Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

UACh guida un progetto per riutilizzare l’acqua attraverso la purificazione delle zone umide

Grazie al Fondo strategico per la ricerca sulla siccità del Dipartimento di Scienze, UACh in consorzio con altre università del paese svilupperà un piano senza precedenti per costruire e analizzare i risultati ottenuti dalla purificazione dell’acqua nelle zone umide in tre diverse regioni del paese per il riutilizzo in agricoltura, allevamento e attività domestiche.

Il Cile è uno dei paesi più colpiti dagli effetti del cambiamento climatico. La massiccia siccità che colpisce gran parte del paese rende urgente e necessario esplorare e implementare alternative che consentano l’accesso all’acqua per il consumo umano e la produzione alimentare. Una di queste alternative è la purificazione delle zone umide, che sono soluzioni basate sulla natura che consentono alle acque grigie e/o nere di infiltrarsi nelle acque sotterranee per essere pulite o riutilizzate. Attualmente, c’è un interesse crescente, ma ancora molto iniziale, per lo sviluppo di questo tipo di infrastrutture verdi, sia da parte del mondo pubblico che privato.

L’attuale contesto di scarsità d’acqua ha spinto il Ministero della Scienza, della Tecnologia, della Conoscenza e dell’Innovazione a lanciare un concorso per fondi pubblici che consentisse la generazione di maggiori conoscenze e dati sulle strategie di controllo della siccità. La Universidad Austral de Chile, a través del Centro de Humedales Río Cruces, fue una de las 21 iniciativas ganadoras con el proyecto “Tratamiento de humedales para mitigar la emergencia por escasez de agua en Chile: solucionoves la basezaa coma ramón, recuperación her natural trata y reutilización de aguas residuales” en consorcio con investigadores de las Universidades Católica del Maule, de Playa Ancha, Arturo Prat, y Católica de Valparaíso, y el apoyo de la Universidades de Aarhus de Aarhus), Bolyonia (Florida (maralia), Florida ( Maralia) (Stati Uniti).

READ  Vernán Quiros: "La terza ondata è inevitabile, ma con la vaccinazione la malattia sarà più volgare"

Sebbene siano stati compiuti progressi nel trattamento delle acque reflue attraverso le normative vigenti, il riutilizzo di queste acque dopo il trattamento è praticamente inesistente. Sappiamo che nelle aree urbane è stato trattato praticamente il 100% dell’acqua, fino al 10% nelle aree rurali. È qui che vediamo un enorme potenziale per implementare un piano che ci consentirà di riutilizzare quest’acqua in un modo diverso da come abbiamo fatto finora”, ha affermato Ignacio Rodriguez, direttore esecutivo del Rio Cruces Wetland Center presso l’UACh. e responsabile del progetto.

Ignacio Rodriguez ha spiegato che l’iniziativa è nata come continuazione del progetto di costruzione di zone umide bonificate che era iniziato nella regione di Los Rios, grazie a un’iniziativa sostenuta da Fomento Los Rios. “Il caso del comune di Valdivia è molto indicativo della massiccia siccità a cui stiamo assistendo. È uno dei comuni dove piove di più nel Paese, ma abbiamo comunque un deficit idrico mai visto prima, che ci costringe a realizzare questo tipo di soluzione naturalistica che possa essere replicata anche in altre parti del Paese, per questo abbiamo scelto di costruire e analizzare dati ottenuti in altre grandi aree dove le condizioni geografiche e climatiche differiscono da quanto già sappiamo qui Questa è la sfida che stiamo affrontando e crediamo che darà un enorme contributo alla gestione dell’acqua”, ha spiegato.

Il progetto sta studiando l’uso delle zone umide bonificate che sono già state costruite nelle città di Iquique, Valparaíso, Talca e Valdivia, dove saranno intensificate le attrezzature e le conoscenze relative al trattamento delle acque grigie al fine di generare effluenti che ne consentano il riutilizzo per scopi agricoli. Tutela delle reti idriche e irrigue delle falde acquifere, oltre all’impatto del riutilizzo sulla produzione di foraggi e sull’irrigazione di ortaggi e alberi da frutto. Inoltre, sta valutando una guida per valutare le soluzioni basate sulla natura e una serie di incontri scientifici sponsorizzati dal Network of Water Resources Researchers.

READ  Vietnam, l'Italia semplifica la cooperazione per realizzare strategie spaziali | Economia

D’altra parte, il progetto cerca anche di integrare questo tipo di infrastruttura verde nel sistema degli investimenti pubblici. “È fondamentale che questo tipo di soluzione basata sulla natura sia considerata nei meccanismi di valutazione sociale che hanno le iniziative di investimento pubblico, perché è l’unico modo in cui possono essere scalate a livello nazionale”, ha affermato Rodriguez.

Infine, Ignacio Rodriguez ha osservato che sperano che entro la fine dei 12 mesi di attuazione del progetto “possiamo avere dati specifici sull’efficacia di questa acqua trattata nella depurazione delle zone umide che ci consentiranno non solo di creare nuove iniziative politiche in questo settore. ” – soprattutto in riferimento alla valutazione sociale degli investimenti – ma anche alla generazione di conoscenza scientifica per il resto del mondo attraverso pubblicazioni, visite e seminari di scambio internazionale.”