Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Teflon e le “sostanze chimiche eterne”: tossine nascoste nel tuo corpo | Scienza ed ecologia | DW

Cosa hanno in comune impermeabili, scatole per pizza, contenitori per verdure surgelate e padelle antiaderenti? Contengono tutti perfluoroalchilanti (PFAS). Gli esperti li definiscono “prodotti chimici eterni” e possono essere dannosi per la salute umana.

Roland Webber, il consulente ambientale delle Nazioni Unite, lo descrive come “una delle sostanze chimiche più pericolose mai inventate”.

Circa 4.500 sostanze artificiali rientrano nella classificazione di PFAS e residui di questo gruppo di sostanze chimiche si trovano ora in tutto il mondo: nel suolo, nell’acqua potabile, nel cibo, negli animali e persino all’interno del corpo umano.

PFAS si trova anche negli orsi polari

Ho PFAS nel mio corpo?

Circa il 98% degli americani ha PFAS nel sangue. Studi in India, Indonesia e Filippine hanno trovato queste sostanze tossiche in quasi tutti i campioni di latte materno analizzati. Tutti i bambini in Germania hanno PFAS al loro interno e in un quinto di questi casi le concentrazioni superano i livelli critici.

Rilevare i livelli di tossine nel mio corpo non è stato facile, in quanto sono pochissimi i laboratori specializzati in Germania in grado di eseguire i test necessari. Ma sono riuscito a individuarne uno, IPASUM, nella città di Erlangen.

Ho inviato loro un campione di sangue. Lo hanno testato per PFOA e PFOS (la più famosa delle “sostanze chimiche eterne”), che possono causare danni al fegato e ai reni, ridurre la fertilità maschile, influenzare il peso del neonato e l’efficacia del neonato. E a concentrazioni più elevate, possono causare il cancro e nuovi studi hanno suggerito un legame tra le sostanze chimiche e i casi gravi di COVID-19.

Il laboratorio ha trovato 4 nanogrammi di PFOA e PFOS per litro del mio sangue. È un millesimo del peso di un granello di sabbia e questo significa che sono ben al di sotto dei livelli critici e in linea con la media tedesca.

Thomas Guen, professore all’IPASUM, che ha eseguito l’analisi, mi ha detto che queste concentrazioni non rappresentano un rischio secondo le attuali conoscenze scientifiche. Ma i risultati non mi hanno rassicurato perché le sostanze sono persistenti e possono accumularsi nell’organismo.

“E questo è il problema principale, poiché alla fine può accumularsi a una certa dose, il che può essere un problema con la messa a fuoco”, ha detto Gwen.

Le sostanze chimiche eterne non si decompongono in natura e il corpo umano le espelle molto lentamente. Gli scienziati stanno cercando modi per scomporlo, ma i metodi sono ancora agli inizi.

Come finiscono le sostanze chimiche eterne in natura e in noi?

Il PFAS è resistente all’acqua, al grasso e allo sporco, è utilizzato in quasi tutti i settori e si trova in un’ampia gamma di prodotti, come pelle sintetica, carta fotografica, pesticidi, schiuma di estintori, coloranti e aerei.

Gli esseri umani ingeriscono la maggior parte dei PFAS negli alimenti. Pesce, carne, latte, uova e verdure provenienti da aree contaminate possono contenere livelli particolarmente elevati di queste sostanze chimiche.

La maggior parte degli impianti di trattamento delle acque reflue non è in grado di filtrare i rifiuti chimici, che entrano nell’ambiente attraverso discariche, rifiuti industriali e lavanderie tessili. Il PFAS si trova nelle montagne della Patagonia, nelle nevi dell’Antartide, nei monti Altai, nell’Asia centrale e orientale, così come negli orsi polari, negli uccelli e nei delfini.

Alcuni animali con alte concentrazioni di PFAS sperimentano cambiamenti nei livelli ormonali, nonché nella funzione epatica e tiroidea. Tuttavia, sono state fatte poche ricerche sul loro impatto sugli ecosistemi.

Dalla bomba atomica alla credenza della cucina

Nel 1938, il gruppo americano DuPont ha inventato il PTFE, uno dei primi prodotti chimici per PFAS. Poiché era in grado di proteggere il metallo dalla corrosione a temperature incredibilmente elevate, è stato utilizzato nella prima bomba atomica.

Il PTFE è apparso presto nelle case di tutto il mondo come rivestimento durevole per pentole con il marchio “Teflon”. Fu un enorme successo commerciale. Ma nel 1998 il marchio antiaderente si trovò in difficoltà quando gli allevatori dissero che le loro mucche che avevano pascolato vicino a un impianto di produzione di teflon a Parkersburg, in Virginia, erano morte.

USA Project Atombombenprogramm Manhattan |  Bombay uomo grasso

Robert Bilott, un avvocato ambientalista e avvocato agricolo nella sua battaglia legale contro DuPont, ha detto che il suo cliente “poteva vedere acqua bianca schiumosa uscire da una discarica vicino alla sua proprietà”. È presto emerso che migliaia di persone nell’area erano state contaminate da PFAS attraverso le acque reflue dell’impianto DuPont e la fuoriuscita di rifiuti dalla discarica.

Contrariamente alle autorità statali, DuPont sapeva del pericolo da decenni, ma ha continuato a scaricare la sostanza tossica nell’ambiente. Gli studi dimostrano che livelli più elevati di PFAS nella regione sono associati a una maggiore incidenza di tumori ai reni e ai testicoli. Nel 2017, DuPont ha accettato di pagare $ 671 milioni di risarcimento per lesioni personali alle vittime.

READ  La situazione "pericolosa" che sta attraversando l'Ospedale di Noti per mancanza di specialità

L’industria è creativa con scappatoie

Altri paesi, come Paesi Bassi, Belgio e Italia, hanno registrato casi di PFAS che inquinano l’acqua potabile e l’ambiente.

Alcune di queste sostanze chimiche a lunga durata d’azione sono state eliminate gradualmente nell’Unione europea, negli Stati Uniti e in Giappone e la quantità rilevata nella popolazione è in costante calo. In Germania, la media è diminuita di oltre la metà dal 1990.

In risposta a questo passo, l’industria chimica sta producendo una nuova generazione di PFAS che non è molto diversa dai suoi predecessori, ma non è attualmente vietata.

Come posso proteggermi?

Trovo impossibile evitare qualcosa che è in molte cose ma non è segnato sulle etichette o sulla confezione. Per ora, ho detto addio alle mie padelle antiaderenti e sto valutando l’acquisto di un filtro per l’acqua per rimuovere i PFAS dall’acqua che bevo.

Vassoio per rifiuti e rifiuti di imballaggio nel ristorante Mc Donalds a Hofheim Wallau

I contenitori per fast food hanno spesso un rivestimento PFAS. McDonald’s vuole eliminare gradualmente queste sostanze entro il 2022

A livello globale, sta crescendo la pressione per l’eliminazione dei PFAS. Dopo la campagna di Greenpeace, marchi come Vaude, Paramo e Rotauf si sono impegnati a disintossicare i loro vestiti. Ikea afferma di aver vietato anche questi articoli, mentre paesi come Germania, Danimarca, Norvegia e Svezia stanno spingendo per vietare tutti i PFAS in tutta l’Unione europea entro il 2030.