Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un duro interrogatorio dell’ex Fondo Monetario Internazionale dell’Argentina: ha chiesto pressioni sulle revisioni e ha affermato che il governo ha raggiunto l’accordo “gridando”

Martin Muehlesen

Un importante ex dirigente del Fondo monetario internazionale (FMI) ha sottolineato che l’accordo dell’organizzazione con l’Argentina costituirebbe un pessimo precedente con altri paesi e ha invitato il Gruppo dei Sette a fare pressione sul governo affinché apporti ulteriori riforme nelle revisioni dei programmi.

economista tedesco Martin Muehlezen, Ex responsabile di reparto Strategia, politica e revisioneTra il 2017 e il 2020, il governo di Alberto Fernandez ha assorbito il programma “Screams” e senza accettare alcuna politica che potesse migliorare le condizioni del Paese.

In un articolo pubblicato su The Atlantic Council, Mühleisen (che ha messo in dubbio con veemenza il precedente accordo con lo Stato mentre era al fondo) ha affermato che “Alla fine, non c’è mai stato alcun serio dubbio sul fatto che il Comitato Esecutivo del Fondo Monetario Internazionale avrebbe approvato un altro prestito all’Argentina per aiutare la sua economia travagliata”.

“Anche senza le turbolenze causate dall’invasione russa dell’Ucraina, le probabilità sono inclinate a favore di un accordo che non rispetta lo sfortunato programma 2018, che ha lasciato il paese sudamericano in debito di quasi 45 miliardi di dollari con il più grande prestatore multilaterale del mondo .

Poi lo disse “Questa volta la decisione del FMI mette le considerazioni geopolitiche prima dei suoi principi economici, creando un pericoloso precedente di cui il Fondo potrebbe pentirsi”.

La decisione del FMI questa volta mette le considerazioni geopolitiche prima dei suoi principi economici, creando un pericoloso precedente di cui il Fondo potrebbe pentirsi (Martin Muehlezen)

Il prestito del 2018 è stato negoziato quando ho diretto il dipartimento responsabile della strategia e della politica del FMI. Da allora, il personale del fondo ha preparato una valutazione convincente dei fattori che hanno contribuito al fallimento del prestito”, ricorda.

“Di fronte all’impossibilità per l’Argentina di adempiere ai propri obblighi di servizio del debito quest’anno, il consiglio di amministrazione ha dovuto decidere tra fornire al paese nuovo denaro o accettare che il suo più grande mutuatario fosse inadempiente”.

“Le ragioni per scegliere il primo consiglio erano molte. In primo luogo, l’inadempienza sul prestito del FMI significava la sofferenza dei cittadini comuni, se l’accesso dei mutuatari argentini ai mercati era fortemente limitato.

Archivio Fotografico - L'amministratore delegato del FMI Kristalina Georgieva e il ministro dell'Economia argentino Martin Guzman partecipano a una conferenza organizzata dal Vaticano.  Il Paese sudamericano ha avviato colloqui con l'agenzia per rinegoziare il proprio debito.  5 febbraio 2020 (Reuters)
Archivio Fotografico – L’amministratore delegato del FMI Kristalina Georgieva e il ministro dell’Economia argentino Martin Guzman partecipano a una conferenza organizzata dal Vaticano. Il Paese sudamericano ha avviato colloqui con l’agenzia per rinegoziare il proprio debito. 5 febbraio 2020 (Reuters)

“In secondo luogo, avrebbe impedito all’Argentina di prendere nuovamente in prestito dal fondo fino a quando i suoi arretrati non fossero stati saldati con prestiti provvisori da paesi amici”.

READ  I vulcani avranno un ruolo importante come regolatori della temperatura terrestre | Una soluzione al cambiamento climatico?

In terzo luogo, “avrebbe potuto alimentare il già forte sentimento anti-FMI nel paese, minando le possibilità di riprendere i negoziati in una fase successiva”.

In quarto luogo, “avrebbe influito sulla reputazione finanziaria del FMI, anche se il suo bilancio avrebbe potuto assorbire il processo di regolamento degli arretrati nell’arco di pochi anni”.

“Con l’economia globale che ha subito diversi shock dal 2020, il caso geopolitico è cresciuto per aiutare l’Argentina a superare la sua ripida curva degli utili”.

Più tensione

L’esposizione finanziaria dell’Argentina è diminuita negli ultimi anni, ma i mercati del debito globale sono tesi e più vulnerabili del solito. Un default del debito russo è ancora una possibilità e tassi di interesse più elevati minacciano i mutuatari, con il credito globale ai massimi storici.

È probabile che gli shock dell’inflazione e dei prezzi delle materie prime si estendano ai mercati globali quando i prestatori non riescono a riscuotere denaro. In questo contesto, il deterioramento del sentiment economico in America Latina – una regione che è stata relativamente stabile negli ultimi anni – potrebbe creare un altro fronte che gli investitori ansiosi guarderanno con apprensione.

Inoltre, “Il mondo non dovrebbe concentrarsi sulla crisi in Argentina, quando tutti gli sforzi dovrebbero essere concentrati per aiutare i paesi più poveri a far fronte all’imminente crisi alimentare, causata dal previsto calo delle esportazioni di grano ucraine”.

Anche Buenos Aires ha giocato saggiamente le sue carte geopolitiche nelle ultime settimane. Durante la finalizzazione di un accordo a livello di personale con il Fondo monetario internazionale, il presidente Alberto Fernandez si è unito alla Belt and Road Initiative cinese durante la sua visita a Pechino (con una sosta a Mosca), inviando un potente segnale a Washington e ai suoi alleati occidentali.

Il presidente argentino Alberto Fernandez parla con il suo omologo russo, Vladimir Putin, al Cremlino di Mosca.  3 febbraio 2022. / Raccolti tramite Reuters.  Attenzione dell'editore: questa immagine è stata fornita da una terza parte.
Il presidente argentino Alberto Fernandez parla con il suo omologo russo, Vladimir Putin, al Cremlino di Mosca. 3 febbraio 2022. / Raccolti tramite Reuters. Attenzione dell’editore: questa immagine è stata fornita da una terza parte.

Tuttavia, “i termini del nuovo prestito possono creare l’impressione che il denaro del FMI sia ora disponibile gratuitamente per curare i problemi finanziari di qualsiasi paese che lo richieda con forza sufficiente”.

A differenza dei paesi che hanno ricevuto finanziamenti di emergenza all’inizio della crisi del COVID-19, i problemi dell’Argentina sono in gran parte locali. Sebbene sia un membro del G20, la sua economia è stata mal gestita per diversi decenni”.

L’economista ha affermato che, a differenza dei paesi che hanno ricevuto finanziamenti di emergenza all’inizio della crisi del COVID-19, i problemi dell’Argentina sono in gran parte locali.

“Le precedenti amministrazioni non erano disposte o non avevano un sostegno bipartisan per intraprendere riforme critiche che avrebbero portato il Paese su un percorso di crescita sostenibile”.

READ  Come stuzzicare gli algoritmi | Il primo documento UNESCO sull'intelligenza artificiale

“Con l’approvazione del nuovo prestito, l’Argentina ha perso un’occasione per mostrare la sua volontà di discostarsi dal passato”.

Rispetto al programma medio del FMI, il prestito argentino è arrivato quasi senza condizioni, incluso un lento percorso di aggiustamento fiscale che sarà quasi certamente escluso dai politici una volta che la prossima campagna elettorale inizierà tra pochi mesi.

Sebbene i direttori del FMI abbiano sottolineato la necessità di “rimuovere gradualmente le distorsioni economiche e fornire un quadro normativo più prevedibile”, il governo ha rifiutato di prendere in considerazione riforme volte a migliorare la produttività durante il periodo di prestito di 30 mesi, favorendo un modello di maggiore partecipazione statale e protezione dello stato”, secondo un rapporto dello staff del FMI Monetaria internazionale.

previsione ottimistica

“Come spesso accade con i programmi del FMI, le aspettative di crescita e inflazione sembrano essere eccessivamente ottimistiche”.

Tuttavia, “il personale dell’FMI riconosce che il test di sostenibilità del debito non corrisponde a un’alta probabilità, come è richiesto nei casi oltre i normali limiti di prestito”.

“Il programma può tecnicamente andare avanti, poiché c’è abbastanza debito del settore privato affinché l’Argentina abbia la possibilità di una ristrutturazione del debito più specifica”, secondo la politica del FMI, se i rischi di cancellazione minacciano la sua capacità di rimborsare il FMI dopo la fine del programma .

Tuttavia, “in queste circostanze e dopo due grandi storie di obbligazionisti privati ​​negli ultimi 20 anni, ottenere finanziamenti dal mercato a tassi ragionevoli rimarrà una battaglia in salita nei prossimi anni”.

Infatti, “Il programma sembra non essere altro che un rifinanziamento del precedente prestito del FMI richiesto dal governo Fernandez, ma per molto tempo è stato un tabù per gli azionisti dei fondi”.

Non è insolito che gli accordi di successione seguano i programmi del FMI. Tuttavia, questi sono tradizionalmente serviti a completare riforme irregolari, non a perpetuare le esposizioni dei fondi.

READ  L'opposizione russa ha denunciato brogli durante la seconda giornata delle elezioni legislative: "Il problema principale è il voto forzato".

Concentrandosi sull’Argentina, il FMI ha indebolito la sua capacità di affrontare le crisi future. Il Fondo avrà meno influenza nel persuadere i governi riluttanti a fare le riforme necessarie attraverso questo programma”.

Concentrandosi sull’Argentina, il FMI ha danneggiato la sua capacità di affrontare le crisi future. Ha avvertito che l’influenza del Fondo nel persuadere i governi riluttanti ad attuare le riforme necessarie sarebbe diminuita.

“I creditori privati ​​troveranno più difficile accettare il condono del debito se il più grande prestatore multilaterale rimane senza aumentare la capacità del mutuatario di adempiere ai propri obblighi nei confronti di altri prestatori”.

“Lo status di creditore privilegiato del FMI può essere soggetto a controllo, E di conseguenza, risolvere il problema crescente dell’eccessivo debito sovrano nel mondo diventerà più complesso”.

“La decisione rientra nelle responsabilità dei leader del Fondo monetario internazionale, che sembrano aver ceduto a forti pressioni, ritenendo che l’esito del programma questa volta sarà diverso”.

“Tuttavia, l’appropriazione politica, anche per questo semplice programma, è molto assente a Buenos Aires. Il disegno di legge di ratifica ha incontrato opposizione anche all’interno della coalizione di governo, poiché i legislatori hanno indebolito gli impegni dell’Argentina per assicurarsi il suo passaggio alla Camera dei Rappresentanti.

“Sarebbe stato necessario il forte sostegno dei principali azionisti del FMI per persuadere la leadership politica argentina a un approccio diverso”.

Non è troppo tardi perché il consiglio dell’FMI riprenda l’iniziativa. Durante le prossime revisioni, un Gruppo dei Sette (G7) può spingere per riforme minime per aumentare le possibilità di successo del programma”.

“Non si tratta solo dell’Argentina, si tratta di non creare un brutto precedente prima che il mondo affronti una nuova recessione economica che richiederà al FMI di dare il meglio di sé”.

“È meglio che i principali azionisti del Fondo esercitino la loro unità geopolitica nel rafforzare la spina dorsale del prestatore di ultima istanza mondiale”.

Continuare a leggere: