Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Steve Carell compie 60 anni: lo storico che nella commedia è diventato milionario e ha fatto dei suoi figli i suoi più grandi fan

Steve Carell sul red carpet di Minions: Puppy Origins (Reuters/David Swanson

Steve Carell Famosa in tutto il mondo dopo aver interpretato il patetico boss della serie per sette anni Scrivania, che è erroneamente ritenuto divertente e centrato sul mondo, oltre ad essere un comico e un grande sostenitore del genere, è uno storico. L’argomento lo interessa fin da bambino, insieme allo sport e alla musica.

Il suo cognome non è Karel, ma Carusili. Molto italiano. Chiunque pensi di essere stato modificato dalla propria carriera. ma no. È interessante notare che suo padre ha cambiato il cognome di suo nonno negli anni ’50. L’attore credeva che avrebbe dovuto integrarsi nella società americana. “Penso che volessero fondersi, cosa molto comune. Anche se il cognome Caroselli mi piace”, ha confermato in un’intervista.

Steve è nato a Concord, Massachusetts, il 16 agosto 1962. È il quarto figlio di Edwin, un ingegnere, e Harriet Koch, un’infermiera. Durante il liceo si interessava allo sport, giocava a hockey su ghiaccio e alla musica e suonava il flauto con la sua famiglia. In quegli anni si unì anche a un gruppo di rievocazione storica che rappresentava il X reggimento di fanteria di North Lincoln.

Steve Carell in ufficio.  (foto: privato)
Steve Carell in ufficio. (foto: privato)

Durante i suoi anni di studio alla Denison University di Granville, Ohio, ha scoperto la sua carriera di attore. Lì faceva parte del gruppo di commedie di improvvisazione, The Seedy Theatrical Company of Burpee. Lasciare il testo è uno dei suoi punti di forza. almeno dentro Scrivania Era una pratica comune.

Il suo primo film è stato nel 1991 con piccolo furfanteDopo un breve periodo in teatro e piccoli ruoli. Certo, il grande anno per questo attore è stato il 2005, iniziato con un inciampo. La serie che stavo registrando mangia papàUn’altra sitcom della NBC è stata cancellata.

Steve Carell nella commedia The 40-Year-Old Virgin, che è stato un enorme successo al botteghino nel 2005 (Grosby's Collection)
Steve Carell nella commedia The 40-Year-Old Virgin, che è stato un enorme successo al botteghino nel 2005 (Grosby’s Collection)

È stato poi chiamato dalla stessa serie per adattare la serie britannica di successo Scrivaniache ha ricevuto due Golden Globe Awards, per aver interpretato il ruolo del presidente Michael Scott, il ruolo equivalente di Ricky Jervis, il creatore Scrivania, il cui nome nella versione originale era David Brent. Nello stesso anno, Karel è stato il grande protagonista della commedia di quell’anno, in Vergine a 40 anni. Il film prefigurava una carriera di successo in futuro, poiché l’attore è stato rilasciato anche come sceneggiatore, insieme all’originale Judd Apatow.

READ  Ottima selezione di ristoranti con offerte a Madrid

Con Carell al timone e Greg Daniels come menti creative, ha iniziato ad adattarsi per ritrarre l’assurda, disfunzionale e assurda vita quotidiana della Scranton Paper Company.

Per costruire il suo personaggio, l’attore americano ha rivelato di non voler vedere Gervais nella serie originale per paura di essere imitato.. Il comico ammira l’umorista inglese e lo considera brillante, motivo per cui si è sentito molto fortunato a condividere con lui una scena in un episodio, in cui Brent si presenta a Scott, dopo essersi schiantato contro l’uscita di un ascensore. Al termine di un breve dialogo, gli chiede se ha opportunità di lavoro a sua disposizione. L’americano conclude “The Good Guy” quando l’altro scompare.

Una scena della quinta stagione della serie nordamericana, con Steve Carell come presidente

La cosa davvero strana è che Carell non ha visto Gervais in questo ruolo per più di cinque minuti. Ma decise di non vedersi. Lo ha rivelato in un’intervista a The Late Show con Stephen Colbert. non vedo ScrivaniaNemmeno i suoi film. “Di solito non li guardo”, ha detto. È convinto che i fan della serie ne sappiano di più sulla serie di lui, perché c’erano episodi che non aveva mai visto.

Nel 2020, durante la pandemia, la serie prodotta dalla NBC è stata la più vista. Negli Stati Uniti è stato visto su Netflix e in America Latina su Amazon Prime. Secondo Nielsen, The Office è stato visto per 57 miliardi di minuti su Netflix.

Una situazione completamente diversa rispetto a quando uscì nel 2005, in cui nemmeno gli attori stessi credevano. Il fatto è che il successo al botteghino del comico Virgin a 40 anni ha dato alla serie una spinta enorme. Il formato comico, con gli attori che parlavano alla telecamera e improvvisavano sempre, ha cambiato il modo in cui la commedia veniva vista negli Stati Uniti. La seconda stagione ha funzionato ancora meglio, fino a diventare un classico. Attualmente la versione nordamericana Scrivania Amato da diverse generazioni.

Il vincitore del Golden Globe Award con sei nomination agli Emmy (la statuetta non è mai stata riconosciuta) ha affermato che il suo motivo non sono i premi, ma fare qualcosa che il pubblico ama. Inoltre, è orgoglioso di far parte della generazione di comici televisivi. In un’intervista con la ABC, ha difeso seriamente la commedia come genere: “Avrà sempre un posto nella nostra società, ma non voglio darle troppa importanza. La sua glorificazione può essere pretenziosa”. Per me la commedia è un sollievo, è una tregua temporanea in tempi molto complicati per le persone”.

Steve Carell rideva con il personale in ufficio nel 2007. REUTERS/Danny Molochuk // File Photo
Steve Carell rideva con il personale in ufficio nel 2007. REUTERS/Danny Molochuk // File Photo

Per tutta la serie, il suo personaggio diventa un disastroso riferimento al capo che molti dipendenti confrontano con quelli che hanno nella vita reale. In effetti, gli scrittori sono abituati a frequenti scrivanie per il materiale. Inoltre, Carell è diventato uno degli attori più descritti. Dalla terza stagione ha iniziato a essere pagato $ 175.000 per capitolo.

READ  "Hai intenzione di avere più figli? Smettila."

Molti si chiedevano perché Karel se ne fosse andato Scrivania Dopo la settima stagione. Nel 2010, durante un’intervista radiofonica, ha detto che probabilmente avrebbe lasciato la serie perché il suo contratto era in scadenza. Questa era una notizia e, poiché non aveva ricevuto risposta dalla società, con suo grande sgomento, decise di lasciarla. Aveva intenzione di firmare per altri due anni, ma nessuno lo ha contattato. L’attore non ha avuto altra scelta che lasciarsi alle spalle la serie, il cui ufficio aveva un nuovo capo: James Spader. Una spiegazione per questa partenza inaspettata è stata l’arrivo del nuovo presidente della NBC, Bob Greenblatt, che a quanto pare non era un grande fan della serie. Da parte sua, il direttore ha affermato che questa decisione è stata presa prima della sua amministrazione.

L'attore con la moglie Nancy e i figli Ann e John, nel 2018 (JB Lacroix/WireImage)
L’attore con la moglie Nancy e i figli Ann e John, nel 2018 (JB Lacroix/WireImage)

La vita amorosa del comico è molto stabile. È sposato dal 1995 con l’attrice Nancy Walls, dalla quale ha due figli, Ann e John. Entrambi si sono conosciuti durante un corso di improvvisazione teatrale e sono stati coinvolti più volte. L’attore ha detto che i suoi figli hanno cambiato la sua vita. “Quando abbiamo avuto figli, la mia intera carriera è cambiata. Non dimenticherò mai la prima audizione dopo la nascita di mia figlia. Penso di aver ottenuto il ruolo perché non mi importava più”. I ragazzi accompagnano il padre sul tappeto rosso e sono orgogliosi dei risultati raggiunti. Durante la premiere del film il mio cattivo preferitoL’attore ha spiegato la felicità di Ann e John nel dare la voce a Gru. “Sono cresciuti con i Minion, fanno parte delle nostre vite”, ha detto.

READ  Estefi Berardi ha sorpreso Vid Pal in onda, dicendo: "È un anello di fidanzamento?"

Dopo il clamoroso successo di ScrivaniaPoi sono arrivate altre sfide per Steve, alternate alla voce simpatica da cucciolo, il mio cattivo preferito con il dramma. Nel 2014 è riuscito a ottenere una nomination all’Oscar per il suo personaggio John du Pont volpi, una funzione completamente diversa da tutte le precedenti. Con questo nuovo film, l’attore ha dimostrato di essere in grado di distinguersi sia nella commedia che in altri generi.

uno dei suoi colleghi di ScrivaniaVia Oscar Nunez, che ha interpretato il contabile Oscar Martinez, ispanico e gay: “È così divertente, nessuno è più divertente di Steve, ma è anche un attore molto bravo. Lo sapevamo prima di chiunque altro. Poi è andato a farlo”. volpi (2014) E quei drammi e quelle persone dicevano: “Oh, può recitare. E lo sapevamo già”.

spettacolo mattutino È stata una delle opere più importanti di questo attore, che non ha esitato a trovarsi nel mezzo della scena di Anche io. Prodotto e interpretato Jennifer Aniston e Reese Witherspoone lanciato da Apple nel 2019, il suo personaggio è il conduttore di notizie Mitch che passa dall’essere un uomo rispettato e amato dal pubblico, a una persona spregevole non appena inizia a inondarlo di lamentele.

È tornato quest’anno per doppiare Gru. E ha diversi film in pre-produzione, tra gli altri, un altro di Cute Gru. Oltre a un film TV che sta per essere presentato in anteprima, il paziente, Interpreta uno psicoterapeuta che ha recentemente perso la moglie e ha a che fare con un serial killer che gli chiede aiuto per frenare i suoi motivi di omicidio. La commedia questa volta lascia il posto al mistero. Prodotto da FX.

Continuare a leggere: