Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Testimonianza del dottor Ferraro dopo il suo disegno Covid: “Non sono nella lista dei morti per un miracolo che la Vergine e Dio hanno fatto con la scienza”

Più di 7.100 operatori sanitari sono guariti dal Covid-19 a Tucumán. Tra loro c’era qualcuno che era stato lontano da qui per 12 giorni. Le sue gravi condizioni hanno suscitato un tale clamore in campo sanitario che quando ha lasciato l’ospedale su una sedia a rotelle, è stato applaudito. il suo nome Marcelo Ferraro, è un chirurgo ed è stato direttore dell’ospedale del Centro sanitario Zenón J. Santillán tra novembre 2019 e settembre 2020. Quattro mesi dopo la fine della sua guarigione, il medico ha raccontato a LA GACETA i dettagli della sua ora più difficile.

Ferraro è risultato positivo il 26 maggio dello scorso anno, nel bel mezzo di una seconda ondata, mentre il sistema sanitario era messo a dura prova da un’impennata di casi. Quel giorno, come tutti gli altri, alle sette era andato a lavorare al centro sanitario, che aveva identificato come una delle sue “case” di lavoro da più di 30 anni. Ha avuto mal di testa e ha fatto un tampone. “Ero sicuro che ci fosse un’infezione di cui non ero affatto a conoscenza; anche se ti prendi cura di te, un operatore sanitario è sempre più a rischio”, dice.

Il medico 58enne è tornato a casa e si è isolato dalla moglie e dalle due figlie. Dispiaciuti, i suoi colleghi, che hanno seguito il suo sviluppo al cellulare, gli hanno consigliato di andare in casa. “Mi hanno trattato con siero di cavallo, ma le mie condizioni sono peggiorate: ho continuato con sintomi sempre peggiori e stavo pensando a molte cose non così positive”, ricorda.

Il medico aveva ricevuto la seconda dose del vaccino Covid cinque mesi fa e, pur non avendo comorbilità, le sue condizioni non erano migliorate.

Professione. Lavorare di nuovo era la chiave per migliorare l’umore.

READ  Dribbling e rilancio dopo le elezioni amministrative con poca partecipazione

al sistema respiratorio

Due giorni dopo essere entrati nel centro sanitario, l’orribile ventilazione meccanica è stata presentata come l’unica opzione per la sopravvivenza. Lì ha pensato che “la probabilità di morte è alta” e ha chiesto di intervistare i pazienti.

Pandemia, il lavoro liturgico è stato svolto attraverso una videochiamata del Padre serie CharbelCon l’aiuto del direttore dell’ospedale Liliana Gordilloe il dottore Marcelo Lopez Avellaneda, che erano accanto al letto di Ferraro. “Come amici, lo amiamo così tanto, sapevamo che gli avrebbe giovato perché è così fedele. Si è molto mobilitata”, dice Gordillo.

Poi è andato in terapia intensiva. Le speranze dei colleghi, che quotidianamente lo visitavano, sono state deluse dai riscontri della TAC: polmonite bilaterale con compromissione di un’ampia area del polmone. Si aggrapparono alla fede e pubblicarono una catena di preghiere chiedendo la sua guarigione. Doppio messaggio di incoraggiamento sui social network.

momento peggiore

Il chirurgo ricorda diversi sogni in circa due settimane in cui dormiva su un ventilatore. Alcuni erano “strani”, “strani” e “brutti”, dice. L’ultimo che ha avuto è stato cruciale. “Da devota cattolica di Maria Ausiliatrice – sono salesiano – ho chiesto alla Madonna di aiutarmi, e le ho chiesto se potevo abbreviare la sofferenza, ma questa è la volontà di Dio e non la mia. Quando ho finito di dire questa preghiera nel mio dormire, mi sono svegliato subito.”

Ferraro non ha dubbi che sia stato un miracolo. “Se non ero sulla lista dei morti, è stato a causa di un miracolo che la Vergine e il Signore hanno fatto attraverso la scienza. Non è che hanno fatto qualcosa di magico da una fantasia, ma che hanno messo le mani e la conoscenza del mio simile e compagni di lavoro per salvarmi la vita”.

READ  L'Accademia Nazionale di Medicina ha chiesto che venga annunciato il numero di vaccini che raggiungeranno il Paese tramite Covax

formazione scolastica. Ferraro insegna alla Facoltà di Medicina dell’Università delle Nazioni Unite.

recupero

Da lì, il suo sviluppo è stato progressivo. Ancora in ospedale, ha dovuto affrontare le conseguenze dirette del tempo dedicato alle cure: il suo corpo era debole, ha perso 20 chilogrammi e ha perso il 70% della sua massa muscolare. Non poteva nemmeno andare in bagno da solo.

Nel raccontare ciò che ha vissuto, il chirurgo ringrazia ripetutamente sia i suoi colleghi della Mayo Clinic che il centro sanitario, che descrive come la sua “seconda casa sul lavoro”. Lì ha continuato il suo processo di recupero dopo l’ospedale.

Poi ha dovuto passare settimane a casa. Poteva muoversi solo sul tapis roulant. Dopo diverse sedute di riabilitazione, ad agosto ha deciso di tornare al lavoro nonostante le fosse stato consigliato di aspettare ancora un po’. “Sono stato invitato a tornare per la mia domanda sul trattamento e non mi sbagliavo: quando ho ricominciato ad allenarmi, ho sperimentato un recupero finale, maratona”, dice.

Oggi Ferraro lavora nella sua tradizionale posizione di Responsabile dell’Unità Chirurgica del Centro Sanitario. Nel pomeriggio, lavora alla Mayo Clinic e ha insegnato anche alla UNT School of Medicine, negli ultimi 20 anni. è tornato.

La direttrice. Ferraro si è dimesso dal comando del centro sanitario per motivi personali.

riflessione

“Ho messo da parte le cose ordinarie a cui avrei potuto dare importanza in altri momenti della mia vita. Ad esempio, si pensa di avanzare, eccellere, ottenere incarichi e titoli… La verità è che la vita può finire domani e quello che dobbiamo portare con noi è quello che abbiamo fatto per gli altri Ho un’amicizia molto importante con gli amministratori ospedalieri, lo stesso rapporto che ho con gli agenti di riferimento, la sicurezza, i colleghi, i parenti, il personale amministrativo, i professionisti di altre regioni.Se tutti ci uniamo e proviamo per rendere migliore il mondo, sconfiggeremo questa epidemia e tante altre, come la crisi di valori che ne soffriamo anche noi nel mondo”, conferma il medico.

READ  La dittatura cubana ha ampliato l'invio di medici all'estero nonostante il crollo del sistema sanitario dell'isola a causa del COVID-19

Secondo i dati del ministero della salute regionale, più di 7.200 operatori sanitari sono stati infettati a Tucumán da SARS-Cove-2 e le sue forme hanno cambiato per sempre la vita umana. Di quel totale, 43 professionisti hanno perso la vita mentre erano attivi, 24 sono morti durante il loro pensionamento e il resto è stato curato, come Ferraro.