Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Spagna, primo Paese in Europa nella vaccinazione con il calendario completo secondo l’Università di Oxford

Notizie correlate

La Spagna è il paese con il maggior numero di persone vaccinate con il programma completo nell’Unione Europea, nel Regno Unito e nei sette paesi che costituisce l’Associazione europea di libero scambio (EFTA), dove il 57,61% delle persone è stato completamente vaccinato, secondo i dati dell’Università di Oxford.

I dati sono stati raccolti dall’Università di Oxford questo martedì dal gruppo di ricerca BIOCOMSC dell’Università Politecnica della Catalogna. Come accennato, La Spagna è davanti al Belgio, dove è stato vaccinato il 57,21%, e anche Regno Unito (56,49%) e Germania (52,58%).

Non guidiamo, però, i vaccini iniettati giornalmente, poiché l’Italia con 477mila, e la Germania con 409mila, superata dalla Spagna con 391mila, secondo le stesse fonti.

Né superiamo i dati per le persone parzialmente vaccinate, al 10,51%, poiché altri paesi, come la Norvegia (32,5%), la Svezia (21,9%), i Paesi Bassi (18,6%) e la Danimarca (17,4%) hanno questa percentuale di più. . chip avanzato, però Hanno una popolazione molto più piccola della Spagna.

La Bulgaria e la Romania sono le “lanternarie” della vaccinazione contro il coronavirus in Europa, dove il 14,4% e il 25,2% della sua popolazione sono stati vaccinati secondo il programma completo.Mentre l’Ungheria afferma che il 56,3% della sua popolazione è completamente vaccinato e solo l’1,87% è parzialmente vaccinato.

BIOCOMSC ha notato che i dati sulla copertura vaccinale “a fronte dell’inverno sono fondamentali per determinare il tipo di contatto sociale che si può ottenere senza registrare una forte crescita dei casi e della pressione assistenziale”.

READ  Becas internacionales per il desarrollo estratégico del país

Un milione di morti in più nel mondo

Uno studio israelo-tedesco, che confronta il tasso di mortalità in eccesso in 103 paesi, mostra che quando Sono morte meno di un milione di persone, più di 4,5 milioni registrate ufficialmente nel mondo dall’inizio della pandemia di coronavirus.

Il database creato per la ricerca (Global Mortality Database) riflette questo Gran parte di questi paesi non ha riportato, intenzionalmente o per mancanza di capacità, dati reali sui decessi a seguito di Covid-19.

Nonostante alcuni paesi dell’America Latina abbiano riportato il 50% in più di decessi del previsto – quelli avvenuti in anni senza cause eccezionali -, Molti hanno smesso di segnalarne gran parte: La Bolivia ha ottenuto 2,5 volte di più rispetto a quelli riportati, Ecuador 2,9 e Messico 2,1.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica eLife, Per confermare In Russia sono morti quattro volte più di quanto riportato, 551.000 invece di 135.000, e in Uzbekistan 29 volte, 21.500, lontano dai 740 segnalati..

in paesi come Si stima che Spagna, Italia, Paesi Bassi e Regno Unito, l’Europa più colpita dalla pandemia, abbiano avuto 1,5 decessi non segnalati nella prima ondata e 1 durante la seconda ondata..

Nel database, i ricercatori hanno raccolto le morti previste degli anni precedenti, le morti in eccesso e i dati ufficiali sulla morte del virus Corona dall’inizio dell’epidemia fino a luglio 2021 per trarre conclusioni per lo studio.

“Sebbene il numero di morti in eccesso non corrisponda del tutto al tasso di mortalità per infezione da Covid-19, per molti paesi È l’indicatore più oggettivo del numero di morti a causa di una pandemiaLo ha spiegato Ariel Karlinsky dell’Università Ebraica di Gerusalemme che ha condotto lo studio con il tedesco Dmitri Kupak dell’Università di Tubinga.

READ  "Le donne ottengono diplomi di laurea più brevi e c'è un punto in cui non stanno più studiando".

In Medio Oriente, Le morti in eccesso in Israele sono state inferiori a quelle riportate – 5.000 invece di 6.400 – e in Egitto, al contrario, sono state 13 volte superiori a quelle riportate – 196.000 invece di 15.000 –. Ci sono anche paesi in cui non ci sono stati decessi in eccesso dall’epidemia, come Danimarca e Norvegia.

“I nostri risultati forniscono un quadro completo dell’impatto di COVID-19 e speriamo che questi risultati e la loro metodologia portino a una migliore comprensione dell’epidemia e mettano in luce l’importanza dell’open source e la rapida diffusione delle informazioni”, ha aggiunto Kobak.