Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Social network e ansia: come affrontare gli stimoli costanti e prendersi cura della nostra salute mentale

Social network e ansia: come affrontare gli stimoli costanti e prendersi cura della nostra salute mentale

La sovrastimolazione costante può influire sulla nostra salute mentale e risvegliare i sintomi dell’ansia (Getty)

Indipendentemente dal tempo o dal luogo: social networks Sono sempre a portata di mano. Le notifiche arrivano quasi senza interruzioni, indipendentemente dal fatto che siamo disponibili o meno. Su piattaforme come Instagram, Twitter o TikTok, c’è sempre qualcosa di nuovo da scoprire, condividere o scorrere. Sebbene i loro principali utenti siano giovani adulti e adolescenti, gran parte della popolazione adulta dà anche Mi piace e consuma video di loro interesse attraverso un social network.

Abbiamo normalizzato la realtà di alzarsi e andare a dormire con la stessa compagnia: un dispositivo luminoso, colorato e rumoroso. Può sembrare sciocco, ma il mondo intero si adatta a questo piccolo dispositivo. O così pensiamo. Siamo arrivati ​​a credere che la realtà sia ciò che accade su internet, mentre ciò che accade fuori da internet, se non viene pubblicato, non esiste.

Non si può negare che Internet ci risolva un numero infinito di problemi e che ci apra porte interessanti, dall’informazione solida alla conoscenza di regioni lontane. In teoria, trovare un lavoro, degli amici o un partner diventa molto più facile una volta dentro mondo digitale. Tuttavia, l’accesso illimitato alle informazioni più la stimolazione costante sembra portarci in conflitto, come tutti gli eccessi. L’aspetto più colpito è la salute mentale, che indubbiamente ne fa le spese.

Ora, va notato che Essere contro i social network è essere contro l’attualità. Nessuno può negare che i social network siano qui per restare! Di per sé, non sono né buoni né cattivi per la nostra salute. Ciò che fa la differenza è come comunichiamo con loro. Non è la tecnologia che deve cambiare, ma il modo in cui la integriamo nelle nostre vite.

“Anche se i social network hanno promesso di salvarci dalla solitudine, dalla noia o dal vuoto, il consumo indiscriminato di contenuti digitali ci fa sentire più soli e insoddisfatti che mai”, ha affermato la signora Mammoleti (Getty Images).

UN Stabile Pubblicato nel 2020 dal Consiglio nazionale per l’insegnamento e la ricerca in psicologia (CNEIP), ha indagato la relazione tra dipendenza dai social network e autostima e ansia negli studenti universitari, concludendo che l’uso eccessivo di piattaforme virtuali ha effetti negativi sulla salute emotiva. Questi danni si manifestano con sentimenti di ansia sociale, ansia e ipersensibilità, talvolta accompagnati da sintomi associati ansia come aumento della frequenza cardiaca e sudorazione.

I social network non dormono mai. Il suo ritmo rapido e immediato sembra lasciarci con una quota di disagio che aumenta con il passare del tempo. Non è più necessario tornare a casa e accendere la tv, né salire in macchina e sintonizzarsi sulla radio per essere sempre aggiornati sulle ultime notizie. Basta scorrere qualche minuto su Instagram o Twitter per sentirsi disgustati dalle notizie, dai video e dalle foto che nessuno ci ha chiesto se vogliamo vedere. Ma lì, fedeli alle piattaforme, a sentirsene parte.

READ  Mistero cosmico e presenza divina nella Cattedrale di Burgos

Una cosa è chiara: riceviamo molte più informazioni di quelle che scegliamo di ricevere. Così, finiamo per conoscere eventi che non ci riguardano, pur convincendoci che lo fanno.

Un contatto eccessivo può portare alla separazione di stretti rapporti umani (Getty)

Da parte loro, Victor Daniel Gil Vera e Catalina Quintero López, professori e ricercatori dell’Università Cattolica Luis Amigo di Medellin, in Colombia, sottolineano che “l’uso eccessivo dei social network può generare disturbi emotivi A causa della presentazione di informazioni di grande impatto, standard e archetipi di bellezza, numero di reazioni al post, assenza di connessioni sociali reali, ecc. ”(2021).

Questo ci fa credere che, nonostante le promesse dei social network di salvarci dalla solitudine, dalla noia o dal vuoto, il consumo indiscriminato di contenuti digitali ci stia facendo sentire più soli e insoddisfatti che mai. Come sottolinea uno psicologo tecnologico, Sherry Turklenel suo libro In difesa della conversazione“Il solo fatto di avere un telefono in vista ci fa sentire meno connessi agli altri, meno coinvolti nella vita degli altri.”

Secondo questo specialista, l’eccessiva comunicazione ci fa scappare sempre di più da conversazioni faccia a faccia. Quello che succede è che l’attrazione che ci dà il piano virtuale è davvero irresistibile. La ricerca dell’intrattenimento seduce all’istante chiunque.

La difficoltà a dormire è comune tra gli adolescenti a causa dell’uso eccessivo degli schermi (Getty)

Mettere a tacere i nostri pensieri con la tecnologia sembra una scelta saggia. L’indagine pubblicata dal CNEIP ha dimostrato che l’uso eccessivo di Internet è diventato, in molti casi, un tentativo di fuga da situazioni spiacevoli. Tuttavia, finisce per ritorcersi contro poiché provoca un declino della vita sociale e un imminente senso di isolamento. Anche i conflitti nei rapporti coniugali sono aumentati con l’uso dei social network.

D’altra parte, le abitudini della vita quotidiana sono cambiate radicalmente negli ultimi decenni. Nei giovani e negli adolescenti il Disordini del sonno divenne più frequente e Abitudini Il comportamento alimentare viene modificato in base alle tendenze visive nelle reti. Al contrario, la pressione per soddisfare gli standard di bellezza genera un senso di insoddisfazione difficile da gestire.

READ  Hanno registrato un insolito aumento dei casi di influenza A per questo periodo dell'anno: quando inizia la vaccinazione?

È chiaro che la parte di vita condivisa sui social sembra più interessante di quella non condivisa. nelle storie instagram Giostre emozionanti, escursioni esotiche e cibo abbondano con un fascino visivo avvincente, famiglie affiatate e coppie perfette.

“Le abitudini di comportamento alimentare vengono modificate in base alle tendenze visive nelle reti”, ha affermato Mammoliti (Gettyimages).

Con il panorama seducente che ci offrono i social network, è facile sentire che abbiamo poco gusto per la vita stessa. Rispetto a quello che condividono sulle piattaforme i nostri amici o conoscenti, passare un sabato pomeriggio sdraiati sul divano a guardare film è molto noioso.

Ma questa sensazione noioso E Insoddisfazione Sorge principalmente dopo aver controllato le reti e aver visto cosa stanno facendo gli altri. Parallelamente compaiono pensieri ansiosi e ansiosi: “Tutti sono più felici di me”, “La mia vita non è molto interessante”, “La vita delle altre persone è più piacevole della mia”.

Lui Fenomeno FOMO (Paura di perdere) è un termine psicologico relativamente nuovo. Indica Provare angoscia per aver perso qualcosa di interessante. Si tratta di avere paura che ad altre persone piaccia qualcosa che noi non siamo. squadra di psicologi inglesis, ha definito il concetto come “la pervasiva apprensione che gli altri possano avere esperienze gratificanti che non si perdono”.

“Il sovraccarico di informazioni ci porta a un eccessivo confronto sociale”, ha spiegato lo psicologo.

Sebbene questa sensazione sia sempre stata presente, il suo aumento è stato esponenziale in base alla velocità con cui la tecnologia sta avanzando. Oggi, più che mai, le persone conoscono la vita degli altri in modo quasi dettagliato. Possiamo dire quali bar frequentano, dove vivono, cosa mangiano, quali sono i loro successi personali e dove non li abbiamo mai visti comprare vestiti faccia a faccia. Tutto è a portata di clic.

Il sovraccarico di informazioni porta a a Eccessivo confronto sociale. Pertanto, la questione del livello di senso di sufficienza nella propria vita è tanto comune quanto invasiva. E siamo onesti. Salvo casi eccezionali, la risposta ha sempre una connotazione negativa: “La mia vita non basta”. In breve, questo fenomeno include la paura dell’esclusione. Non sentirti parte di un gruppo.

FoMO genera molte risposte emotive spiacevoli; L’ansia è certamente la prima a comparire. Che schizza a livelli stratosferici. A sua volta, questo sentimento di ansia e insoddisfazione può portarci a comportamenti malsani come passare troppo tempo sui social network, accettare inviti ad eventi a cui non vogliamo partecipare, o ipoteticamente confrontarci, anche con persone che hanno un diverso stile di vita che non abbiamo. Ha qualcosa a che fare con ciò a cui aspiriamo veramente.

“Avere uno spazio per la psicoterapia può essere molto utile per lavorare su questo aspetto e ottenere una vita più appagante”, ha raccomandato lo psicologo. Foto: Latin American Post

A questo proposito, possiamo evidenziare tre misure che fanno la differenza:

READ  Diego Brancatelli è ancora ricoverato e ha subito un masso lombare

Applicazione di semplicità digitale: Scarica un Uso responsabile dei social media È una delle principali misure di prevenzione dell’ansia. Cal Newport, professore di informatica alla Georgetown University, USA, ed esperto di produttività e sviluppo personale, suggerisce di scegliere una vita concentrata in un mondo rumoroso, adottando al contempo un atteggiamento più consapevole e ponderato nei confronti dell’uso della tecnologia.

Raccomanda di concentrarsi su ciò che aggiunge davvero valore a ciascuno e di decidere consapevolmente cosa si vuole consumare. Apportare piccoli cambiamenti, come smettere di seguire gli utenti che non contribuiscono a nulla di importante, può avere un profondo impatto sul benessere.

“Assumi un atteggiamento più consapevole e intenzionale nei confronti dell’uso della tecnologia”, ha consigliato lo psicologo (Freepik).

Limite di utilizzo: Sherry Turkle sottolinea l’importanza della moderazione nell’uso dei social network (in termini di tempo e frequenza) e rispetto per gli spazi senza schermo per connettersi con ciò che sta accadendo nel qui e ora. Si tratta di offrirti una disintossicazione digitale quando sentiamo di aver bisogno di una pausa.

Lavorare sull’accettazione di sé: Lo psicologo tecnologico sottolinea anche che è essenziale fare ricerca Introspezione Per permetterci di essere ciò che siamo, tenendo presente che la tecnologia ci consente di mostrare ciò che vogliamo mostrare e modificare ciò che non ci piace.

C’è uno spazio per la psicoterapia Può essere molto utile lavorare su questo aspetto e ottenere una vita più appagante. In questo modo non sentiremo più il bisogno di migliorare le nostre foto e i contenuti di altre persone smetteranno di frustrarci.

* Il Sig. Marian Mammoleti (MP 1247) è uno Psicologo Clinico, formato in Psicologia Analitica Junghiana, Terapia EMDR e Mindfulness. Creatore del podcast Naked Psychology e Direttore di Psi Mammoliti, una clinica di salute mentale online

Continuare a leggere:

FOMO e social network: come è la sindrome che genera ansia ed è legata alla vita su Internet
Social network e adolescenti: cosa consigliano 5 esperti della regione per un uso intelligente
FOMO vs. GUMO: Quale nuova pratica disintossicante irrita i tossicodipendenti dello schermo?