episodi di condizioni meteorologiche estreme erano abbastanza rari e locali da far sì che i rischi influissero realmente sulle prospettive macroeconomiche globali. Ma il nuovo stile in realtà sembra diverso. Difficile pensare a un’area che non sia soggetta ad alti rischi climatici. Un recente documento della Federal Reserve statunitense avverte che il cambiamento climatico potrebbe aumentare la frequenza e la gravità di una recessione economica, e quindi ridurre la crescita. Indipendentemente dalle risorse stanziate per guidare la ripresa, questa nuova realtà dovrebbe riflettersi nei prezzi delle attività e nelle assicurazioni, se del caso.

La linea di fondo è che il cambiamento climatico sta rapidamente diventando un fattore significativo nella performance macroeconomica. Sebbene non esistano misure accurate della fragilità economica (cioè la resilienza agli shock), è difficile non concludere che l’economia globale, in particolare alcune delle sue parti più vulnerabili, stia diventando più fragile. I paesi in via di sviluppo a basso reddito affrontano già sfide significative in termini di tendenze demografiche, adattamento dei modelli di crescita all’era digitale e risoluzione dei problemi di governance locale. Aggiungete a quei vincoli finanziari, i capricci e lo stress del tempo e la lunga attesa per le vaccinazioni, le condizioni sono stabilite per una tempesta perfetta.

READ  La crescita del PIL dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico è rallentata al 2,1% nel quarto trimestre del 2020, in calo di 5,7 punti

Gran parte di questo fa già parte del nostro futuro immediato. Ma non tutto. I mercati dei capitali, ad esempio, sembrano adattarsi alla nuova realtà e affrontare la sfida delle forniture globali di vaccini non è né incredibilmente complesso né proibitivo. Tutto ciò che serve è concentrazione e impegno multilaterale.

La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) a Glasgow a novembre sarà cruciale e più impegnativa delle precedenti conferenze sui cambiamenti climatici. L’obiettivo è rafforzare gli impegni nazionali di decarbonizzazione presi a Parigi alla COP21, in modo che il totale globale si allinei con un budget del carbonio che limiti il ​​riscaldamento globale a 1,5 gradi rispetto al livello preindustriale.

Infine, poiché gli eventi meteorologici estremi si verificheranno a livello globale e frequentemente – arrivando quasi casualmente – i sistemi di assicurazione sociale e privata dovranno essere notevolmente aggiornati per diventare di portata multinazionale. Forse sarà necessaria una nuova istituzione finanziaria internazionale per svolgere il lavoro, lavorando a stretto contatto con il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale.

autore

Michael Spence, premio Nobel per l’economia, è professore emerito di economia ed ex preside della Graduate School of Business della Stanford University. È Senior Fellow presso l’Hoover Institution, membro del comitato accademico dell’Accademia Luhan e co-presiede il comitato consultivo dell’Asia Global Institute. È stato presidente della Commissione per la crescita e lo sviluppo indipendente, un organismo internazionale che analizza le opportunità di crescita economica globale tra il 2006 e il 2010, ed è l’autore di The Next Convergence: The Future of Economic Growth in a Multi-Speed ​​World.

Copyright: Project Syndicate, 2020

www.projectsyndicate.org