Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ucciso Juan Pablo Gonzalez, presunto aggressore di Hilary Castro: un’autopsia forense

Nella foto c’è Juan Pablo Gonzalez, che aveva aggredito sessualmente Hilary Castro alla stazione di Transilinho a nord di Bogotà. Foto: Segreteria di sicurezza di Bogotà

Quando si è saputo della morte di Juan Pablo Gonzalez, accusato di aver abusato di Hilary Castro alla stazione Trans Milenio a nord di Bogotà, la polizia ha dichiarato, come prima ipotesi, che si sarebbe potuto trattare di un suicidio. Tuttavia, non ha escluso che si trattasse di un omicidio, e questa è esattamente la conclusione a cui si è giunti. Medicina legale Questo martedì 8 novembre: questo La persona arrestata è stata uccisa il 5 novembre all’interno di un URI a Puente Aranda.

Secondo l’autopsia condotta dall’entità, Gonzalez è stato ucciso all’interno unità di reazione istantanea Si trova a ovest della città. Il parere indica anche la presenza di più colpi sul corpo e sulla testa senza capelli.

La sesta domenica alle 16:40, le autorità hanno trovato il corpo del prigioniero morto in una delle celle di Sijín situata all’interno dell’URI, dove c’erano altri 80 detenuti, secondo il generale Carlos Triana, comandante Polizia metropolitana di Bogotà in conversazione con Blu Radio. La prima versione consegnata era che avrebbe potuto essere un suicidio. Tuttavia, l’accusa ha affermato il contrario.

La Commissione Tecnica Investigativa (CTI) della Procura di Stato in il tempo che Gonzalez era in traumi multipli al momento della sua morte e che ha perso conoscenza quando è arrivato nella sua cella dopo aver legalizzato la sua prigionia. A sua volta, è stato dettagliato che dopo il procedimento giudiziario, i responsabili della sua detenzione hanno riferito che è svenuto e nonostante l’infermiera gli abbia prestato i primi soccorsi pochi minuti dopo, è effettivamente morto.

READ  La chiave del benessere è nell'equilibrio

Potrebbe interessarti: Accordo di pace: la Procura avverte di non conformità nella segregazione e formalizzazione dei territori

segretario alla sicurezza, Annibale Fernandez de SotoAi media sopra menzionati, quando è arrivata l’ambulanza, il detenuto non aveva segni vitali. Ha anche specificato di aver raggiunto un URI altamente variabile, motivo per cui hanno dovuto cambiare la cella. Ore dopo, la sua morte era nota.

Va notato che l’accusato di violenza sessuale Ilario Castro Era già stato arrestato il 21 ottobre per essersi toccato i genitali davanti a diverse persone nella città di Osaquin. È passata una settimana prima che la minorenne raccontasse come l’uomo l’abbia costretta a fare sesso dopo averla minacciata.

Il giorno dopo, il 6 novembre, la filiale di Bogotá di accusa Sono stato informato che “il giudice del controllo di sicurezza di Bogotà ordinerà Misura di sicurezza in carcere vs referenziato da violenza sessuale; Tuttavia, Castro si è lamentato sul suo account Instagram perché ha appreso dell’arresto e del processo giudiziario dalla notizia e non dalle autorità stesse.

Le ultime persone che ho conosciuto eravamo io e la mia famiglia.disse la vittima. Né la Polizia nazionale né la Procura della Repubblica hanno contattato il minore. “Come puoi dire che quello che vogliono è un ‘boom’, notizie, per generare l’effetto che fanno qualcosa e sillabare il nome della polizia”, ​​ha aggiunto.

Continuare a leggere: