Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Trasferimenti Atletico Madrid: Nihon Breeze, ad un passo dal lasciare in prestito all’Udinese

Nehun Prez può intraprendere una nuova avventura in questa stagione sotto forma di transizione. Il calciatore argentino firmerà un nuovo prestito per la terza stagione consecutiva. Dopo aver superato Famagliao e Granada, darà gli ultimi ritocchi Partenza per l’Udinese Serie A italiana.

Il 21enne difensore, approdato quest’estate a Simeone subito dopo aver giocato le Olimpiadi con la nazionale argentina, Aveva guadagnato minuti nelle sue ultime due amichevoli precampionato. Ha lasciato buoni sentimenti a Cadice e Rotterdam. La condizione del tuo stato ha cambiato la società della tua registrazione Per la prima giornata di campionato, in attesa della soluzione del suo futuro o del futuro di Arias. proprio adesso, Tutto punta ad entrare nell’ex squadra di Rodrigo de Paul. Nello specifico, il nome di Nihon era sul tavolo delle trattative per il suo connazionale. In quel momento si è arreso fino a quando la sua situazione non è stata valutata.

Con il consolidamento di Savic, Gimnez, Hermoso e Felipe, oltre alla possibilità di Vrsaljko di adattarsi alla posizione centrale, dal club Si prevede che Nihon continuerà a crescere come hub. L’argentino è uno dei calciatori più ricercati dall’Atlético e molte squadre hanno chiesto notizie su di lui durante l’estate. Infine, come hanno anche sottolineato Sky ItaliaL’argentino sarebbe un passo avanti verso l’Udinese. Per ora entrano giovedì con l’Atletico in attesa di un trasferimento che potrebbe durare due anni.

Anche la possibile partenza di Nihon non fermerebbe Arias.. La posizione del colombiano è una priorità dell’amministrazione sportiva. Con l’addio di entrambi i calciatori si libererà un ulteriore spazio per la community che potrebbe tornare utile all’Atletico in vista della fine del mercato.

READ  Scandalo con LeBron James in NBA: è stato licenziato dopo aver colpito il gomito e aver lasciato sanguinare un avversario