Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stati Uniti, Regno Unito e Svezia invieranno armi in Ucraina nei prossimi giorni

Una foto di un addestramento alle armi a Leopoli, in Ucraina, il 23 marzo 2022 (Reuters/Zahra Bensemra)

La prima spedizione di Un nuovo pacchetto di armi del valore di 800 milioni di dollari per l’Ucraina, autorizzato dal presidente Joe Biden la scorsa settimana, Lascerà gli Stati Uniti giovedì o venerdì e non ci vorrà molto per arrivare in UcrainaUn alto funzionario della difesa degli Stati Uniti ha detto mercoledì.

Il funzionario che ha parlato con i giornalisti dell’agenzia di stampa Reuters A condizione di anonimato, non ha specificato quali sistemi sarebbero stati inclusi nelle prime spedizioni in Ucraina, ma ha affermato che Sarà data priorità ai tipi di armi difensive già utilizzate dalle forze ucraine. “Stiamo già raccogliendo scorte negli Stati Uniti e ci stiamo preparando a inviarle lì”.Il funzionario ha detto.

Oltre a questo aiuto c’è quello che annuncio Svezia Questo è mercoledì. Il governo del primo ministro Magdalena Anderson ha annunciato la decisione di attuare a Seconda spedizione di armi in UcrainaDopo aver autorizzato il 26 febbraio la prima spedizione del valore di 41,5 milioni di dollari.

Il primo ministro svedese Magdalena Andersson e il ministro della Difesa svedese Peter Holtqvist in conferenza stampa a Stoccolma (Reuters)
Il primo ministro svedese Magdalena Andersson e il ministro della Difesa svedese Peter Holtqvist in conferenza stampa a Stoccolma (Reuters)

“La Svezia raddoppierà il suo contributo alle forze armate ucraine con ulteriori 5.000 armi anticarro e attrezzature per lo sminamento. Un’altra decisione storicaIl segretario di Stato Ann Lindy ha scritto sul suo account Twitter. “È molto importante continuare a sostenere attivamente l’Ucraina”, Il ministro della Difesa svedese Peter Holtqvist ha aggiunto.

Spedizione di armi approvata a fine febbraio Ha rotto con la tradizione della neutralità per la Svezia, alleata ma non membro della NATO, non inviando armi ai paesi in conflitto, Ininterrotta dall’invasione sovietica della Finlandia nel 1939.

READ  Morte scioccante del 23enne argentino Tic Toker in Brasile

Inoltre, lo ha annunciato mercoledì il primo ministro britannico Boris Johnson Il Regno Unito consegnerà altri 6.000 missili all’Ucraina, raddoppiando così la sua fornitura di armi difensive al paese dall’invasione russa. Nonostante la resistenza “molto coraggiosa” degli ucraini, “Non possiamo restare a guardare e lasciare che i russi distruggano le città ucraine”.Johnson ha detto alla vigilia dei vertici della NATO e del Gruppo dei Sette.

Il primo ministro britannico Boris Johnson in parlamento a Londra il 23 marzo (Reuters TV)
Il primo ministro britannico Boris Johnson in parlamento a Londra il 23 marzo (Reuters TV)

“Il Regno Unito lavorerà con i nostri alleati per aumentare il supporto militare ed economico dell’Ucraina e rafforzare le sue difese”, ha aggiunto Johnson. Questi 6.000 missili difensivi si aggiungono a più di 4.000 missili anticarro, inclusi i missili portatili ad alta velocità NLAW, Javelin e Starstreak che il Regno Unito ha già inviato in Ucraina.

Johnson ha anche annunciato 25 milioni di sterline (33 milioni di dollari, 30 milioni di euro) in aiuti per l’esercito ucraino, oltre ai 400 milioni di sterline in aiuti economici e umanitari che aveva già promesso. Il Regno Unito inoltre impegnerà 4,1 milioni di sterline al BBC World Service, il servizio internazionale del British Public Broadcasting Group, per “combattere la disinformazione in Russia e Ucraina” e fornire ulteriore supporto alle indagini della Corte penale internazionale su possibili crimini di guerra.

D’altro canto, Giovedì, durante il loro vertice straordinario a Bruxelles, i leader della NATO sosterranno il dispiegamento di quattro nuovi battaglioni multinazionali in Slovacchia, Ungheria, Romania e Bulgaria.data la minaccia rappresentata dalla Russia dopo l’invasione dell’Ucraina, che accetterebbe di dotarla di attrezzature per proteggersi da potenziali attacchi chimici o nucleari.

I Capi di Stato e di Governo dei 30 Paesi Nato si incontreranno nella capitale belga per valutare la risposta alla crisi in Ucraina, il cui Presidente, Volodymyr Zelensky, interverrà in videoconferenza nella sessione di lavoro. La NATO ha chiesto ripetutamente alla Russia di fermare il suo attacco all’Ucraina e di tornare ai canali diplomatici, ma allo stesso tempo ha deciso di accelerare le azioni per fornire maggiore sicurezza agli alleati.

Il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg in una conferenza stampa a Bruxelles il 23 marzo 2022 (Reuters/Gonzalo Fuentes)
Il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg in una conferenza stampa a Bruxelles il 23 marzo 2022 (Reuters/Gonzalo Fuentes)

I leader della NATO attesi giovedì “Rafforzare la posizione in tutte le aree, terra, mare e aria. Con un significativo aumento delle truppe nella parte orientale dell’alleanza”, ha annunciato il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg in una conferenza stampa alla vigilia del vertice.

READ  Il nuovo collasso parziale del cono principale del vulcano La Palma apre una grande sorgente di lava

“Il primo passo è schierare quattro nuovi battaglioni”, il che significa L’alleanza avrebbe un totale di otto battaglioni multinazionali sul lato orientale, “dal Baltico al Mar Nero”Stoltenberg ha spiegato, attingendo ai battaglioni che aveva già schierato nei tre stati baltici e in Polonia dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014.

Stoltenberg ha sottolineato che questi nuovi battaglioni che “Saranno pubblicati per tutto il tempo necessario.”Hanno già la maggior parte dei loro organi sulla Terra. Spiega che lo sarà battaglioni “multinazionali”.in modo da avere una “componente importante delle forze di difesa nazionali”, ma anche contributi di altri alleati.

Soldati francesi e britannici del 7° Battaglione Cacciatori alpini, operanti nell'ambito del dispiegamento NATO Enhanced Forward Presence (eFP) per rafforzare la sicurezza regionale, presso la base militare NATO di Tapa, in Estonia, il 18 marzo 2022 (REUTERS/Benoit Tessier)
Soldati francesi e britannici del 7° Battaglione Cacciatori alpini, operanti nell’ambito del dispiegamento NATO Enhanced Forward Presence (eFP) per rafforzare la sicurezza regionale, presso la base militare NATO di Tapa, in Estonia, il 18 marzo 2022 (REUTERS/Benoit Tessier)

Secondo il Segretario Generale degli Alleati, questi nuovi battaglioni fanno parte della “reazione immediata” della NATO al comportamento della Russia, che prevedeva già un “alto allarme” di centinaia di migliaia di soldati della NATO. Ha aggiunto che il numero delle forze americane in Europa è salito a 100.000, molte delle quali nella parte orientale dell’alleanza, e 40.000 soldati sono sotto il comando diretto della coalizione.

Allo stesso tempo, la NATO si è impegnata a “ripensare” la deterrenza e la difesa a lungo termine. “Questa brutale aggressione contro l’Ucraina avrà conseguenze a lungo termine per la nostra sicurezza”, ha aggiunto Stoltenberg. “È una nuova normalità per la nostra sicurezza e la NATO deve rispondere a questa nuova realtà”.

A tal fine, i ministri della Difesa alleati una settimana fa hanno concordato di chiedere ai leader militari di considerare come farlo Rafforzamento della posizione militare in tutte le aree “a lungo termine”anche con un maggior numero di truppe ed equipaggiamenti preesistenti nell’Europa orientale, alla luce delle decisioni da prendere al vertice alleato di Madrid alla fine di giugno.

READ  Nuove prove suggeriscono che le persone vaccinate possono trasmettere la variante delta

Con informazioni da Reuters ed EFE

Continuare a leggere: