Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tucuman: quinto decesso confermato per polmonite da Legionella

immagine di riserva. Il paziente di 64 anni è stato ricoverato in ospedale nel settore pubblico

Ministero della Salute Pubblica a Tucumán Ha confermato questa mattina la morte del quinto cittadino locale A causa della diffusione del batterio Legionella.

Come affermato nel Portfolio della Sanità Pubblica, Si trattava di un uomo di 64 anni ricoverato in ospedale nel settore pubblico. il paziente Avevano comorbilità Sabato ha perso la vita.

Pertanto, si stima che ci siano ancora sei persone che stanno ancora combattendo la malattia, di cui la polmonite bilaterale è una delle principali complicanze.

Finora sabato è stato confermato un quarto decesso per lo stesso disturbo di salute. Il Ministero della Salute Pubblica di Tucumán ha dichiarato: “Si tratta di un paziente di 48 anni, con comorbilità, ricoverato in gravi condizioni nel settore pubblico“, fonti confermate dal fascicolo sanitario Infobae. L’uomo lavorava nel sanatorio Luz Médica.

Sabato pomeriggio, il ministro della Sanità nazionale ha detto: Carla VisetteE il Ha confermato che il batterio che causa queste gravi complicazioni di salute in 11 persone infette è il batterio della Legionella. “È un batterio che viene fotografato. Probabilmente è una Legionella leptospirosi, quindi non è un virus sconosciuto”, ha detto in una conferenza stampa.

“Quello che è stato fatto da un punto di vista sanitario, epidemiologico e da una valutazione clinica è determinare che l’epidemia è stata causata da questi batteri. Invitiamo i pazienti a lavorare in sanatorio per determinare se questi batteri sono presenti nell’acqua , nei tubi, e quali misure igieniche adottare per migliorare la situazione”, ha sottolineato Vizzotti nella conferenza stampa che lo ha accompagnato Luis Medina Ruiz, Ministro della Salute di Tucumán ed Eva Jean Yupes, rappresentante dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dell’Organizzazione Panamericana della Salute (PAHO) in Argentina.

I primi campioni inviati all'Istituto Malbrán da un focolaio di polmonite bilaterale nella nostra contea hanno dato un risultato positivo per il batterio della Legionella.
I primi campioni inviati all’Istituto Malbrán da un focolaio di polmonite bilaterale nella nostra contea hanno dato un risultato positivo per il batterio della Legionella.

La prima vittima mortale di questo focolaio è stata Un medico di 68 anni è stato seguito mercoledì pomeriggio da un’infermiera di 45 anni. Nel frattempo, giovedì ha informato un portavoce della borsa sanitaria provinciale Infobae Da Il terzo deceduto E subito dopo, l’assessore regionale alla Regione, Luis Medina Ruiz, E ha specificato in una conferenza stampa che “il paziente di 70 anni è morto ed è stato portato in ospedale nella clinica privata”. luce medica, dove è stato scoperto il focolaio. La donna era stata ricoverata in quella clinica per un altro problema di salute lo scorso 20 agosto.

Tucuman ha confermato una nuova morte per polmonite
Tucuman ha confermato una nuova morte per polmonite

Sistema Sanitario Regionale (Siprosa) Infezione confermata n. 11, un paziente è stato portato in ospedale in gravi condizioni. È stata anche annunciata la morte di un medico che è stato trasferito in un ospedale pubblico.

READ  La nuova strategia per l'occupazione e il maggiore impegno è investire nel lusso

La Legionella è un batterio noto da molti anni, descritto per la prima volta nel 1975. Si chiama Legionella perché il primo focolaio si è verificato in un centro di ex legionari. Da lì ha preso il nome. C’è stato un focolaio diffuso della malattia in tutto il mondo. Il capo della Commissione Sanità del Senato ha spiegato che l’Argentina aveva una, a San Antonio de Areco nel 2013, di 14 persone in terapia intensiva: medici, infermieri e il paziente occasionale anche con alcuni casi purtroppo molto gravi.

La clinica Luz Médica di Tucumán è stata l'epicentro di casi di polmonite bilaterale
La clinica Luz Médica di Tucumán è stata l’epicentro di casi di polmonite bilaterale

Lo ha osservato il presidente della commissione per la salute del Senato Legionella “è un batterio che ha il potenziale per essere altamente aggressivo o dare casi lievi a persone con problemi di salute preesistenti a causa dell’età, delle condizioni o di problemi respiratori.“.

È sensibile ad alcuni degli antibiotici che sono stati somministrati a Tucuman sin dall’inizioHa chiesto di smettere di riferirsi all’epidemia come a una malattia “sconosciuta”. “Se si trattava di Legionella o altri batteri simili, il fatto è che si trattava di un focolaio simultaneo di polmonite bilaterale piuttosto che di una malattia sconosciuta‘, ha confermato.

In questo senso, ha sottolineato che “è importante rimuovere la paura, di un focolaio del coronavirus o del vaiolo delle scimmie, negli abitanti di Tucumán di una malattia sconosciuta” e ha affermato che “la paura di questa malattia era sufficiente, ma se si mette un soprannome sconosciuto, e non si sa come lo tratti né come si diffonda, e questo si sa”.

READ  Oroscopo di oggi, giovedì 8 settembre: previsioni per salute e benessere | Cronaca

Da parte loro, il Lo descrive il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli Stati Uniti: “Dopo che i batteri della Legionella crescono e si moltiplicano nel sistema idrico di un edificio, l’acqua che lo contiene può disperdersi in goccioline abbastanza piccole da essere inalate dalle persone. Le persone possono contrarre la malattia dei legionari o la febbre di Pontiac quando respirano le goccioline contenenti i batteri”.

Dopo aver confermato l’origine dei casi di polmonite bilaterale a Tucumán, il dottor Roberto Debag, presidente della Società latinoamericana di malattie infettive pediatriche, ha dichiarato a Infobae: “Di solito questi focolai si verificano a causa della contaminazione dell’acqua nei frigoriferi centrali e ciò che viene prodotta è acqua nebbia in diversi punti dell’edificio, in questo caso la clinica, da spruzzi d’acqua con batteri.

Ha aggiunto: “Una volta che escludiamo COVID-19 o influenza A, tutto indica che dalla Legionella non ci sono altri batteri che producono questo tipo di polmonite bilaterale negli operatori sanitari e nei pazienti in un istituto sanitario”.

Continuare a leggere