Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Shia LaBeouf si converte al cattolicesimo durante le riprese

Il nome di Shia LaBeouf ha conquistato molto spazio nei media negli ultimi anni, e non è sempre stato per la sua performance o per le sue scelte artistiche. L’attore è diventato protagonista di scandali che stavano distruggendo la sua immagine pubblica e una promettente carriera.

Ora, dopo essersi preparato a interpretare Padre Pio nell’omonimo film in uscita, diretto da Abel Ferrara, l’attore afferma che quei tempi sono finiti perché ha trovato nel cattolicesimo la forza di cui aveva bisogno per allontanarsi dai “piaceri mondani”.

In una conversazione di quasi 90 minuti con il vescovo Robert Barron del Ministero cattolico della Parola di fuoco, l’attore ha raccontato come il suo recente lavoro, in cui interpreta un frate francescano cappuccino, abbia cambiato radicalmente le sue convinzioni e la sua vita.

Peccati del “Santo”

Nel discorso – che è stato ripubblicato dai principali media statunitensi – LaBeouf ha sorvolato sugli scandali in cui è stato coinvolto, tra cui una denuncia di aggressione sessuale e molestie psicologiche fatta dalla sua ex fidanzata, la cantante britannica FKA Twigs.

“È un miracolo che sia uscita viva”, ha detto la cantante in un’intervista pubblicata dalla rivista Elle a marzo. Nel rapporto completo, l’artista ha dettagliato gli abusi fisici e psicologici a cui è stata sottoposta da LaBeouf, che ha incontrato nel 2018 durante le riprese di “Honey Boy: A Witch”, il film biografico sugli abusi a cui è stata sottoposta l’attrice. Ha sofferto nella sua infanzia.

“Penso di essere sfuggito alla pura fortuna. Sinceramente, vorrei poter dire di averlo fatto perché ho cercato la mia forza interiore e ho trovato la luce. Vorrei poter dire: sono stato salvato per il mio carattere o per il modo in cui mia madre mi ha cresciuto, ma non è stato così”, ha spiegato il cantante, che ha deciso di rilanciare. L’attore ha citato in giudizio “è solo una questione di fortuna che non sia più in questa situazione”.

READ  Nicole Neumann si è stabilita a Punta del Este con le figlie con Fabian Cupero e Manu Orcera

Uno degli incidenti menzionati in quella causa si è verificato nel febbraio 2019. LaBeouf stava accelerando quando, nel bel mezzo di una discussione, si è tirato la cintura di sicurezza e ha minacciato di far schiantare l’auto se FKA non gli avesse detto che lo amava.

“Mi ha chiesto di baciarlo e toccarlo più volte al giorno. Mi ha detto: ‘Se mi ami davvero, lo farai, e se non raggiungo la quota per la giornata, mi aggredisce verbalmente per ore, costringendomi dormire nudo perché l’ha detto se non lo facessi.’ L’attrice ha spiegato che me lo stavo togliendo dal corpo”.

Ha rivelato: “Insisto per guardare documentari sanguinosi su donne che vengono violentemente uccise prima di dormire. Ho resistito, ma era troppo spaventoso per conviverci. Aveva una pistola vicino al letto e il suo comportamento era irregolare. Non ho mai saputo cosa potesse farlo arrabbiare con me”.

In una recente intervista con Bishop, LaBeouf ha anche menzionato la sua strana relazione con la pistola. “Aveva una pistola sul tavolo. Era fuori dal mondo”, ha rivelato, rivelando uno dei momenti in cui si sentiva come se stesse toccando il fondo.

“Non volevo più essere vivo quando è successo tutto questo. Ho provato una vergogna che non avevo mai visto prima, il tipo di vergogna che ti fa dimenticare persino come respirare. Non sai dove andare. Puoi’ Esci. Ma ho anche sentito questo profondo desiderio di resistenza.

L’attore, inoltre, aggiunge una storia di problemi legali, arresti, comportamenti problematici e periodi trascorsi in riabilitazione per il suo alcolismo. Anche prima delle accuse di abuso fisico di Twigs e di un’altra ex fidanzata, la stilista Caroline Foo, LaBeouf è stato ripreso durante una discussione nel 2015 in cui mostrava segni di violenza nei confronti della sua allora fidanzata, l’attrice Mia Goth, con affermazioni come ” Se fossi rimasto lì, l’avrei uccisa.” “.

READ  Venezuela, Spagna e Messico continuano a disturbare i miei capelli

Causa ed effetto

Il suo cattivo comportamento lo ha anche tenuto lontano dai principali progetti di Hollywood, dopo che Olivia Wilde ha deciso di espellerlo dal suo film “Don’t Worry, Baby”. L’attrice e regista hanno spiegato che il motivo alla base della separazione dell’attore, che originariamente era stato incaricato di interpretare il personaggio rimasto nelle mani di Harry Styles, era in risposta al clima che l’attore ha generato sul set e al suo desiderio di proteggere. e conservalo. Firenze, co-protagonista.

“Lo dico come qualcuno che è molto colpito dal tuo lavoro: il tuo processo non si adattava all’etica che esigo nelle mie produzioni. Ha un processo che sembra richiedere, in un certo senso, energia combattiva”.

Nella sua intervista di questa settimana, LaBeouf ha affermato di essersi lasciato alle spalle tutti i problemi, grazie alla pace che ha trovato nella fede cattolica. L’attore, che in precedenza si identificava come ateo o ateo, ha affermato: “Quando sono diventata la mia strategia per controllare la mia vita, quando tutti i miei piani sono andati fuori dalla finestra; quando la mia vita ha inflitto grande danno e dolore agli altri, ho Alzai la mano e dissi: “I miei piani non hanno senso”. Non voglio. Essere più qui. E questo era necessario per incarnare Beau”.

“Ecco perché sento che lei è una matematica celeste. È una coincidenza che sia una coincidenza. “

Due nuovi inizi

LaBeouf ha raccontato come è stato coinvolto nel nuovo progetto cinematografico di Ferrara. Come ha notato, hanno iniziato a comunicare tramite Zoom come parte di quello che ha definito un “programma spirituale”.

In uno di quegli incontri, il direttore di Padre Pio gli propose di interpretare il santo. A quel tempo, l’attore ha ammesso di considerare una “bomba nucleare” e che nessuno voleva parlargli, compresa sua madre.

Questa proposta, che considerava un “miracolo”, arrivava con una condizione: per entrare nella pelle del personaggio doveva entrare in un seminario cattolico. Sono d’accordo. Lì per la prima volta fu incoraggiato a leggere la Bibbia e imparò a “lasciarla”.

READ  Le conseguenze di Gustavo Martinez: segnate dall'assenza della famiglia Al-Hosn e dal dolore degli amici

“Ho ricevuto un messaggio. Era già lì e non aveva un posto dove andare. Sembrava che questa fosse l’ultima fermata del treno. Non c’era nessun altro posto dove andare in ogni modo”, ha detto LaBeouf.

Ignorando tutti i problemi che lo hanno reso protagonista negli ultimi tempi, ha affermato: “Ora so che Dio stava usando il mio ego per attirarmi a Lui e per tenermi lontano dai desideri mondani. I due eventi stavano accadendo simultaneamente. Ma io non avevo motivo di salire in macchina e guidare fino al monastero se non l’avessi fatto. Sto pensando: “Oh, salverò la mia carriera”.

In un’altra sezione dell’intervista, LaBeouf ha menzionato che non appena è arrivato in questo monastero, “si è verificato un cambiamento”. “Era come un trucco con le carte. Era come se qualcuno mi avesse tradito, ma non con cattive intenzioni, ma in un modo che non riuscivo a capire. Era così vicino che non potevo vederlo. Lo vedo diverso ora che il tempo è passato”.

“Padre Pio”, che segna il ritorno di LaBeouf alla recitazione dopo il suo ritiro nel 2020, sarà presentato in anteprima alla Mostra del Cinema di Venezia. Ferrara annunciò che il suo prossimo film sarebbe stato dedicato al racconto degli anni della giovinezza del religioso più famoso d’Italia, venerato anche in gran parte del mondo, e canonizzato da San Giovanni Paolo II nel 2002 con una cerimonia in Vaticano a davanti a 300.000 persone.

Il film è ambientato in Italia, subito dopo la prima guerra mondiale, e le riprese inizieranno il prossimo ottobre in Puglia, la regione dell’Italia sudorientale da cui Padre Pio è cresciuto e dove ha trascorso gran parte della sua vita pastorale. Nato nel 1887 nel comune di Petrilchina come Francesco Forgione, attraverso le sue prediche da cappuccino divenne “il santo del popolo”, sebbene dovette sempre far fronte a interrogativi e diffidenze da parte della Santa Sede, dove fu descritto come un “impostore “.