Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stiglitz e Monty hanno chiesto più peso del governo e la riattivazione delle misure per superare la crisi

La crisi causata dal coronavirus ha creato una recessione senza precedenti e ha provocato una risposta politica senza precedenti, ma l’attenzione è ora sugli anni successivi alla pandemia. La ripresa sarà sostenibile? O questa crisi si trasformerà in un evento trasformativo per le persone e per il mondo? Per discuterne, nell’ambito del programma Global Conversation, la giornalista di Euronews Effie Cotsukosta ha incontrato al Forum Ambrositi sul Lago di Como l’economista premio Nobel Joseph Stiglitz e l’ex primo ministro italiano Mario Monti.

Abbiamo visto che la ripresa economica negli Stati Uniti ha battuto il ritmo record. ma, I politici statunitensi ed europei sono stati abbastanza coraggiosi da evitare una nuova Grande Depressione, o il pericolo è ancora lì?chiede il giornalista.

“Non sono preoccupato per una grave recessione in questo momento. L’Europa è più timida degli Stati Uniti, in questo senso. All’inizio, l’Europa aveva programmi di progettazione molto migliori, ma gli Stati Uniti erano meno timidi. E abbiamo approvato una legge. un sussidio del 25% del nostro PIL. L’Europa è stata più lenta e anche i pacchetti di aiuti impiegheranno uno o due anni prima che il denaro fluisca “, risponde Joseph Stiglitz.

Stai dicendo che l’Europa dovrebbe fare di più, ancora?, interroga Efi Koutsokosta.

“Penso che devi fare le cose più velocemente e forse agire di più”, spiega Stiglitz.

guardando al futuro, Che tipo di politiche economiche dovrebbero attuare i governi in un mondo post-pandemia per far funzionare le economie, per le persone, per i cittadini, per le economie reali? Perché non abbiamo visto alcuna differenza significativa o cambiamento nel modello economico o negli strumenti utilizzati in questa crisi, vuole sapere il giornalista.

READ  Economia. - Il Monte dei Paschi difende il suo futuro dopo l'esame EBA e davanti all'interesse di Unicredit

“Beh, penso che ci sia un ripensamento della situazione negli Stati Uniti. Ad esempio, la politica industriale è stata vista come qualcosa in cui i governi non dovrebbero essere coinvolti, sia negli Stati Uniti che in Europa. In modo bipartisan, abbiamo approvato un enorme disegno di legge sulla politica industriale per incoraggiare la ricerca e cercare di essere più competitivi. È stato un enorme cambiamento da un giorno all’altro. La gente non ne ha parlato molto, ma è un cambiamento fondamentale nella politica. È un enorme risultato nella riduzione della povertà infantile. Con Trump , abbiamo concesso a miliardari e aziende un taglio delle tasse. In effetti, ora è una svolta di 180 gradi e dovremmo concentrarci sulla maggior parte degli americani, non sui nostri miliardari”, afferma l’analista americano che ha vinto il premio Nobel per l’economia nel 2001 .

ioGuarda queste nuove priorità in arrivo in Europa?, pregunta Koutsokosta

“Penso di sì. Sai, la pandemia ha esposto e esacerbato la disuguaglianza nella nostra società e ha dimostrato che le catene di approvvigionamento non sono state resilienti. Ancora una volta, il mercato non ha fatto ciò che dovrebbe fare. Quindi, penso che le persone si stiano rendendo conto che abbiamo bisogno di un nuovo equilibrio nella nostra economia.Il tipo di ideologia a volte definita neoliberista, che ha prevalso negli ultimi quarant’anni, non ha servito bene la nostra società, e quindi dobbiamo ripensare alla situazione”, osserva Joseph Stiglitz.

Vede un ruolo più importante per lo Stato nel prossimo futuro?Il giornalista vuole sapere.

“Sì, lo vedo. È un ruolo di primo piano in molti modi. Ci sarà una regolamentazione del governo. Se non moriamo a causa del cambiamento climatico, avremo bisogno di migliori protezioni per i lavoratori, leggi sul lavoro e leggi sui monopoli. Ma anche avremo bisogno di investimenti pubblici. Non ci sono molti investimenti ora, soprattutto negli Stati Uniti, ma nemmeno in Europa. Speriamo di correggere la situazione in futuro”, conclude Stiglitz.

READ  I debiti del fondo di rimborso possono ora essere emessi

Parlando con Mario Monti, il giornalista di euronews inizia a riprendersi dopo la pandemia e la crisi causata dal Corona virus. Si difende l’idea che si torni a crescere in Europa. Fino a che punto pensi che questa crescita sia sostenibile per tutti?, interroga Efi Koutsokosta.

“Questa crescita è in parte il risultato del massiccio sostegno monetario, finanziario e finanziario che viene fornito in Europa a livello dell’Unione europea e di diversi paesi. Questo percorso sarà sostenibile? Non tanto. Cosa sarà critico? L’Europa Unione per accompagnare queste ingenti somme di denaro.È una bella sfida perché, di solito, le riforme strutturali, che sono note anche alle autorità greche e italiane, vengono attuate quando un paese è sull’orlo del disastro, il che non è il caso al momento. I paesi ora hanno sussidi per le riforme. Nella misura in cui queste riforme saranno effettivamente attuate, questo darà sostenibilità alla crescita”, ha affermato Mario Monti.

Quindi guardando al futuro, in un mondo post-pandemia, Che tipo di politiche economiche dovrebbero perseguire i governi affinché i cittadini possano cambiare il panorama economico oggi?chiede il giornalista.

“Non credo che l’Europa dovrebbe cambiare completamente il suo modello economico. Ci sono dei principi in essa, chiamiamola economia sociale di mercato, che penso sia solida. E lo vediamo anche, rispetto agli Stati Uniti o alla Cina. Il problema è come esprimere le economie di mercato sociali in modo che ci sia, allo stesso tempo, più mercati sociali e lavorare meglio senza conflitti. Ma sicuramente ciò che l’Unione europea ha fatto quando è scoppiata l’epidemia è stato sospendere la sua principale attività comunitaria di strumenti politici, afferma le regole degli aiuti, le regole della concorrenza, le regole fiscali, il patto di stabilità, il modo in cui gestisce la politica monetaria della Banca centrale europea. Ora tutto questo deve essere riattivato tra più o meno un anno, perché l’Europa non può vivere senza regole di alcun tipo”, afferma Monti.

READ  Ubriachezza collettiva in Inghilterra dopo aver raggiunto la finale del Campionato Europeo

alla fine, Vede un ruolo più importante per lo Stato?, vuole sapere Koutsokosta.

“Beh, d’altra parte, la tendenza che risale ai tempi di Reagan e Thatcher di un paese con meno intervento del governo è probabilmente finita. D’altra parte, i nostri Stati membri non potranno mai più permettersi ingenti somme di denaro. Il il deficit è per sempre. Quindi, da ciò che importa è che le politiche pubbliche abbiano una funzione più importante, ma allo stesso tempo siano dirette attraverso modalità meno onerose dal punto di vista finanziario del governo e dello Stato”, conclude l’ex presidente del Consiglio italiano.