Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Secondo Bloomberg, l’Italia, la Germania e la Francia sono scelte per fare le loro patatine

All’inizio di quest’anno, quando è stato presentato il caso del CEO, Pat Kelsinger ha rivelato che si trattava di Intel Investirà milioni di dollari in Europa Per Riduce la dipendenza dall’Asia Campo dei semiconduttori. L’annuncio ha suscitato l’illusione di una dozzina di paesi, tra cui la Spagna, che erano entusiasti dell’idea che dovesse far parte degli ambiziosi piani delle aziende tecnologiche americane.

Sebbene la società non abbia fornito dettagli su quali paesi sarebbero candidati per gestire le sue nuove fabbriche di chip, ha affermato che nell’elenco c’erano 70 potenziali sedi. Tuttavia, secondo Bloomberg Fonti vicine ai colloqui hanno detto Intel ha scelto di restare con Germania, Francia e Italia, Lasciando così la Spagna fuori dai suoi piani di espansione nel vecchio continente.

Progetto da 80.000 miliardi di euro

Tenendo conto dello stabilimento situato in Irlanda dagli anni ’80, il gigante dei semiconduttori avrà tre nuovi stabilimenti in Europa. La Germania guiderà il progetto “mega fabbrica” Le bilance di silicio costano “miliardi di dollari”.

La Francia, da parte sua, non ha una fabbrica di semiconduttori, ma un centro di ricerca e progettazione, Gli importi degli investimenti stimati per questa parte del progetto non sono specificati. Reuters Intel fa notare che investirà .000 8.000 milioni per costruirne uno Stabilimento di collaudo e assemblaggio in Italia.

Intel D1x

Considerando che Intel prevede di investire di più 80.000 miliardi di euro In Europa per il prossimo decennio L’Italia rappresenta il 10% del totale degli investimenti. L’azienda prevede inoltre di modernizzare le sue strutture in Irlanda per far fronte alla crescita diffusa dell’industria del sacco. Un ulteriore investimento di 0,5 5,5 miliardi.

READ  Azora continua lo shopping e acquisisce il secondo operatore alberghiero italiano

Intel non ha rilasciato una parola, tuttavia, in una dichiarazione a Reuters: “Non vediamo l’ora di sentirti presto”. Poiché le trattative in corso rimangono riservate e riservate, prevediamo di emettere un avviso il prima possibile.“.

Va notato che Intel vuole solo smettere di fare affidamento sulle regioni asiatiche per la crescita del proprio business e vuole competere con Samsung e TSMC nel contesto della crescente domanda. L’UE vuole raggiungere il 20% della produzione mondiale di semiconduttori entro il 2030 (Attualmente è del 10%). Per fare ciò, il capo della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, ha annunciato il suo scopo Esegui un chip frame, Una mossa che potrebbe essere compiuta nel 2022.

Immagini | Intel