Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un esperto suggerisce di accettare che la medicina “non può curare tutto”, ma può accompagnare l’intera malattia

Il pediatra e bioeticista Montserrat Eskerda afferma che questo secolo dovrà convivere con malattie croniche e a lungo termine.

Saragozza, 17 dicembre (stampa europea) –

Il pediatra e capo del Comitato etico del Consiglio dei collegi medici della Catalogna, Montserrat Esquirda, ha chiesto lo sviluppo di un nuovo farmaco per il ventunesimo secolo che accetti “non possiamo curare tutto, ma possiamo prenderci cura dell’intero processo” della malattia.

Lo ha annunciato in occasione del convegno svoltosi giovedì 16 dicembre a Saragozza dal titolo “Nuova medicina: verso una società di cura” nell’ambito del corso “Bioetica della cura alla fine della vita” organizzato dall’Università di San Jorge. Eskerda è pediatra in salute mentale dell’infanzia e dell’adolescenza presso l’ospedale San Juan de Dios di Lleida e direttore generale dell’Istituto Borja, il primo istituto di bioetica in Europa.

La sessione si è tenuta presso la sede del Grupo San Valero, di cui fa parte l’USJ, ed è stata l’ultima di una sessione iniziata il 16 novembre. Vi hanno partecipato il Presidente del Consiglio di fondazione del Gruppo San Valero, Pedro Baringo, il Presidente della St. George’s University, Berta Saez, e il coordinatore del corso, Rogelio Alticent.

Saez ha avviato l’evento e ha sostenuto che la fine della vita solleva questioni etiche sia per il paziente, sia per le sue famiglie che per il personale sanitario, spesso concentrandosi su questioni complesse, come l’eutanasia o l’anestesia.

Nel suo caso, ha voluto sottolineare l’importanza di un’etica della cura al termine della vita, che ha significato “un cambiamento concettuale molto significativo e uno sforzo collettivo per garantire che ci sosteniamo a vicenda per vivere pienamente, fino alla fine, ciascuno e ogni nostro momento”.

Saez ha scelto di andare oltre il solito paradigma medico perché “l’unico modo per ottenere una buona morte è vivere una buona vita fino all’ultimo respiro” e ha suggerito “la medicalizzazione della vita e della morte non è un nemico”, all’essenziale “allineare tutti attori per renderlo più simpatico”, in più c’è un gruppo di persone “che ci accompagnano durante tutto il percorso con affetto, sincerità, umanità e perché no, con amore”.

READ  Gli investimenti nella ricerca sul cancro stanno aumentando vertiginosamente grazie alla filantropia che ha triplicato il loro contributo

morire in pace

Da parte sua, la portavoce, Montserrat Eskerda, ha osservato che la medicina, negli ultimi decenni, ha privilegiato lo sviluppo tecnologico e scientifico con l’obiettivo soprattutto della guarigione, quando “è necessario anche curare la sofferenza e il dolore, curare, alleviare e, soprattutto, raggiungere la morte pacificamente.”

Ha aggiunto che oltre allo scopo di trovare nuove cure e migliorare quelle esistenti, come è successo con lo sviluppo scientifico avvenuto a seguito della pandemia di coronavirus, dovrebbe essere integrata la pianificazione delle cure.

Eskirda ha sottolineato che la medicina “non sarà in grado di curare tutto”, “ma può sempre fornire supporto” e curare “la fragilità e la vulnerabilità delle persone”, in un momento in cui ci saranno “malattie più lunghe e croniche” a causa dell’aumento delle aspettativa di vita “che non risponde a una panacea”, ma impara a conviverci.

meglio croce

L’oratore ha sostenuto che la morte, la sofferenza e il dolore fanno parte della vita e che trascorrere quei “tempi duri” con il supporto di professionisti contribuisce a “superarli meglio”.

Ha indicato un articolo pubblicato su una rivista medica che mostrava l’effetto della compassione e dell’empatia sulla salute nei pazienti con AIDS, che, se il loro medico o infermiere si prendeva cura di loro e li trattava come persone, aveva un’aderenza significativamente migliore al trattamento.

Questo esperto ha affermato che si possono assumere buone medicine, ma se le persone non le prendono secondo le linee guida previste, “non faranno nulla”. È stato riscontrato che ci sono esperienze negli Stati Uniti, come in un ospedale di Cleveland, in cui l’empatia e la compassione sono promosse come strategia per il centro.

READ  Poliziotto 26. Arcivescovo Gallagher: fede e scienza unite contro il cambiamento climatico

In Spagna ha fatto riferimento al movimento Città Compassionevole, associato alle cure palliative, che unisce gli operatori sanitari ad altri gruppi o istituzioni, una mentalità che, a suo avviso, dovrebbe iniziare a “penetrare” tutta la medicina.

Sta andando avanti

Montserrat Eskerda ha riconosciuto i progressi nella medicina di cura, anche se con “passi timidi”. Si caratterizza per il rispetto dei valori, la comunicazione e l’etica oltre ad elevate competenze tecniche. Come ha detto, la pandemia è stata una lezione in questo senso perché gli operatori sanitari hanno contattato i pazienti telefonicamente ed “erano più consapevoli del valore della parola”.

La pandemia ha anche dimostrato l’importanza della comunicazione “quando si tratta di calmare persone o familiari”, ha aggiunto. Per Esquerda, le difficoltà nell’applicare questo tipo di medicina sono la mancanza di tempo e di formazione poiché sono richieste capacità di comunicazione.

“Pensavamo che l’importante fosse non guardare il viso ed essere guariti”, quando in realtà è un errore perché è possibile “guardare il viso che guarisce e stringere la mano a qualcuno e morire”, ha spiegato. .

morte, “imperfetta”

L’esperto ha ritenuto che la società odierna ha “sostituito la morte” e questo aumenta la sofferenza delle persone, che sono “più sole e più incomprese” quando soffrono di malattie gravi e alla fine della loro vita. Ha scelto professionisti sanitari e assistenti sociali per fungere da “giunto” tra la comunità e i pazienti in questi casi.

Ha anche notato che le unità del dolore fanno parte della medicina di cura, ma ha commentato che le loro innovazioni sono recenti e che l’accesso ad esse “di solito richiede mesi” perché “non le consideriamo ancora qualcosa di essenziale, quando si convive con il dolore, il peggior cosa che può capitare a chiunque”.

READ  240 immigrati centroamericani arrestati a Puebla; 61 minorenni

Lo specialista ha sostenuto che la medicina di cura include anche l’attenzione ai sintomi fastidiosi e alla parte più psicologica e spirituale della persona. Per questo è fondamentale che gli operatori sanitari, in particolare i medici, includano nella loro formazione lo sviluppo delle capacità comunicative perché la frase “cura o ferisce tanto quanto le medicine”.

Hai richiesto attenzione al linguaggio ed eviti, ad esempio, di chiedere a qualcuno di “combattere”, quando non hai il controllo della malattia e stai già facendo tutto il possibile. Ha spiegato che le facoltà stanno già iniziando ad occuparsi di temi di comunicazione, del rapporto medico-paziente e di bioetica.

I medici si preoccupano

Il presidente del Comitato etico dell’Associazione medica catalana ha stimato che questo era il momento di prendersi cura dei professionisti. Dovrebbe essere una priorità per reparti e ospedali “ascoltarli e rispondere ai loro bisogni”, cosa che era necessaria prima della pandemia, ma ora “molto di più” a causa del sovraccarico di lavoro di un gruppo “molto stanco”.

Ha anche osservato che sarebbero necessarie strategie preventive generali perché “l’intera comunità ha sofferto così tanto” e “siamo tutti più stanchi e irritabili” e cercando di rilevare le persone che non lo esprimono, ma “che sono sull’orlo del collasso “. sotto.”

Riguardo alla legge sull’eutanasia, ha commentato che la legislazione avrebbe dovuto essere più ampia “e cercare di garantire che tutti siano trattati bene alla fine della vita”, piuttosto che concentrarsi solo sulle persone che desiderano tale opzione, “che sono la stessa minoranza” in in modo tale che il 99 per cento delle persone “Questa legge non cambia nulla, né garantisce loro l’accesso a cure di qualità”.