Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Studio preliminare: i “giocatori” hanno prestazioni cognitive migliori

Washington (AFP). I genitori sono spesso preoccupati per gli effetti dannosi dei videogiochi sui propri figli, dalla loro salute mentale ai problemi sociali e alla mancanza di esercizio, ma un nuovo ampio studio pubblicato oggi su La rete JAMA è aperta indica che Ci sono benefici cognitivi associati a questo passatempo popolare.

L’autore principale dello studio, Bader Al-Shaarani, assistente professore di psichiatria all’Università del Vermont, e colleghi hanno analizzato i dati dell’ampio e in corso Adolescent Brain Cognitive Development (ABCD), finanziato dal National Institutes of Health. I ricercatori si sono concentrati sulle risposte allo studio e sui risultati dei test cognitivi e dell’imaging cerebrale di quasi 2.000 bambini dagli 8 ai 9 anni divisi in due gruppi: quelli che non avevano mai giocato ai videogiochi e quelli che giocavano tre o più ore al giorno.

Ogni gruppo è stato valutato su due compiti. Il primo è vedere le frecce puntare a destra oa sinistra e chiedere ai bambini di premere la direzione di ciascuna freccia il più rapidamente possibile. È stato anche chiesto loro di non premere nulla se vedevano un segnale di “stop”, per misurare quanto bene potevano controllare i loro impulsi. Nella seconda attività, sono stati mostrati i volti delle persone e poi è stato chiesto se l’immagine mostrata in seguito corrispondeva, per testare la loro memoria di lavoro.

Dopo aver utilizzato metodi statistici per controllare le variabili che potrebbero distorcere i risultati, come il reddito dei genitori, il QI e i sintomi della salute mentale, il team ha scoperto che I giocatori si sono comportati meglio in entrambi i compiti. Durante l’esecuzione dei test, il cervello dei bambini è stato scansionato utilizzando la risonanza magnetica funzionale. Il cervello di coloro che giocavano ai videogiochi mostrava più attività nelle aree associate all’attenzione e alla memoria.

READ  Instagram | Il trucco per eliminare una singola immagine da un'immagine circolare | Applicazioni | Smartphone | tecnologia | Tutorial | Applicazioni | nda | nnni | dati

“I risultati sono coerenti I videogiochi migliorano le capacità cognitive che coinvolgono l’inibizione della risposta e la memoria di lavoroTra i punti chiave di questo lavoro, i ricercatori hanno evidenziato che “questi risultati suggeriscono che i videogiochi possono essere associati a capacità cognitive migliorate”.

Al momento, non è possibile sapere se una migliore prestazione cognitiva porti a più giochi, o se il risultato sia, Sharany, che ha detto all’AFP, che al soggetto piaceva naturalmente come giocatore regolare ed esperto di neuroimaging. Ricerche precedenti si sono concentrate sugli effetti negativi e il gioco dei videogiochi è stato collegato alla depressione e all’aumento dell’aggressività. Tuttavia, questi studi sono stati limitati dal numero relativamente piccolo di partecipanti, in particolare quelli che coinvolgono l’imaging cerebrale, ha detto Charani.

I ricercatori sperano di avere una risposta più chiara mentre lo studio continua ed esamina di nuovo gli stessi bambini in età avanzata. Questo aiuta anche a escludere altri potenziali fattori di gioco come l’ambiente domestico, l’esercizio fisico e la qualità del sonno.

Studi futuri potrebbero anche trarre vantaggio dal sapere a quali tipi di videogiochi stavano giocando i bambini, anche se all’età di 10 anni tendono ad apprezzare i giochi d’azione come fortnite anche Assassino della dottrina. “Naturalmente, il tempo passato davanti allo schermo è dannoso per la salute mentale e l’attività fisica in generale”, afferma Sharany. Ma i risultati dello studio hanno mostrato che i videogiochi possono essere un uso migliore degli schermi rispetto alla semplice visione di video di YouTube, che non hanno effetti cognitivi identificabili.

Nazione

Vieni a conoscere The Trust Project