Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stimano che l’inflazione su base annua continuerà a essere a due cifre

Secondo un sondaggio condotto dall’agenzia Bloomberg, la previsione pone l’inflazione per questo mese, che sarà annunciata mercoledì prossimo, al 10,4%, ovvero due punti in meno rispetto a ottobre. Tuttavia, c’è ottimismo sul fatto che l’inflazione, alla fine, avrà raggiunto il picco.

Sia l’inflazione primaria che quella core dovrebbero essere al massimo o in prossimità dei loro picchi.hanno affermato gli economisti Marco Valli, Loredana Maria Federico e Tullia Bucco, di UniCredit Bank Italia a Milano, che prevedono anche che “la riduzione dell’inflazione inizierà all’inizio del prossimo anno”:

L’indicatore della prossima settimana sarà fondamentale quanto lo sarà Gli ultimi dati sull’inflazione che la Banca centrale europea conoscerà prima della riunione monetaria del 15 dicembre.

All’incontro, I governatori decideranno tra continuare ad alzare i tassi di 75 punti – sarebbe il terzo consecutivo in questa fascia – o scegliere un percorso più moderato con un rialzo di 50 punti, È una posizione che trova unanimità di fronte ai timori che un aumento del tasso di interesse possa spingere il blocco in recessione.

Il tasso è attualmente all’1,5%, un livello che non si vedeva dal 2009, prima della crisi dei titoli sovrani del blocco. L’inflazione moderata potrebbe essere una spinta per la Banca centrale europea per ordinare un aumento minore dei tassi di interesse. Tuttavia, stimano dall’entità monetaria che l’inflazione rimarrà ai livelli attuali.

Nei prossimi mesi l’inflazione si aggirerà sui livelli attuali, poco sopra il 10%.Il vicepresidente dell’Ente monetario Luis de Guindos ha confermato in un’intervista televisiva. L’attuale inflazione è più di cinque volte l’obiettivo tradizionale della BCE del 2% annuo.

READ  L'Ecuador ha esportato più di 600 tonnellate di avocado nel 2021 | Economia | Notizia

Da parte loro, gli economisti prevedono che l’inflazione di fondo – un tasso che esclude i prezzi volatili di energia e cibo – senza grandi cambiamenti questo mese, che si aggira intorno al 5% annuo. Il tasso di inflazione nell’eurozona rivela atteggiamenti divergenti tra i diversi paesi che la compongono.

Mentre Estonia e Lituania hanno registrato tassi rispettivamente del 22,5% e del 22,1% in ottobre. Francia (7,1%), Spagna (7,3%) e Malta (7,4%) erano al di sotto della media. Nel frattempo, A.J.Forti incrementi hanno interessato Germania e Italia: nel caso della Germania l’inflazione è stata dell’11,6% (0,7 punti in più rispetto a settembre) e in Italia del 12,6% (3,2 punti in più, record dal marzo 1984).

In tutti i casi, il denominatore comune è l’altezza in Costo energetico a seguito della guerra tra Russia e Ucrainacon un aumento medio del 41,5% in tutto il blocco. Seguono i generi alimentari, con un incremento del 13,1%, soprattutto quelli non lavorati, che registrano un incremento del 15,5%.