Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Studia medicina e si laurea a 64 anni: “L’età non è limitata”

Con l’idea di cercare motivazione nei momenti difficili, Emilio Desimon Registrato presso l’Università di Buenos Aires (UBA) per studiare medicina. In quel momento, quasi senza rendersene conto, realizzò uno dei suoi sogni più desiderati: diventare medico.

“Quello iniziato nel 2016, come un modo per superare la recessione, è finito per essere un bellissimo viaggio di 6 anni, e ieri ho preso la laurea in medicina, a 64 anni. Il sistema sanitario trema”Emilio ha scritto il 18 dicembre dell’anno scorso, quando ha abbandonato il suo ultimo argomento. Dedicò il traguardo al padre: “Il mio vecchio ha cercato di studiare medicinale Ma non ha funzionato per motivi economici”.

Emilio era seduto alla sua scrivania. Dietro di lui, una libreria imponente e una chitarra sempre a portata di mano: “Mi sono piaciute molto le scienze esatte ma ho sempre avuto il dubbio che sarebbe successo se avessi studiato medicina. Quindi a 58 anni ho fatto il test ed eccoci qui”.

Il tweet di Emilio Dessimone diventato virale.

A meno di un anno dalla laurea, Desimoni ha superato l’esame di specializzazione e si sta già preparando per iniziare la sua specializzazione in medicina di famiglia presso il Centro di Educazione Clinica e Ricerca (CEMIC). Tuttavia, la sua professione è sempre stata latente.

Perché medicina?

“Mi piace studiare ed è così semplice, Ma in alcuni momenti si avvicinano questi cicli. I miei figli sono cresciuti e sono andati a vivere all’estero. Possedevo un’azienda da più di 40 anni e le cose non andavano bene, l’intero Paese era in una situazione di stallo”, ha commentato. L’idea di rimanere in ufficio non gli piaceva per niente: “Io dovevo fare qualcosa per tenermi occupato, perché me lo aveva comandato. Era una causa, una sfida. Ho deciso di provare”.

READ  La Spagna non sta esaurendo i fondi europei abbastanza rapidamente per garantire il suo impatto sull'economia reale

A fine 2015 si iscrive al Corso Base Comune. “A causa di quelle cose inconsce, mi mancava sempre l’appuntamento, ma questa volta sembrava più difficile e mi sono iscritto. Ho fatto CBC gratis e a marzo 2016 stavo già studiando”.

Nel 2021 Dessimone si è laureato con lode con un GPA di 8,56. “Ho ottimi amici e amici degli ultimi sei anni. Anche se ho fatto un grande sforzo per integrarmi, il rapporto è sempre stato fantastico”, ha affermato.

Le materie per lui più difficili erano la tossicologia e la farmacologia: “Non sono bravo a memorizzare”. Durante la gara si offrì volontario e prestò servizio come assistente onorario.

“Non è la mia prima gara perché sono il mio corpo. Non è nemmeno la seconda perché ho una specializzazione in qualità. Ma sono il primo studente universitario della famiglia. Ero molto umile e ho iniziato a lavorare quando avevo 15 anni. Ecco perché Andavo al liceo di notte”.

“Quando sono entrato per la prima volta all’università, all’età di 18 anni, ero sul punto di scegliere una scienza esatta. Mio padre voleva che studiassi medicina, e anche se l’ho sempre amata, ed era una cosa che mi interessava, ho deciso per ignorarlo e sono andato a fisica”, ricorda.

Cosa diresti a qualcuno che è timido nell’iniziare una grande carriera?

“Gli direi che l’età non è un limite. Sebbene la vergogna per l’età sia la più comune, è un meccanismo raro e in definitiva privo di significato perché tutti a un certo punto vogliamo fare qualcosa che amiamo”, riflette il fisico e il medico.

Emilio ammette che da quando il suo tweet è diventato virale, ha ricevuto messaggi da trentenni che gli dicevano che si sentivano “grandi” per iniziare l’università. La vergogna è un sentimento dentro di te, Le persone intorno a te non hanno un ruolo molto importante, ma sono tue. Ti vergogni”.

“Vorrei dire a queste persone di pensarci, perché potrebbero vergognarsi di altre situazioni della vita. Affidati alle cose che conosci, perché nessuno vive la vita nudo. Devi guardare al passato, alle cose che abbiamo fatto per scopri le cose di cui uno si sente orgoglioso di lei”, ha detto.

Come ti vedi in futuro?

Ad agosto Emilio ha sostenuto l’esame di residenza e ha già un posto nel circondario Medicina di famiglia Al CEMIC: “Sono così felice, inizierò ad ottobre!” “In medicina, il mondo di ciò che stai ignorando sta diventando sempre più grande e ciò che dovevi sapere è sempre meno, e mi fa prendere dal panico! Ma ha sottolineato che si tratta di un apprendimento continuo”.

Ha anche commentato che all’ospedale CABA gli erano “scappati” a causa della sua età, ma lo hanno ricevuto “a braccia aperte” al CEMIC: “È così bello stare con i pazienti, è una nuova esperienza, sta imparando”.

“Mi vedo residente per i prossimi tre anni e dopo pratico il coaching”, ha detto convinto. “Sono in ottima salute e spero che la mia vita utile sia almeno altri dieci anni. È tempo di pensare a un piano a medio termine e poi vedremo… Non so ancora cosa farò da grande su!”