Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stanno valutando di ampliare la definizione di vaiolo delle scimmie nel Regno Unito: cosa cambia

Monkeypox provoca lesioni cutanee e squame su varie parti del corpo (Foto: CDC)

L’aumento globale dei casi di vaiolo delle scimmie ha i ricercatori al limite e L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha convocato una riunione di emergenza mercoledì prossimo per determinare se l’epidemia debba essere classificata come emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale. Il primo caso al di fuori dei paesi africani in cui la malattia è considerata endemica è stato segnalato dal Regno Unito il 7 maggio. Finora sono state registrate oltre 1.800 infezioni in 34 paesi.

Il Regno Unito è il paese con il maggior numero di pazienti confermati al mondo, con oltre 570 casi. In quanto epicentro della recrudescenza della malattia, il paese sta compiendo un passo avanti nello sviluppo della malattia Informazioni sul vaiolo delle scimmie, un’infezione causata dal cosiddetto virus del vaiolo delle scimmie (MPXV). In questo senso, Un gruppo di esperti britannici ha pubblicato un articolo su bisturi, Ampliare la definizione di casi sospetti.

Il definizione attuale Le autorità sanitarie britanniche includono: Un’eruzione cutanea inspiegabile in qualsiasi parte del corpo oltre a uno o più dei classici sintomi dell’infezione da vaiolo delle scimmie e lei Legame epidemiologico con un caso confermato o possibile vaiolo delle scimmie entro 21 giorni prima della comparsa dei sintomi o dell’infezioneStoria di viaggio in Africa occidentale o centrale Nei 21 giorni precedenti la comparsa dei sintomi.

Secondo gli esperti, dalla prima segnalazione di infezione umana con il virus del vaiolo delle scimmie negli anni ’70, sono stati segnalati frequenti focolai nell’Africa occidentale e centrale e raramente sono stati rilevati eventi globali. però, Non esiste una chiara associazione tra l’attuale epidemia globale di vaiolo delle scimmie e l’Africa.

L’infezione di solito si verifica a causa di eventi indiretti per l’uomo da animali come roditori, scoiattoli e primati non umani. Il virus può anche diffondersi da persona a persona attraverso uno stretto contatto con infezioni, fluidi corporei, goccioline respiratorie e materiali contaminati.

    Il Regno Unito ha segnalato il primo caso al di fuori dei paesi africani dove la malattia è considerata endemica il 7 maggio (Getty Images)
Il Regno Unito ha segnalato il primo caso al di fuori dei paesi africani dove la malattia è considerata endemica il 7 maggio (Getty Images)

Molti dei nuovi casi confermati in Europa mancano di storia di viaggio o contatti con casi legati al viaggio o in Africa occidentale o centrale. Per questo un team del Dipartimento di Scienze Respiratorie dell’Università di Leicester, Regno Unito Ha pubblicato una serie di raccomandazioni sulla rivista bisturiall’Agenzia britannica per la salute e la sicurezza (UKHSA) per rivalutare la definizione del caso.

READ  Avanzamento di due farmaci contro il COVID-19: raccomandato dagli esperti dell'OMS

A un occhio inesperto, il vaiolo delle scimmie può essere facilmente confuso con altre diagnosi cutanee nell’ambito delle cure primarie (p. es., varicella, varicella-zoster, herpes simplex, cancro, gonorrea o mollusco contagioso).

Nel loro studio, i ricercatori citano una simulazione di emergenza condotta negli Stati Uniti che ha mostrato che 6 su 13 pazienti di vaiolo sono guariti con diagnosi che includevano il virus del Nilo occidentale e le infezioni delle vie respiratorie superiori..

per accompagnare il tuo avvertimento Fare appello alla storia del COVID-19, quando ha richiesto l’identificazione di un caso SARS-CoV-2, nel febbraio 2020, prima dell’esposizione a un caso confermato o di un recente viaggio a Wuhan, in Cina, o in Lombardia, in Italiamentre nel Regno Unito è già stata rilevata una significativa trasmissione comunitaria.

Per Rebecca F. Baggaley, una delle professioniste che ha firmato l’articolo, “Le attuali definizioni dei casi di vaiolo delle scimmie mancherebbero il caso di un paziente eterosessuale con un’eruzione vescicolare-pustolosa distinta ma senza storia di viaggio o contatto con infezione confermata.. Quest’ultima descrizione è più adatta alle persone che tendono ad essere infettate nelle aree endemiche”.

Questa settimana l'Unione Europea ha acquistato 110.000 vaccini contro il vaiolo delle scimmie (Getty Images)
Questa settimana l’Unione Europea ha acquistato 110.000 vaccini contro il vaiolo delle scimmie (Getty Images)

In una ricerca su PubMed, gli specialisti hanno scoperto che durante la ricerca di “vaiolo delle scimmie e trasmissione” hanno trovato solo 224 manoscritti, pubblicati tra il 1962 e il 2022. “Abbiamo trovato più recensioni pubblicate sull’argomento degli studi di ricerca originali sull’uomo rispetto a quelle coinvolte nella trasmissione “, ha detto. Daniel Pan, specialista nel Dipartimento di Malattie Infettive e Medicina dell’HIV presso l’Università di Leicester, dove il più grande studio è stato di 2.510 contatti di 214 pazienti con vaiolo delle scimmie nello Zaire dal 1980 al 1984.

per l’anno 2005, Gli specialisti hanno scoperto un altro rapporto che ha pubblicato risultati di ricerca indicanti che le persone vaccinate contro il vaiolo con infezione da vaiolo delle scimmie avevano poche o nessuna lesione cutanea. La caduta prolungata del DNA virale dal tratto respiratorio superiore dopo la risoluzione della lesione cutanea è stata osservata anche in pazienti con vaiolo delle scimmie ricoverati in centri designati per malattie infettive tra il 2018 e il 2021.

READ  Basic, 3 esercizi per rinforzare l'addome a casa in pochi minuti

Il team di Lister ha utilizzato prove scientifiche della pandemia di COVID-19, in cui si presumeva che il virus fosse diffuso tramite goccioline da pazienti sintomatici, “mentre ora ci sono prove definitive di trasmissione di aerosol (a lunga distanza), con la predominanza di pazienti asintomatici o asintomatici. “Catene di trasmissione precaricate”, citano testualmente.

Sebbene le ipotesi di trasmissione per via aerea o asintomatica del vaiolo delle scimmie possano essere prematurenel contesto di un altro focolaio che si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo”,Dovrebbe essere considerata la possibilità di tali modalità di trasmissione. Dobbiamo adottare un Un approccio precauzionale al controllo delle infezioni per controllare la diffusione del virus mentre si completano le indagini urgenti Per comprendere meglio il processo di trasmissione del vaiolo delle scimmie da uomo a uomo”, continua Bagali.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha convocato una riunione di emergenza il 23 giugno per determinare se l'epidemia sarà classificata come emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale (AFP).
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha convocato una riunione di emergenza il 23 giugno per determinare se l’epidemia sarà classificata come emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale (AFP).

Le statistiche internazionali rivelano che la maggior parte dei casi nell’attuale focolaio si verifica in uomini adulti che hanno avuto rapporti sessuali con altri uomini Storicamente, il vaiolo delle scimmie non era una malattia a trasmissione sessuale.

“È possibile che il numero di trasmissioni successive per caso possa essere artificialmente aumentato a causa di Impostazioni in cui è attualmente trasmesso il virus (alti tassi di contatto ravvicinato)‘”, hanno osservato gli esperti di The Lancet.

Tuttavia, per gli specialisti, se questo è il caso, è possibile che altri gruppi vulnerabili siano ugualmente a rischio di infezione. “All’inizio della pandemia di COVID-19, le persone appartenenti a minoranze etniche sono state colpite in modo sproporzionato da COVID-19non per il rischio di ammalarsi gravemente a causa del virus in natura, ma per l’aumento del rischio di contatto con una persona infetta infetta da SARS-CoV-2″.

READ  La medicina legale non ha identificato 27 corpi a Chalchoapa

Come per tutti i focolai di tali malattie, i pazienti vulnerabili, come quelli delle minoranze etniche, potrebbero essere maggiormente a rischio di infezione da vaiolo delle scimmie se il numero di casi continua ad aumentare.

Una delle strategie per combattere la malattia è la vaccinazione circolare, cioè l'applicazione di dosi ai contatti stretti dei contagiati (Reuters)
Una delle strategie per combattere la malattia è la vaccinazione circolare, cioè l’applicazione di dosi ai contatti stretti dei contagiati (Reuters)

Oltre a garantire che le definizioni dei casi di vaiolo delle scimmie non escludano i gruppi a rischio, anche noi È essenziale che queste definizioni non stigmatizzino o emarginano ulteriormente le società“, si sono incrociati. In un chiaro riferimento al fatto che durante la pandemia di COVID-19, le comunità nate all’estero e le minoranze etniche hanno dovuto affrontare stigma e discriminazione a causa di presupposti errati sull’alto rischio di infezione. Per questa task force, la sanità pubblica la risposta al vaiolo delle scimmie deve imparare da questi errori per identificare rapidamente i principali gruppi a rischio senza incolpare queste comunità.

Insieme a questo documento, nel Forum di discussione sulle malattie virologiche, un vasto gruppo di professionisti provenienti dai centri sanitari più esperti in Congo, Nigeria, Svizzera, Sud Africa, Stati Uniti, Portogallo, Regno Unito, ecc. Si sono riuniti per annunciare il cambio di nome e trovare una designazione non discriminatoria e innocua per il virus del vaiolo delle scimmie.

Hanno menzionato nel loro testo:Tutti i casi di infezione da MPXV dovrebbero essere trattati con la stessa cura e senso di urgenza come avviene oggi nei paesi europei e nordamericani. L’intera epidemia di MPXV, indipendentemente dalla posizione, deve essere fermata, non solo questa epidemia nell’emisfero settentrionale. Un sistema di denominazione pratico e neutro consente una comunicazione efficace senza il rischio di ulteriori idee sbagliate, discriminazioni e stigma.

Continuare a leggere:

Monkeypox: un gruppo di esperti ha chiesto all’Organizzazione Mondiale della Sanità di cambiare il nome della malattia
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha confermato 1.600 casi di vaiolo delle scimmie e si riunirà per decidere se dichiarare un’emergenza internazionale
Monkeypox in Argentina: un caso confermato che non ha viaggiato all’estero e stanno indagando se c’è una trasmissione locale