Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sul filo del rasoio, Boris Johnson insiste sul fatto che non si arrende | Il professor Edmund Valbe Fitzgerald afferma che il primo ministro britannico è un “politico morto”

da Londra

Nel dibattito parlamentare settimanale tra primo ministro il capo dell’opposizione, Boris Johnson Non poteva nascondere la sua faccia in preda al panico mentre Starmer di cura del lavoro Lo ha attaccato con un gesto vincente.

“Ogni settimana il Primo Ministro fornisce una nuova incredibile spiegazione sui partiti a Downing Street durante la pandemia e ogni settimana la spiegazione lo rimuove. All’inizio ha detto che non c’erano feste, poi era arrabbiato per queste feste e ora si scopre era con uno di loro.Questo è quello che ha detto al Parlamento la scorsa settimana Con un avvertimento, ha detto che non si rendeva conto che era una festa.Sorpresa, sorpresa: nessuno gli ha creduto, ha detto Starmer prima di chiedere di nuovo le sue dimissioni.

Boris Johnson ha risposto che nulla aveva presentato le sue dimissioni. “Continuerò a lavorare con gli inglesi come ho fatto finora. Sono molto orgoglioso di ciò che il nostro governo ha fatto durante la pandemia e le vaccinazioni. Grazie al lavoro del governo e dell’apparato statale a Whitehall e al Servizio sanitario nazionale , ne abbiamo fatta di strada. Vediamo cosa dice l’inchiesta in corso sui partiti prima di dare un parere”, ha detto il presidente del Consiglio. “.

Ma la manodopera Starmer aveva l’asso nella manica. Poco prima della discussione, Il deputato conservatore Christian Wakeford, che rappresenta Bury South nel nord dell’Inghilterra, si è schierato dalla parte del partito laburista.

La geografia del Parlamento

La Camera dei Comuni ha due sedi opposte, architettonicamente e politicamente. Da un lato, i deputati del partito al governo siedono dietro al primo ministro. D’altra parte, dietro il leader del principale partito di opposizione, i suoi deputati, e oltre a loro, il resto dei deputati dell’opposizione.

I riflettori si sono puntati su Wakeford, ora lato laburista. La nuova acquisizione di Starmer fu coperta dalla maschera della bandiera britannica, nel tentativo di dimostrare il suo patriottismo: lealtà al regno, non al partito. Nella sua lettera in cui spiegava la sua decisione di andare al partito laburista, Wakeford ci ha messo il dito sopra. “Il comportamento del Primo Ministro durante il ‘Partygate’ è imperdonabile”, ha scritto.

READ  Cambiamenti dopo le proteste a Cuba: il regime ha permesso alle piccole e medie imprese di operare

Ma ci sono altre ragioni, non meno urgenti, che spiegare il cambiamento di schieramento. Nel Regno Unito, il rappresentante di ogni distretto o distretto elettorale è eletto direttamente in Parlamento. Wakeford ha vinto il suo seggio nel 2019 con 402 voti a Bury South. Questa è una delle parti tradizionali del partito laburista dell’Inghilterra settentrionale che si è orientato verso i conservatori alle ultime elezioni, in parte a causa della Brexit e in parte a causa della disillusione nei confronti dei laburisti più di sinistra di Jeremy Corbyn.

Wakeford ha aggiunto nella sua lettera che il partito di Starmer “rappresenta un’opzione più centrista” rispetto all’attuale governo di destra di Johnson. La verità è che con una maggioranza così esigua per un collegio elettorale di oltre 90.000 persone, l’unica possibilità che aveva di continuare a mantenere il suo posto era passare ai laburisti.

per attraversare la terra

Nel gergo parlamentare e dei media di Wakeford, “rompe la parola”. Il parlamentare ha attraversato la sala separando il seggio – il governo – da quello che doveva affrontare – l’opposizione – per entrare nelle loro file. Diversi membri del blocco del Partito conservatore si guardavano o abbassavano la testa mentre i loro volti erano confusi, silenziosi tentativi di sostegno: contavano quanti Wakeford ci sarebbero stati nel partito.

Nel 2019, il governo ha ottenuto una maggioranza assoluta di 80 parlamentari sull’intera opposizione perché molti collegi elettorali tradizionali laburisti del nord hanno fatto quello che ha fatto Bury South: ascoltare le promesse di Boris.

La promessa principale era che, attraverso una strategia conservatrice (Brexit più investimenti pubblici), avrebbe innalzato il livello di crescente disparità tra il ricco sud e il nord povero rimasto dalla “rivoluzione thatcheriana conservatrice” degli anni ’80. I parlamentari che vogliono mantenere i loro seggi, so che hanno vinto con piccoli margini e sono molto preoccupati per lo scandalo, il costo della vita, la disoccupazione e tutti i problemi che Johnson ha risolto.

READ  L'Ucraina avanza sulla controffensiva: le forze russe iniziano a ritirarsi da Luhansk, l'area occupata dal 2014

Molto dipenderà dal rapporto di Sue Gray, l’ufficiale professionista che indaga su “Partygate”. e che deve emettere il suo giudizio entro i successivi quindici giorni a meno che non appaia ulteriore rivelazione. Finora ci sono 14 parti confermate E informazioni su una “festa informale ogni venerdì sera” durante i diversi periodi di reclusione a causa della pandemia. Ma Starmer non stava esagerando. Da quando è scoppiato lo scandalo alla fine di novembre, ogni settimana emergono nuovi partiti, “incontri di lavoro” e smentite che minano il sostegno al governo.

Johnson oggi è una fonte di forza per l’azione. L’ultimo sondaggio mostra che Keir Starmer, che era dietro il Partito conservatore prima dello scandalo, è ora in vantaggio di oltre 10 punti. Nella cellula parlamentare circolano voci secondo cui più di 30 parlamentari hanno già inviato una lettera al presidente del Blocco 1922 (parlamentari conservatori senza responsabilità di governo), Graham Brady, ritirando la fiducia dal Primo Ministro e chiedendo la sua sostituzione come partito. Capo

Sono necessarie 54 carte e apparentemente ce ne sono molte disposte a prendere il comando. Nel dibattito parlamentare, David Davis, ex ministro conservatore e leader del semipartito, lo ha chiarito concludendo la sua domanda a Johnson. “In nome di Dio, vai e basta”, ha detto, raccogliendo gli applausi degli avversari. Allo stesso tempo La cellula dei social network pubblica tutti i tipi di meme e video che prendono in giro il PM.

Il principe ereditario, eredi e decisioni

54 carte è il primo passo: non basta lasciare Johnson. Nel voto interno dei Rappresentanti, più della metà deve essere più uno a favore del suo sostituto. In totale i parlamentari conservatori sono 359: serviranno 180 per un’elezione interna per sostituirlo alla guida del partito e 10 a Downing Street.

READ  Il governo prepara il decreto per consentire l'accesso ai vaccini Pfizer, Moderna e Janssen

Uno dei problemi al momento è la mancanza di volontari per questa posizione. L’aumento del costo della vita, l’inflazione che è passata dal nulla al 5,1% annuo, il ritiro del sostegno alle imprese e ai privati ​​a causa della pandemia che sarà annunciata ad aprile per pareggiare il bilancio e le elezioni amministrative di maggio, se continuano così questo, finirà per battere i conservatori, molti contando. Meglio aspettare che Johnson ne paghi il prezzo politico.

I due grandi candidati a sostituirlo mantennero l’appoggio tattico del presidente del ConsiglioOppure, più silenzioso di un vero e proprio supporto. La cancelliera Liz Truss è l’ala più forte nell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea all’interno del governo di Johnson ed è molto popolare tra i combattenti Tory. Il ministro delle finanze Rishi Sunak è un miliardario di una minoranza etnica con un’immagine molto neoliberista Nella sfera economica, ma più realistica nella diplomazia politica.

Il professore di finanza per lo sviluppo internazionale all’Università di Cambridge, ha spiegato Edmund Valbe Fitzgerald la pagina L’ironia dietro questi due candidati a sostituire la frangia bionda. Johnson è un uomo politicamente morto. Ma i sostituti non vogliono fare il passo di eliminarlo perché al momento non gli si addice. Sunak è più un centrista, cancelliere, e invece morto per Brexit, ma la grande ironia è che in un partito di destra fortemente nazionalista, come gli attuali conservatori, i due principali candidati a succedere a Johnson sono figli di immigrati. Indiani e una donna”, ha detto Fitzgerald.