Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tre Cordovan si uniscono in bicicletta a Italia e Qatar per tifare la nazionale e sperare che i biglietti “cadranno dal cielo”.

Ad aprile hanno lasciato l’Italia e sono andati in bicicletta in Qatar per vedere la nazionale (@soniandoencleta).

“È pazzesco, ma piuttosto pazzesco!”dice tra eccitazione e risate Franco Bussi Gli ci sono voluti alcuni minuti per ricevere un segnale per parlare da Istanbul, dove di tanto in tanto compaiono attacchi di calore e interruzioni di corrente.

Eccolo con i suoi amici Bernard Costamagno Y Nicola ArsEntrambi hanno 26 anni. I tre sono di Laboulaye, Córdoba, si conoscono fin dall’infanzia e viaggiano insieme per il mondo da oltre un anno. Quando hanno lasciato la loro città e sono stati inseriti nelle montagne, lo hanno fatto in tempi diversi e con l’intenzione di conoscere molti paesi. Ma ad aprile l’obiettivo è cambiato.

“Bernardo e Nico viaggiavano insieme da prima di me e quando sono partito per il Messico da solo nel febbraio 2020, il coronavirus mi ha catturato lì e mi ha ancorato in quel paese per sei mesi. Quando ho potuto, ho continuato il mio viaggio e noi tre ci siamo incontrati un anno e mezzo fa in una piccola città della Thailandia. Un pomeriggio, su una spiaggia, i ragazzi parlarono dell’idea di andare in Qatar in bici mentre ero in ostello, e durante la cena me ne parlarono:Vogliamo andare al Mondiale e sostenere la Scalaneta, vi diciamo… Andiamo?’, Ho detto. Oca per me! Ho provato un misto di eccitazione, brividi e felicità… andiamo!!’Ho detto loro che è così che abbiamo iniziato questo sogno”, dice il 24enne.

Entrare in Turchia Sogno di tre mesi (@soniandoencleta)
Entrare in Turchia Sogno di tre mesi (@soniandoencleta)

Da quel giorno hanno cominciato a progettare e pensare a quel progetto, come lo chiamano Suonando in cleta (senza ñ). Sono venuti insieme in Europa, dove hanno ottenuto visti di lavoro e hanno trovato lavoro per iniziare a risparmiare.

Hanno già attraversato l’Italia, la Slovenia, la Croazia, il Montenegro, la Bosnia, l’Albania, la Macedonia del Nord, la Grecia e ora sono in Turchia, continuano attraverso la Georgia, l’Armenia, l’Iran e arrivano via acqua in Qatar.

READ  Manifestazioni e cultura all'8M in Italia senza dimenticare gli ucraini

Anche senza un biglietto per il primo round della Coppa del Mondo, gli amici sperano che il sogno della Coppa del Mondo diventi realtà. “Facendo pochi passi Papua Con Gomes e alcuni ragazzi della squadra, il sogno si avvererà”.Dicono

viaggiare

“Il progetto è stato preparato in due giorni. Avevamo già viaggiato in Europa e in Asia, a marzo eravamo in Thailandia, e all’inizio sembrava una pazzia, perché avevamo già pensato di farlo in bici. Poi ne abbiamo parlato di più seriamente, ci siamo detti: Inteligente! Facciamolo!”.

Franco non percorreva mai più di 10 chilometri in bicicletta, e lo faceva solo occasionalmente perché non era il suo modo di vivere. Nonostante ciò, oggi ho accettato la sfida dei miei amici Tutti e tre viaggiano per il mondo in un viaggio che li definisce anche sostenibili.

Lungo la strada hanno incontrato tanti amici e tanti bambini venuti a vedere sventolare la bandiera argentina (@soniandoencleta)
Lungo la strada hanno incontrato tanti amici e tanti bambini venuti a vedere sventolare la bandiera argentina (@soniandoencleta)

“Il primo modo – racconta – era lasciare il Nepal, ma era impossibile ottenere un visto per varcare il confine terrestre, quindi siamo volati a Como, in Italia, e da lì siamo partiti. Ci siamo preparati a Milano ea Como, quando abbiamo detto che saremmo andati al Mondiale ci hanno sostenuto con sconti e regali sull’acquisto delle bici, che abbiamo battezzato ‘La Pochocla’, ed era mia; “La Calca” di Bernardo e “La Nina” di Nico.

Se partono sei mesi prima, percorrono dai 6.000 ai 7.000 km. “Anche se le condizioni fisiche non sono buone, dieci persone mentalmente, se diciamo che faremo 700 km in una settimana, lo faremo”, spiega.

Ti permettono di conoscere ogni destinazione, la sua gente e la sua cultura. “Se un posto ci afferra o ci connettiamo con le persone o il luogo in cui soggiorniamo. Ad esempio, come in Grecia, siamo stati 15 giorni in un posto dove puoi campeggiare gratuitamente, non abbiamo speso soldi e ci è piaciuto molto.

“La Pochocla”, “La galga” e “La Niña”, compagni di viaggio di amici (@soniandoencleta)

Perché possono fare tutto questo con la massima tranquillità Per ciascuna delle loro bici Hanno tutto il necessario per dormire e mangiare: portano quattro cestini, utensili da cucina, una tenda, cuscini e sacchi a pelo. E, soprattutto (che apre loro molte porte), Una bandiera argentina ardente

READ  Covit-19 in Italia: Corona virus e vaccino dal 15 maggio

“È incredibile quello che fa! Ci urlano contro Argentina! Messi! Maradona!, Tutti dovrebbero riconoscere la bandiera e dire cose buone. Le persone si avvicinano a noi per curiosità, si crea un legame; Ci invitano a prendere un caffè, ci chiedono se abbiamo bisogno di acqua, ci offrono da mangiare o ci invitano a mangiare e dormire. Ed è qualcosa che crea la bicicletta, perché ho viaggiato come zaino in spalla per tre anni e lo zaino non ce l’ha fatta, quell’empatia.

Per loro, la cosa più importante è mantenere l’idea di avere un viaggio sostenibile ed economico. “Abbiamo l’attrezzatura di cui abbiamo bisogno, dormiamo sempre in luoghi selvaggi, senza pagare in cambio, e lo adoriamo. Ti incoraggiamo a farlo e rompiamo l’idea che viaggiare sia costoso”.

Le famiglie rimasero a Córdoba, comunicando con loro il più possibile. Hanno sempre avuto il supporto dei propri cari che hanno capito l’amore per i viaggi e il desiderio di vedere il mondo come un ottimo modo per conoscere culture diverse.

Le nostre famiglie ci sono abituate e tutti vanno pazzi per questo progetto. Ci supportano pienamente! Anche se alcuni amici stanno lì, durante il viaggio incontri persone davvero simpatiche, in ogni modo, e incontri persone che sono come amici o qualcuno per compagnia”, ammette con una risata.

"Il Tridente Laboulayense ha percorso 595 chilometri da Como, in Italia, a Trieste.  Domani attraversiamo il confine con la Slovenia!"Lo hanno detto il 4 maggio sul profilo @soniandoencleta
“Il Laboulayense Trident è arrivato a Trieste dopo aver percorso 595 chilometri da Como, in Italia. Domani attraverseremo il confine con la Slovenia!” Così si diceva sul profilo @soniandoencleta il 4 maggio.

Per quanto possono, stanno cercando modi per guadagnare soldi per continuare a viaggiare perché hanno esaurito i risparmi una volta ottenuto il visto di lavoro in Europa.

READ  Un regista e il suo piano più umanitario: un aereo privato dalla Polonia all'Italia per salvare centinaia di profughi ucraini

Bernardo non è un fotografo ma fa belle foto Scattiamo foto con cartelli in inglese Quindi chiunque può lasciarci un consiglio e funziona alla grande. Facciamo anche musica e c’è sempre una buona atmosfera”, ammette.

Il sogno non si esaurisce cantando una canzone in campo o guardando una schiacciata di Messi in campo. Intendono anche aiutare la scuola Lucio B. Mancilla “È qualcosa di cui c’è un disperato bisogno”, ha detto la sua gente.

“Vogliamo aiutare la scuola con cui stiamo già collaborando perché ha molte esigenze e il modo per farlo è lasciare il 70% delle donazioni o dell’aiuto che riceviamo sugli account che condividiamo sul nostro profilo Instagram. @soniandoencleta. Il restante 30% è costituito dalle nostre spese quotidiane per cibo e visti per continuare a viaggiare”, assicura.

Franco si immagina in Qatar, dentro o fuori dal campo, anche se vorrebbe che i mezzi per ottenere i biglietti per almeno una partita “cadessero dal cielo”.. “Lì si torna con il trofeo con la Nazionale e si raggiunge l’obelisco con le moto per festeggiare”, Si eccita

Continua a leggere: