Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un altro venerdì di scontri a Gerusalemme | Più di cinquanta feriti nei recinti delle moschee

La polizia israeliana si è nuovamente scontrata con i manifestanti palestinesi, mentre più di cinquanta sono rimasti feriti, venerdì, nel cortile delle moschee di Gerusalemme, teatro di intense tensioni che hanno raggiunto la Striscia di Gaza. Queste tensioni arrivano esattamente un mese dopo una serie di sanguinosi attacchi che hanno causato la morte di 14 persone in Israele. Da allora, un totale di 24 palestinesi, compresi gli autori di questi attacchi, sono stati uccisi in incidenti o scontri con le forze israeliane nella Cisgiordania occupata.

All’inizio di venerdì, le forze di polizia israeliane hanno preso d’assalto il Monte del Tempio, il terzo sito più sacro dell’Islam e dell’ebraismo sotto il nome di Monte del Tempio, mentre giovani palestinesi lanciavano pietre contro di loro, ha scoperto un giornalista dell’AFP. La polizia israeliana ha affermato che “rivoltosi mascherati che portavano le bandiere del movimento di resistenza islamico palestinese Hamas” hanno lanciato pietre contro il Muro Occidentale, il luogo sacro di preghiera ebraica situato nella parte inferiore dei recinti delle moschee. La Mezzaluna Rossa palestinese ha affermato che le rivolte hanno causato almeno 57 feriti, due dei quali sono in gravi condizioni.

La tensione è continuata nel santuario, dove sono stati lanciati sassi e sparati proiettili di gomma, il terzo venerdì del mese sacro del Ramadan, che coincide con la fine della festa ebraica della Pasqua. Poi, verso mezzogiorno, migliaia di persone hanno potuto pregare in un’atmosfera più tranquilla. Tuttavia, un piccolo drone ha sorvolato la piazza e ha sparato gas lacrimogeni contro una parte dei fedeli, creando scene di panico. La polizia ha dichiarato di aver usato “mezzi per disperdere” una folla che cercava di danneggiare uno dei loro posti di blocco.

READ  Corona virus in Messico 8 agosto: nelle ultime 24 ore si sono registrati 7.573 contagi e 172 morti

Nell’ultima settimana, più di 200 persone, per lo più palestinesi, sono state infettate dentro e intorno al Monte del Tempio.

Bombardamento missilistico di Gaza

Questi eventi hanno spinto Hamas a lanciare razzi dalla Striscia di Gaza in Israele, il cui esercito ha risposto con attacchi aerei su questa enclave palestinese di 2,3 milioni di persone. Hamas, che controlla la Striscia di Gaza, dice di voler difendere il Monte del Tempio. Il lancio di razzi da Gaza questa settimana, che non ha provocato vittime, è il più grave dalla sanguinosa guerra di 11 giorni tra Hamas e Israele nel maggio 2021, dopo settimane di tensione a Gerusalemme. “Siamo profondamente preoccupati per l’escalation della violenza nei Territori palestinesi occupati e in Israele, durata un mese”, ha affermato venerdì Ravina Shamdasani, portavoce dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani.

La presenza di un gran numero di ebrei nei recinti delle moschee durante il mese del Ramadan – possono visitare il luogo in determinate circostanze e in orari specifici senza pregare – e il dispiegamento delle forze di sicurezza in questo luogo santo situato nell’Antico Città. Gerusalemme, che i palestinesi e diversi paesi della regione hanno definito una “provocatoria”. Alcuni ministri arabi riuniti ad Amman hanno condannato “gli attacchi e le violazioni israeliane contro i fedeli nella moschea benedetta di Al-Aqsa” situata nell’Haram al-Sharif, un tempio gestito dalla Giordania sebbene il suo ingresso sia sotto il controllo di Israele. “Israele mantiene e continuerà a mantenere lo status quo sul Monte del Tempio”, ha detto giovedì il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid, ma “non accetteremo in nessun caso il lancio di razzi dalla Striscia di Gaza”.

READ  Effemeridi di oggi: cosa è successo il 15 giugno | Eventi in Argentina e nel mondo

Prima di queste dichiarazioni, Lapid ha incontrato il vicesegretario di Stato per gli affari mediorientali Yael Lambert e Hadi Amro, l’inviato responsabile delle relazioni israelo-palestinesi. I due diplomatici americani hanno poi incontrato i leader dell’Autorità Palestinese, che ha sede in Cisgiordania. Un funzionario dell’Autorità Palestinese, Hussein al-Sheikh, ha dichiarato: “Il presidente dell’Autorità Palestinese, Mahmoud Abbas, ha chiesto l’intervento urgente dell’amministrazione americana per porre fine all’escalation israeliana nei territori palestinesi”. Ha detto dopo l’incontro dell’Ap.

vecchia città

La Città Vecchia di Gerusalemme è divisa in un quartiere ebraico, musulmano, cristiano e armeno, frequentato da credenti di ogni fede, da residenti e turisti, sotto la sorveglianza delle forze israeliane ad ogni angolo. Rimane al centro delle tensioni, con cristiani e musulmani palestinesi che accusano le organizzazioni nazionali israeliane di voler colonizzare e “giudaizzare” questo luogo dove si intersecano le grandi religioni monoteiste, situato nella parte palestinese di Gerusalemme, che da allora è stata occupata e annessa da Israele . 1967.

Negli ultimi giorni sono aumentati gli scontri con l’osservanza del Ramadan, il mese del digiuno musulmano, e la festa ebraica della Pasqua, due festività che portano a grandi assembramenti nella Città Vecchia. Venerdì 15 aprile, le tensioni si sono trasformate in scontri sul Monte del Tempio tra i manifestanti palestinesi e le forze israeliane, lasciando più di 170 palestinesi feriti. Nuovi scontri sono scoppiati questo venerdì.

“La situazione è molto difficile, c’è aria di guerra”, ha detto Firas Mohamed, proprietario di un negozio in El-Wad Street, che continua a ricevere alcuni clienti abituali. Muhammad si risente degli ultra-ortodossi e talvolta nazionalisti che sfilano davanti al suo negozio, spesso accompagnati da guardie di sicurezza, mentre si dirigono verso il Muro Occidentale o la piazza della moschea. In precedenza, ha detto Muhammad, non passavano dal quartiere musulmano, ma oggi “vengono in gruppi, alzano bandiere, gridano ‘Morte agli arabi, morte ai musulmani’ e vengono a fomentare problemi”. E la polizia israeliana “non fa nulla”. Invece, dice, possono entrare nel parco, un luogo gestito dalla Giordania ma il cui ingresso è sotto il controllo di Israele, dove possono entrare a determinate condizioni ma non possono pregarvi. .

READ  Gli Stati Uniti hanno affermato che continueranno a sostenere la consegna di aiuti umanitari alla Corea del Nord anche se il regime di Kim Jong Un è "responsabile della situazione".

Fuori dal suo negozio di alimentari nella Città Vecchia di Gerusalemme, Alaa Zorba urla a un poliziotto israeliano, che risponde urlando. Un altro segno di tensioni tra israeliani e palestinesi che potrebbero aumentare da un momento all’altro. “Aggiungere benzina sul fuoco”, dice questo commerciante, mentre rifornisce il suo negozio ad Al-Wad, la strada principale del quartiere musulmano della Città Vecchia, vicino a tre poliziotti israeliani.

Poco prima, questo palestinese di 45 anni aveva visto un poliziotto chiedere a un musulmano i suoi documenti d’identità quando voleva recarsi nei campus della moschea. Alla fine, l’uomo è stato allontanato senza una ragione apparente e il poliziotto gli ha detto di tentare la fortuna con un altro ingresso troppo lontano. Presto, lo stesso poliziotto augura all’ebreo una buona Pasqua, cosa che fa perdere la pazienza ad Ala Zorba. “Ho urlato loro che sono arrabbiati”, spiega, dopo essere stato calmato da altri palestinesi.

Dopo un breve stallo, più violento a parole che a colpi, tutti tornano ai loro affari. Nelle vicinanze, un giovane palestinese ammanettato insegue due poliziotti israeliani. Nessuno sa perché sia ​​stato arrestato, ma nessuno si preoccupa della vista ora apparentemente normale. “La tensione aumenta di giorno in giorno”, afferma Alaa Zorba.