Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un accordo storico per la sinistra in Francia | I socialisti si uniscono al movimento unitario guidato da Jean-Luc Melenchon

da Parigi

Tra lacrime, risentimento e speranze, il destino Partito socialista francese Inoltre, dal francese si è lasciato se stesso: a metà settimana, il Consiglio nazionale del Partito socialista ha adottato con il 62% dei voti. Accordo con Jean-Luc Mélenchon Movimento France Insumisa formare insieme partito Comunista S Ecologisti, “Il Consorzio Ecologico e Sociale del Nuovo Popolo” (neofiti). unisciti a questa struttura tutti i diritti Fatta eccezione per l’Npa (Nuovo Partito Anticapitalista) promosso da Melenchon con l’obiettivo di proporre un’alternativa alla presidenza di Emmanuel Macron durante le elezioni legislative del prossimo giugno.

L’accordo ha tre dimensioni: vale per la sinistra Storico, A proposito di Jean-Luc Melenchon Dedicare una strategia a lungo termine E per scommettere il Partito socialista il suo significato deve ancora essere determinato: l’unione con la sinistra radicale di France Insumisa potrebbe essere l’ultimo chiodo nella bara del socialismo francese o la stretta via della rinascita. Dopo gli anni in cui il Partito Socialista ha preferito essere alleato del liberalismo globalizzato Piuttosto che essere il “partito per la trasformazione sociale” e la solidarietà che il suo fondatore Jean Jaures sognava all’inizio del XX secolo.

Emmanuel Macron, L’invenzione del socialismo

Forse non c’è prova più dura dell’incoerenza del Partito socialista e del suo corso delle due vittorie presidenziali di Emmanuel Macron, 2017 e 2022. L’attuale presidente non è un’invenzione della verità ma un’invenzione del socialismo. Le narrazioni sono spazzate via a sinistra perché gli si addice dire che il responsabile è il loro avversario. Non. Il capo di stato è un vero prodotto dei tradimenti socialisti. Macron è stato ministro dell’Economia sotto l’ultimo presidente socialista francese François Hollande. È emersa in quell’ambiente ed è salita al potere nel 2017 con il sostegno di molti elettori socialisti e attraverso una coalizione di leader del Partito Socialista.

La nuova unione ecologica e sociale Ha avuto un forte impatto sulla formazione politica poiché la tradizionale opposizione rappresentata dai due partiti istituzionali di destra e di sinistra, il Partito Socialista e quello Repubblicano, è scomparsa, per essere sostituita dall’estrema destra di Marine Le Pen. Ciò spiega in gran parte l’assenza dei due partiti che hanno guidato la rotazione negli ultimi 50 anni nel secondo turno delle elezioni presidenziali del 2017 e del 2022.

READ  Dopo settimane di preparazione, la Russia lancia una grande offensiva nell'Ucraina orientale | Il presidente Zelensky ha dichiarato "l'inizio della battaglia per il Donbass"

Con la nomina di Marine Le Pen, l’estrema destra sostituì socialisti e repubblicani. La defezione da cartone animato della sinistra nelle ultime elezioni presidenziali dell’aprile 2022 ha fornito un elemento di ulteriore legittimità per l’estrema destra che ha prosperato nel vuoto lasciato dal declino dei partiti tradizionali.

Melenchon ha vinto il suo posto a capo della nuova lega

però, Mélenchon non ha mai rinunciato alla sua marcia a sinistra. Spinse la locomotiva da un’ala molto più radicale della sinistra e, nel 2022, scelse una nuova nomina presidenziale che lo lasciò a pochi metri dall’andare al secondo turno, il 21,95% contro il 23,15% di Marine Le Pen. Più del 20% dei voti collocava la Francia Insumisa come l’asse attorno al quale doveva articolarsi la futura sinistra. Ecologia in Europa I Verdi (EELV) e il Partito Comunista sono stati i primi ad aderire alla nuova Unione Ecologica e Sociale del Popolo, mentre il Partito Socialista ha impiegato qualche giorno in più per accettare l’inevitabile: o unisciti o sparisci.

Il suo risultato alle ultime elezioni presidenziali (1,7%) ha trasformato il partito in una sorta di raduno clandestino. Nel discorso al Consiglio nazionale il primo segretario del Partito socialista, Olivier Faure, ha riconosciuto il deserto elettorale in cui era caduto il Partito socialista: «Gli elettori ci hanno abbandonato perché pensano che non abbiamo più niente da dire, né altro da giro.”

“Avventura condivisa” con altri diritti non è raro. Non c’è, ad esempio, niente di più lontano dalla filosofia socialista del concetto di “sinistra frammentata” proposto da Melenchon. Inoltre, France Insumisa si è mossa a causa dell’opposizione agli standard dell’UE ei socialisti (insieme agli ambientalisti) sono ferventi sostenitori del modello attuale. Tuttavia, tra il nulla e la possibilità, il Partito Socialista ha ceduto al possibile e, per quanto riguarda l’Europa, a quanto propone l’accordo, ovvero il “mancato rispetto di alcune regole” stabilite dall’Unione Europea.

lascia una scelta

L’introduzione di un’alternativa al potere attuale che non sia il potere dell’estrema destra è già, di per sé, un risultato importante. La debolezza dell’offerta politica è tale che questa iniziativa colma ampie aspettative e soddisfa, allo stesso tempo, i desideri della jihad di sinistra che, da anni, un sondaggio dopo l’altro, chiede unione. “Non siamo contraddittori, stiamo dimostrando di essere riconciliabili”, ha sottolineato Faurie.

READ  Il segretario di un campo di concentramento nazista in Germania è stato condannato a due anni di carcere | Irmgard Forschner è stato complice dell'omicidio di diecimila persone

Quella riconciliazione con ecologisti e comunisti fu meno difficile che con i socialisti. L’Europa, con i Verdi, e con il nucleare, con i comunisti, erano due grandi questioni di contesa che furono superate da alcuni aggiustamenti della piattaforma, concessioni e appianamento di angoli inconciliabili.

Il socialismo, profondamente diviso, ha avuto bisogno di più giorni e del voto finale per essere ricostituito Il numero rosso, verde e rosa (plurale a sinistra) che ha governato la Francia tra il 1997 e il 2002. Questa è stata l’ultima volta che la sinistra ha fatto questo insieme. In precedenza, avevano recitato in successi con un dinamismo simile: Fronte popolare nel 1936, Il programma congiunto del 1972 che poi portò all’Unione della Sinistra nel 1981 e La vittoria del socialista François Mitterrand nel maggio 1981. Nel ventunesimo secolo, molti socialisti consideravano il Patto controproducente e umiliante come se il Partito socialista fosse ancora il partito dominante fino a pochi decenni fa piuttosto che la terra desolata che era diventato.

Non tutti hanno accettato l’accordo

La porta per l’accettazione dell’accordo con Mélenchon è già stata aperta fronte a scheggia All’interno delle rovine del vecchio PS. Diverse figure hanno suggerito di trattenere i candidati dissidenti per le elezioni legislative di giugno. Ex Primo Ministro socialista, Bernard Cazeneuve, lascia la festa Mentre uno dei capi di governo di François Hollande, Jean-Marc Ayrault, ha affermato che l’accordo è stato un “lavoro fallito”.

Francesco olandese, L’imperatore socialista che assistette al crollo definitivo del partito socialista, “Rifiuta” l’accordo Mentre la Presidente dell’Occitania, Carol Delga, ha votato contro e ha deciso di scegliere i suoi candidati per le elezioni legislative del prossimo mese. Martine Aubrey, ex primo segretario del PS e autrice della legge sulla settimana lavorativa di 35 ore, ha sostenuto l’accordo nonostante le sue “profonde riserve”.

Ci sono mare mosso e caos all’interno di PS. Una frattura storica è venuta a chiarire il mistero di una formazione che non aveva nulla a che vedere con i valori che proclamava e che, d’ora in poi, il futuro non era più nelle sue mani. Francia Insumesa dirige l’orchestra: comunisti, ambientalisti e socialisti suonano le melodie del club di Jean-Luc Mélenchon.

READ  Schianto in elicottero vicino a un asilo in Ucraina: i morti sono almeno 18, compreso il ministro dell'Interno

Per la prima volta dal 1997 (un quarto di secolo…), Il giuramento andrà insieme a una consultazione legislativa. Quindici anni dopo aver lasciato il Partito socialista (2008) con l’idea principale che fosse necessario “inventare un’altra sinistra”, Melenchon vede il suo progetto realizzato. È anche la prima volta che una sezione dissidente del socialismo situata più a sinistra del Partito socialista socialista ha divorato il partito e diventa, attraverso una proposta più radicale, il baricentro della riconfigurazione.

Milchun porta la torcia

La storia di Melenchon è stata tanto controversa quanto ovvia. Una freccia diretta verso lo stesso bersaglio. Nel 2008, quando ha lasciato il Partito Socialista, Melenchon ha fondato il Partito della Sinistra. Nel 2009 è entrato a far parte del Fronte di sinistra con i comunisti e altri partiti e con loro è stato eletto due volte deputato europeo (2009 e 2014) e ha partecipato alle elezioni presidenziali del 2012, dove si è classificato quarto con l’11,10% dei voti.

Nel 2016 Mélenchon, ispirato dai movimenti sociali e politici dell’America Latina (Argentina, Ecuador, Messico) ha fondato la Francia Insumisa (LFI). Questa sinistra radicale fratturata gli ha permesso di ricandidarsi alle elezioni presidenziali del 2017. Arrivò al quarto posto con il 19,58%, poi nel giugno dello stesso anno fu eletto deputato. È tornato a candidarsi alla presidenza nel 2022, ricevendo quasi il doppio dei voti nel 2012, con il 21,95%, conquistando il terzo posto dietro Macron e Le Pen.

Dal trotskista negli anni ’70, quando era conosciuto con lo pseudonimo di Santeri, attraverso le sue tre nomine presidenziali, e oggi, anni e disastri sono passati dalla sinistra senza che Melenchon neghi errori o fallimenti.

C’è ancora molta strada da fare per vedere cosa accadrà a giugno, ma c’è già una regola pratica. Anche coloro che non sopportavano Melenchon hanno cominciato a sognare, grazie a questa unione ecologica e sociale del nuovo popolo, che l’esclusività dell’estrema destra come principale forza di opposizione si sarebbe finalmente aperta al suo posto. Raggiunge.

[email protected]