Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un incontro virtuale con i narratori delle reti di studiosi argentini all’estero

Si è tenuto un incontro virtuale con i coordinatori delle reti di scienziati argentini all’estero del programma RAICES, presieduto dal ministro della Scienza, della tecnologia e dell’innovazione, Daniel Filmos. Durante l’incontro, che ha visto la partecipazione della Direttrice Nazionale per l’Avanzamento delle Politiche Scientifiche Karina Pompeo, i leader della rete di Germania, Brasile, Australia, Canada, Danimarca, Cina e Stati Uniti occidentali e nord-orientali. Da Stati Uniti, Spagna, Francia, Israele, Italia, Paesi Bassi, Inghilterra, Repubblica Ceca e Cile, è stata presentata la nuova coordinatrice del programma, Carolina Mira, che è stata Preside della School of Social Sciences (UBA-FSOC) nel 2018 -2022, e Direttore dell’Istituto di Ricerca Gino Germani nel biennio 2005-2009 e 2013-2018. È stata inoltre rivista l’agenda dei temi di interesse comune.

Vilmus ha ringraziato i rappresentanti della rete per essere venuti e ha notato la nuova aggiunta: “È importante che tu sia presente a questo incontro, Carolina ha appena preso in carico RAICES e siamo orgogliosi e felici”. Il ministro ha ringraziato il lavoro delle reti e ha osservato che “nel 2003 abbiamo creato il programma RAICES e molti scienziati sono dovuti partire perché sono stati mandati a lavare i piatti, e questo è stato un fortissimo esodo di scienziati”. Dal 2000 sono stati registrati circa 1.500 resi, con 87 scienziati che sono tornati nel Paese da quando il portfolio scientifico è diventato ministero fino ad oggi. Filmus ha menzionato l’importanza del ruolo che svolgono nel programma “Sono già stabiliti in altri luoghi e le squadre di supporto dell’Argentina sono molto preziose ed è impossibile senza questo tipo di rete. RAICES è cresciuto in modo esponenziale. Ora si tratta di riprendersi il programma in forza”, citando come realizzazioni la legge sul finanziamento del sistema nazionale della scienza, della tecnologia, dell’innovazione e dell’economia della conoscenza. L’idea di quest’anno è che siano state approvate diverse leggi relative alla ricerca. Ripristinare l’investimento anno dopo anno. Dobbiamo cambiare il modello di produzione e abbiamo bisogno di politiche statali che non cambino secondo il governo, che abbiamo una scienza che non sia legata ai calendari elettorali e che le leggi siano rispettate”.

READ  Brillo, il nuovo robot barman capace di interagire con i suoi clienti

Inoltre, il capo del fascicolo scientifico ha chiesto di condividere con le reti il ​​”Piano nazionale per la scienza, la tecnologia e l’innovazione 2030″ con i suoi dieci punti focali per contribuire allo sviluppo della scienza argentina. Un piano che integra distretto per distretto. Dobbiamo discutere in ogni area di come vogliamo andare avanti” e ha sottolineato “stiamo entrando in un processo in cui inseriremo queste risorse nel programma in modo che possano suggerire il tipo di approfondimento che possiamo fare e le iniziative e lo articolano con il paese”. Hanno il nostro supporto”.

Da parte sua, Mira ha affermato che “il programma è supportato dal lavoro dei sottoprogrammi e dal team che lo implementa” e ha avviato un’agenda di lavoro che includeva borse di studio post-dottorato, borsa di Milstein e nuovi bandi di interesse per le reti, tra gli altri . .

Incontro RADICI - foto 3