Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

#TrendingAtopic, la prima discussione di LEO Pharma su bioinnovazione e dermatite atopica

Il primo rapporto nazionale sul consumo di risorse e sui costi relativi alla gestione dell’iperkaliemia cronica (HK) in Spagna, approvato dalla Società Spagnola di Nefrologia (SEN), è stato presentato pochi giorni fa alla comunità, e mostra che i risultati corrispondono a l’impatto sanitario ed economico dell’iperkaliemia (HK) Con un maggiore utilizzo delle risorse sanitarie questa malattia indica: è associata a un più alto tasso di ospedalizzazione (+14%), emergenze (+10%) e visite ospedaliere (+52%), così come un rischio più elevato di morte per qualsiasi causa (+68%), dove il costo annuale per paziente con HKD in Spagna è rispettivamente di € 4468, € 6993 e € 12.705 nei pazienti con HKD lieve, moderata e grave.

Questo rapporto è stato presentato nell’ambito del webinar “Opportunità nel trattamento dei pazienti con cardiopatia renale in Spagna”, organizzato da Fondazione Weber e Vifor Pharma. Un dibattito che ha visto la partecipazione di esperti di spicco del settore, che hanno fornito una visione completa, da diverse prospettive, della situazione attuale e delle sfide future nell’approccio dei pazienti con nefrologia e cardiologia nel nostro Paese.

Allora, dottore. Patricia de Sequeira, responsabile del servizio di nefrologia dell’ospedale universitario Infanta Leonor, e il dottor Ramon Boufer, cardiologo dell’ospedale clinico San Carlos di Madrid, hanno analizzato gli aspetti clinici più rilevanti per quanto riguarda la gestione della Pazienti con malattia renale cronica (CKD) o insufficienza cardiaca (HF).

Alvaro Hidalgo, Presidente della Fondazione Weber, ha dettagliato la metodologia ei risultati Analisi economica dell’uso del patiromerche è stato presentato al recente Convegno Nazionale Ospedali e Gestione Sanitaria dell’Associazione dei Direttori Sanitari (SEDISA) ed è stato commentato anche da altri esperti.

READ  Gauna Rubio ha detto - infopico.com

I dati mostrano che l’uso di Patiromer, un chelante del potassio, in pazienti con malattie renali o cardiache (senza doppia comorbidità), consentirebbe di risparmiare il 32% sui costi, raggiungerebbe benefici clinici e compenserebbe il costo del farmaco.. La relazione realizzata arriva a fornire argomentazioni per richiedere una modifica del visto paziente, in quanto non ha giustificazione economica ed è anche la più restrittiva dell’Unione Europea”, ha spiegato il Dr. de Sequera, di questa società scientifica e in collaborazione con la Federazione Nazionale di Renal Disease Societies (ALCER), hanno insistito sul fatto che l’iperkaliemia è un disturbo grave che può aumentare la mortalità in questi pazienti ed è necessario in via prioritaria rivedere l’attuale visto Patromere, che limita il trattamento di questo grave disturbo elettrolitico a un solo sottoinsieme dei pazienti.

Quindi avviare un file tavolo di discussionemoderato da Pedro Gomez Baguelo, ex vicedirettore generale per la qualità dei medicinali e dei prodotti sanitari, dove il dott. Jorge Navarro, direttore medico della Clinica Ospedaliera Valencia e il dott. Iniziative lanciate per migliorare l’assistenza sanitaria come unità cardiache e renali e migliorare l’esperienza dei pazienti.

Insieme a loro, Hidalgo ha scavato più in dettaglio a Sfide e relax nei visti post-pandemici: “I visti sembrano essere diventati uno strumento obsoleto e inefficace come elemento di contenimento dei costi e possono generare effetti negativi riducendo l’uso di farmaci essenziali per i pazienti. La pandemia ha fornito l’opportunità di valutare l’idoneità dei visti e la capacità di verificare se la cancellazione del visto genera maggiori benefici per i pazienti. Inoltre, nelle proposte per migliorare l’efficienza della spesa per i farmaci, organismi indipendenti come l’AIReF non includono i visti come strumento utile.

READ  Come perdere il grasso della pancia che è apparso durante la pandemia

Infine, gli esperti hanno concluso che l’approccio ai pazienti con insufficienza renale cronica o scompenso cardiaco richiede un’attenzione particolare. I nuovi leganti del potassio migliorano il trattamento di questi pazienti e consentono anche il mantenimento degli inibitori del sistema renina-angiotensina-aldosterone (RAAS), che contribuisce al trattamento ottimale dei pazienti con insufficienza renale cronica o insufficienza cardiaca. Sempre più spesso l’esperienza clinica maturata con queste terapie dovrebbe consentire una valutazione aggiornata che ne estenda l’uso a tutti i pazienti che potrebbero trarre beneficio da queste terapie.

Per ulteriori informazioni, è possibile accedere al report completo tramite il seguente link: www.weber.org.es/publicaciones

Questo contenuto è stato sviluppato da Studio UEsocietà di branded content e content marketing per l’unità editoriale, for Favore Pharma.