Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Thomas Vermaelen, non è mai troppo tardi

Quando il suo contratto con il Barcellona è scaduto nell’estate del 2019 e si è diretto in Giappone, molti, se non tutti, i fan credevano che Thomas Vermaelen si stesse lasciando alle spalle un lungo palcoscenico nell’élite calcistica per vivere alcuni anni della sua carriera lontano dalle luci della ribalta. E pressione, pensionamento anticipato. Ma all’età di trentacinque anni, che ora è rispettato dagli infortuni, è emerso come uno dei leader della difesa del Belgio nel campionato europeo, in particolare nella partita contro il Portogallo agli ottavi, dove è riuscito ad ammanettare Cristiano Ronaldo. I campioni d’Europa hanno deciso nei minuti finali della partita, meritandosi un risultato ancora migliore, e il difensore centrale veterano è stato uno dei pilastri della resistenza della squadra. diavoli Rossi Oggi affronta una nuova sfida nei quarti di finale contro l’Italia.

“Niente mi ha sorpreso. Vermaelen è il difensore centrale. Il compagno di squadra di Visel Kobe, Sergei Samper, mette in evidenza la forza, la consegna della palla o la forza aerea di Capelin, che è così ammirato nel Paese del Sol Levante “La gente in Giappone lo rispetta molto. Ha avuto una carriera straordinaria. È uno standard e aiuta a far crescere questa associazione”, spiega. Per il centrocampista catalano “la sua prestazione al Vissel Kobe è stata molto buona”, poiché le sue “caratteristiche si sono distinte molto dalle altre centrocampisti femminili”. situazione personale”, non ha intenzione di tornare in Europa, ma Samper “non dubita di poter tornare” a giocare ai massimi livelli.

“Devi sempre credere in te stesso e sono preparato al 100% per la Coppa dei Campioni”

READ  "Cristiano deve lasciare l'Italia e lasciarmi in pace"

Tuttavia Vermaelen non conserva un buon ricordo della recente esperienza nel Vecchio Continente. Nel corso della sua carriera è stato afflitto da infortuni, sia all’Ajax che all’Arsenal ma soprattutto al Barcellona, ​​senza proseguimento a causa dei suoi continui problemi fisici. La frase “E’ un giocatore dalla prestazione istantanea”, che ha detto nella sua presentazione fatta dall’allora segretario tecnico del club catalano, Andoni Zubizarreta, lo ha perseguitato durante i quattro anni in cui ha difeso la maglia del Barcellona. Al Camp Nou ha mostrato a malapena le sue qualità, ma sia a Kobe che sotto Robert Martinez ha dimostrato di portare ancora il calcio nei suoi panni nonostante fosse il giocatore più anziano della squadra nazionale.

Vermaelen vince saltando su Cristiano Ronaldo.

Thanassis Stavrakis – Paul/Getty

Il Belgio è stato presentato come candidato a vincere il Campionato Europeo con Romelu Lukaku, Kevin De Bruyne e persino Eden Hazard come argomenti principali, mentre le incognite erano dietro di loro, la maggior parte del suo focus centrale era costituito da giocatori oltre i trent’anni. “La questione dell’età in difesa è un mito. Se ti prendi cura della tua età, non importa, è ancora meglio grazie all’esperienza”, afferma Samper. Vermaelen, che ha iniziato come sostituto, ha disputato due partite impressionanti contro Finlandia e Portogallo, entrambe senza gol, togliendo ogni dubbio. “Sono cresciuto ma ho mantenuto lo stesso stile di gioco, aggressivo nel senso buono della parola. Devi sempre fidarti di te stesso e io sono preparato al 100%”, ha difeso in vista dei Campionati di Vermaelen, che stasera a Monaco di Baviera avranno fermare Immobile e l’azienda per continuare a sognare una conclusione d’oro per la sua carriera.

READ  Gol del Boca contro il Barcellona dall'Ecuador