Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Soccorsi in arrivo?: la diga di Itaipu ha aperto i battenti e si prevede un miglioramento del flusso del fiume Paraná

La doppia diga di Itaipu sul fiume Paraná ha riaperto una delle paratoie a valle della centrale idroelettrica Per ridurre il volume d’acqua dopo le forti piogge in Brasile. Stimano che questa situazione porterà un po’ di sollievo al fiume Nei prossimi giorni assisterà ad un aumento del suo flusso sul territorio argentino.

Secondo un comunicato diffuso dalla società, venerdì è legata alla decisione di riaprire il cancello, a quasi un anno e mezzo dalla sua chiusura. Condizioni di stoccaggio degli invasi a monte per la produzione di energia idroelettrica.

Da novembre si registrano forti piogge nel sud del Brasile e questa situazione “rende necessario l’intervento, considerando che c’è stato un recupero dei livelli dei principali invasi del sistema interconnesso brasiliano (SIN-BR) dopo la crisi idrica del 2021- 2022 fino al 65,8%”.



“Questo significativo aumento dei livelli di stoccaggio è dovuto in particolare alle piogge che sono state registrate dalla fine di novembre in gran parte del Brasile”, afferma il comunicato rilasciato dall’ente bilaterale.

Gli scarichi sono stati coordinati dall’Autorità di vigilanza delle operazioni di Itaipu e dall’operatore nazionale del sistema elettrico brasiliano, e di conseguenza, oltre al controllo del livello del serbatoio, che contribuisce al miglioramento delle condizioni di navigazione sul Paraná Fiume, soprattutto dalla sua confluenza. con il fiume Paraguay.



READ  Il Centro di salute mentale fornirà assistenza in modo olistico, multidisciplinare e intersettoriale

L’ultima apertura delle paratoie della centrale idroelettrica di Itaipu è stata il 23 ottobre 2021. A quel tempo, la situazione ha portato il flusso di scarico in Paraná a una media di 466 m3/s.

Ora, secondo il comunicato della Direzione tecnica della diga, le paratoie dovrebbero rimanere aperte “per alcune settimane mentre ci sono risorse tributarie che non possono essere destinate a soddisfare la domanda energetica del Paraguay e del Brasile.

* Con informazioni da Telam