Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Spagna, Italia e Giappone guidano la tendenza al calo delle nascite, con minimi storici

Foto: AFP.

La Spagna, l’Italia e molti altri paesi asiatici hanno registrato negli ultimi anni cali significativi dei tassi di natalità e, in alcuni casi, molti, come la Cina o il Giappone, stanno provando strategie per invertire questa tendenza. Effetti sul settore economico.

La crescita della popolazione è scesa al di sotto dell’1% all’anno nel 2020 per la prima volta dal 1950Un recente rapporto delle Nazioni Unite stima che il pianeta ospiterà 8.000 milioni di persone entro il prossimo novembre.

Attualmente, due terzi dei 7.753 milioni di persone nel mondo vivono in un paese con un tasso di fertilità inferiore a 2,1 nascite per donna, il che giustifica la sostituzione della popolazione morente.

Questa situazione presenta una sfida diversa rispetto al secolo scorso, quando i paesi si chiedevano come far fronte all’aumento dei tassi di natalità e crescita. Ora si cercano alternative per varcare la soglia dell’1,5, inizio del problema della sostenibilità economica.

“Ci sono molti fattori che interferiscono con l’aumento o la diminuzione del tasso di natalità e dobbiamo tenere conto di come si ripercuotono in ogni contesto e paese”.Fernando Manzano, economista e sociologo, dottore in demografia e ricercatore di Konizet, ha spiegato a Delum.

“A grandi linee, qualche regolamentazione si può trovare nelle regioni, tuttavia, anche all’interno dell’Europa, ciò che accade in Francia e Germania è diverso perché mediano diversi tipi di stato sociale e di regolamentazione. Inoltre, questioni interculturali come il cambiamento nella struttura della famiglia”, ha osservato il ricercatore.

Europa
In Europa, i paesi più colpiti dalla recessione del 2008 hanno registrato forti cali della natalità, mentre la Germania ei paesi nordici hanno invertito la tendenza.

READ  I Campioni del Mondo 1982 hanno tifato l'Italia in finale

“Il tasso di natalità dei paesi europei ha iniziato a diminuire negli anni ’80 e poi si è stabilizzato, ma l’Europa continentale meridionale ha subito un successivo declino che è progredito sempre più velocemente. Il caso più esemplificativo è in Spagna, dove il primo figlio è sostituito da un adulto. Età si osserva”, ha spiegato Manzano.

Spagna È l’ottavo anno consecutivo che le nascite sono diminuite, registrando un tasso di fertilità di appena 1,25 figli per donna. Nella prima metà del 2022 sono nati 159.705 bambini, il numero più basso dal 1941.

Tra le principali argomentazioni addotte, spicca la formazione educativa che consente migliori opportunità e l’instabilità lavorativa aggravata dalla pandemia di coronavirus.

Un altro esempio ItaliaLa sua popolazione si è ridotta di 253.000 a 59 milioni nel 2021, il numero più basso dall’Unità d’Italia nel 1861.

Se il tasso di fertilità rimane al livello attuale di 1,2 figli per donna, Tra 40 o 50 anni ci saranno solo 250.000 nascite all’annoSecondo l’Istituto statistico italiano.

Per stimolare la crescita, il parlamento ha approvato un’indennità mensile di 260 dollari dal settimo mese di gravidanza all’età di 21 anni e sta discutendo un piano per concedere la cittadinanza automatica ai figli di stranieri nati nel Paese.

foto AFP
Foto: AFP.

Questa crisi demografica non riguarda solo l’equilibrio demografico, ma ha anche gravi conseguenze economiche ed è più comune nei paesi dell’Asia orientale e meridionale.

Giappone
La popolazione del Giappone, che guida la classifica, si è ridotta dal 2007. È protetto dalle Tigri asiatiche della Corea del Sud, Taiwan, Hong Kong e Singapore.

READ  Harold Tejada è stato confermato nella classifica generale dall'Astana al Giro d'Italia

In questi paesi, milioni di persone si stanno avvicinando all’età pensionabile senza un numero sufficiente di giovani o immigrati per occupare posti di lavoro vacanti.

Il tasso di fertilità del Giappone è sceso a 1,3 per il sesto anno consecutivoSecondo GG Press, il quarto record più basso in un paese in cui quasi il 30% della popolazione ha più di 65 anni.

Secondo gli esperti, la competizione per il lavoro sta finendo con il matrimonio – il cui tasso è sceso per il secondo anno consecutivo nel 2021 – il che rende raro avere figli fuori dal matrimonio in Giappone.

Per affrontare il declino, Il governo sta valutando la possibilità di aumentare la borsa di maternità da $ 1.300 a $ 3.540.

“Devi capire come funziona il sistema Asian Tiger. Scommettono sul capitale umano e destinano molti soldi all’istruzione”, ha osservato il demografo del quartetto che ha vissuto una rapida industrializzazione tra gli anni ’70 e ’90.

Corea del Sud
Il tasso di natalità in Corea del Sud è diminuito dell’88% tra il 1960 e il 2020. Lo scorso maggio sono nati 20.007 bambini, il numero più basso da quando l’Ufficio di statistica nazionale ha iniziato a raccogliere dati nel 1981.

Secondo Yonhap, ciò avviene nel mezzo di un rallentamento economico, prezzi elevati delle case e mutevoli norme sociali sul matrimonio.

Singapore
Nel 2020, Singapore è scesa al di sotto del record di 1,1, a causa dei costi e delle persone che si sposano in età avanzata, il che influisce sulla loro fertilità.

È per questo che il governo ha annunciato Benefici economici per madri e padri nati e adottiviE la stimolazione per il secondo figlio è aumentata.

READ  Telia ha vinto la lotta contro Delphino in Italia

Cina
Nel frattempo, la Cina, il paese più popoloso del mondo, ha attuato una politica del figlio unico nel 1979. Ha allentato la legge a due per coppia nel 2015 e tre nel 2021Ma il tasso di fertilità non ha potuto superare 1,3.

Ora, il governo sta valutando maggiori investimenti e incentivi nella salute riproduttiva e nella cura dei deficit e nei servizi sanitari per l’infanzia, l’istruzione e le sovvenzioni nelle strutture di accoglienza e lavoro.

Secondo Manzano, questi fenomeni “appaiono prima in Europa, il processo è seguito nel sud-est asiatico e nel Pacifico, seguito dall’America Latina e, infine, in Africa”.

Secondo il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, il tasso di fertilità medio nella regione è 1,85, ma è ancora più basso in 29 paesi, Cile, 1,6, o Costa Rica, 1,7.