Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Senza menzionare Lula o la sua sconfitta, Bolsonaro ha detto che avrebbe rispettato “tutti i comandamenti della costituzione”.

San Paolo: Dopo più di 44 ore di silenzio che inondò il Brasile Scena tensione sociale Con centinaia di blocchi stradali e incidenti con la polizia in tutto il paese, Il presidente Jair Bolsonaro ha finalmente parlato per la prima volta martedì dopo aver perso le elezioni presidenziali di domenica di appena l’1,8% contro Luiz Inacio Lula da Silva. Senza menzionare il suo avversario o la sua sconfitta di domenica, Bolsonaro ha iniziato il breve discorso di meno di tre minuti ringraziando i suoi “58 milioni” di elettori e, Sebbene non abbia ammesso apertamente la sua sconfitta per la rielezione, ha detto: “Come presidente e cittadino continuerò a rispettare tutti i comandamenti della Costituzione”.

“Sono sempre stato considerato antidemocratico, ma Ho sempre giocato all’interno delle quattro linee della costituzione. Non ho mai parlato di controllo dei media e dei social networkLo ha detto il presidente in un messaggio letto alla stampa al Palazzo Alvorada di Brasilia. Successivamente, il ministro della Casa Civile, Ciro Nogueira, ha affermato che il presidente lo aveva autorizzato ad avviare il processo di transizione con la squadra di Lula.

I nostri sogni sono più vividi che mai […] È un grande onore essere il leader di milioni di brasiliani. Continuerò a difendere la libertà economica e religiosa e i giallorossi del Brasile”. Ha aggiunto.

Sulla chiusura delle strade, il Presidente della Repubblica ha affermato che è stata “il risultato del malcontento e del senso di ingiustizia per il modo in cui si sono svolte le recenti elezioni”, ma ha chiesto di moderare le proteste. “Saranno ben accette dimostrazioni pacifiche, ma i nostri metodi non possono essere quelli della sinistra, che ha sempre danneggiato la popolazione”, ha detto Bolsonaro.

READ  Crollo edificio in Sicilia: tre morti, sei dispersi | Alla ricerca di sopravvissuti sotto le macerie

Il Tribunale federale (STF) ha sottolineato l’importanza della dichiarazione del presidente “per garantire il diritto di transito”. Contro gli ostacoli e nella selezione Governo “inizio transizione”. Dopo la dichiarazione, Bolsonaro e il ministro dell’Economia, Paulo Guedes, hanno incontrato otto ministri dell’STF.

Dalle 14:00, ministri di diverse regioni hanno iniziato ad arrivare a Palazzo Alvorada, tra cui Carlos Franca (relazioni estere), Marcelo Quiroga (salute), Joaquim Leyte (ambiente) e Marcos Montes (agricoltura). Anche il vice Eduardo Bolsonaro, Uno dei figli del presidente.

Nelle scorse ore, il presidente ha ascoltato le raccomandazioni della sua cerchia ristretta fino ad allora Annunciandosi il prima possibile e riconoscendo il risultato elettorale.

Lo ha detto poco prima il ministro delle Comunicazioni, Fabio Faria, anche il Presidente È previsto un incontro con i giudici del Tribunale federale (STF) E quello Non si opporrà alla sua sconfitta elettorale.

Il discorso presidenziale avrebbe dovuto calmarsi Proteste dei sostenitori di Bolsonaro che hanno chiuso più di 400 autostrade in diversi stati del Brasile, Insieme ai camionisti che chiedevano al leader di estrema destra di sfidare la vittoria di Lula (50,9%-48,1%).

La vittoria del leader del Partito dei Lavoratori (PT) è stata subito riconosciuta da molti leader internazionali e alleati dello stesso Bolsonaro.

Bolsonaro si isola a Palazzo Alvorada dopo la sconfitta elettoraleEvaristo SA – Agence France-Presse

Oltre ai calcoli politici del suo lungo silenzio, mi sembra proprio questo Bolsonaro ha subito un profondo colpo emotivo, E in realtà non si aspettava di perdere. Sembra una persona persa, che non sa cosa fareHa detto di Nazione Mauricio Santoro, politologo e professore all’Università Statale di Rio de Janeiro (UERJ). E ha avvertito: “Abbiamo un Paese molto diviso e dal prossimo gennaio c’è un’opposizione che non funzionerà sempre nel quadro delle regole democratiche del gioco”.

READ  Daniela Levine Cava, sindaco di Miami-Dade, dopo l'annuncio del nuovo numero di morti e dispersi: 'Stasera è stata molto difficile'

Dopo la dichiarazione del presidente, lui Ministro della Casa Civica, Ciro Nogueiraha confermato di essere stato delegato da Bolsonaro a guidare il passaggio al suo successore, chiamato da un funzionario “Presidente Lula”. Anche il discorso è stato molto laconico, Nogueira non ha accettato le domande della stampa.

Bolsonaro mi ha autorizzato. Quando saremo chiamati, in base alla legge, inizieremo il processo di transizione. Presidente del Partito Laburista [Gleisi Hoffmann]Secondo lei a nome del presidente Lula, giovedì il nome del vicepresidente Geraldo Alckmin[come capo della Transizione nel PT]ha detto a Nogueira: “Aspetteremo che questo rispetto della legge venga formalizzato nel nostro Paese”[comojefedelatransiciónenelPT[Esperaremosaqueestoseformaliceparacumplirconlaleyennuestropagueiras]”[كرئيسللانتقالفيحزبالعمال[وقالنوغيرا:”سننتظرإضفاءالطابعالرسميعلىهذاالامتثالللقانونفيبلدنا”[comojefedelatransiciónenelPT[Esperaremosaqueestoseformaliceparacumplirconlaleyennuestropaís”dijoNogueira

Poi è arrivata la dichiarazione del presidente brasiliano Diverse ore di tensione a causa del blocco nella maggior parte degli stati e nel Distretto Federale. La situazione ha portato l’STF a ordinare alla Polizia Stradale Federale (PRF) la notte precedente di sgomberare immediatamente più di 400 strade in tutto il paese da camionisti e simpatizzanti che sostengono Bolsonaro che non erano a conoscenza della sconfitta del presidente nelle elezioni di domenica. La mano di Luis Inacio Lula da Silva.

Questa mattina, Bolsonaro ha convocato una riunione di emergenza Il ministro della Difesa Paulo Sergio Nogueira e altri funzionari dell’Alvorada Palace per discutere della crisi dell’assedio.

Un gruppo di sostenitori di Jair Bolsonaro blocca l'autostrada Castelo Branco, alla periferia di San Paolo.  Più di 250 blocchi stradali totali o parziali in almeno 23 stati sono stati segnalati dalla Polizia Stradale Federale (PRF) dai sostenitori di Jair Bolsonaro, 1 novembre 2022
Un gruppo di sostenitori di Jair Bolsonaro blocca l’autostrada Castelo Branco, alla periferia di San Paolo. Più di 250 blocchi stradali totali o parziali in almeno 23 stati sono stati segnalati dalla Polizia Stradale Federale (PRF) dai sostenitori di Jair Bolsonaro, 1 novembre 2022Cayo Guatelli – Agence France-Presse

Il ministro dell’STF Gilmar Mendes e Bruno Dantas, della Corte dei conti dell’Unione, hanno cercato di avere altri ministri in tribunale; Presidente della Camera Arthur Lyra; Ministri di gabinetto e leader di partito di centro si sono uniti nel tentativo di persuadere il presidente a fare la sua dichiarazione alle urne. Il ministro dell’Economia Paulo Guedes e Tarcisio de Freitas, governatore eletto di San Paolo ed ex ministro delle infrastrutture sotto Bolsonaro, sono stati in contatto con funzionari giudiziari.

READ  Papa Francesco con la Los Angeles Nacion: "Che senso ha andare a Kiev se la guerra continua il giorno dopo?"

Il coinvolgimento di De Freitas nel persuadere Bolsonaro a pronunciare un discorso di pacificazione è stato fondamentale, poiché l’ex ministro è stato responsabile dei negoziati con i camionisti durante il governo del presidente Bolsonaro in vari momenti in cui c’era la possibilità di scioperi nel settore.

I camionisti indipendenti sono una delle categorie più vicine al presidente. I media locali hanno riferito che de Freitas ha ammesso nei colloqui con le autorità all’interno e all’esterno del governo che i manifestanti non avrebbero lasciato le strade fino a quando non fosse stata rilasciata una dichiarazione da Bolsonaro.

Parlo con Jair Bolsonaro: ‘Ho sempre rispettato la costituzione’
Conosci il progetto Trust