Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Secondo Bloomberg, Italia, Germania e Francia sono state selezionate per produrre le loro fiches

All’inizio di quest’anno, quando la causa del CEO era appena emersa, Pat Gelsinger ha rivelato che Intel avrebbe investito milioni di dollari in Europa per Ridurre la dipendenza dall’Asia nell’industria dei semiconduttori. L’annuncio ha acceso l’illusione di decine di paesi, tra cui la Spagna, interessati all’idea di far parte degli ambiziosi piani del colosso tecnologico americano.

Sebbene la società non abbia fornito dettagli sui paesi candidati per ospitare le nuove fabbriche di chip, ha affermato che nell’elenco c’erano 70 potenziali siti. Tuttavia, secondo Bloomberg Secondo fonti vicine alla trattativa Intel ha scelto di restare con Germania, Francia e Italia, lasciando così la Spagna fuori dai suoi piani di espansione nel vecchio continente.

Progetto da 80 miliardi di euro

Il colosso dei semiconduttori avrà tre nuovi stabilimenti in Europa, per un totale di quattro se si tiene conto di quello in Irlanda dagli anni Ottanta. La Germania guiderà il progetto con una “mega fabbrica” di wafer di silicio che costeranno “miliardi di dollari”.

La Francia, da parte sua, non avrà una fabbrica di semiconduttori, ma un centro di ricerca e progettazione, sebbene non siano stati specificati gli importi degli investimenti stimati per questa parte del progetto. Reuters Indica che Intel investirà 8000 milioni di euro per costruire Stabilimento di collaudo e montaggio in Italia.

Intel D1x

Considerando che Intel prevede di investire più di 80mila miliardi di euro in Europa nel prossimo decennio, L’Italia rappresenterà circa il 10% dell’investimento totale. Sebbene l’azienda stia anche progettando di modernizzare le sue strutture in Irlanda di fronte alla crescita diffusa dell’industria della tela di sacco con Ulteriori investimenti 5,5 miliardi di euro.

READ  La Jornada - Il G20 chiude la porta all'evasione fiscale delle multinazionali

Intel non ha rilasciato una parola, anche se in una dichiarazione vista da Reuters si aspetta di avere presto notizie: “Siamo incoraggiati dalle molte possibilità di supportare l’agenda digitale dell’UE e le ambizioni dei semiconduttori per il 2030. Sebbene le attuali negoziazioni siano in corso e riservate, prevediamo di annunciare il prima possibile.“.

La grande scommessa di Intel per aumentare la propria competitività è investire 20 miliardi di dollari in due nuove fabbriche

Va notato che Intel non vuole solo smettere di fare affidamento sulle regioni asiatiche per sviluppare la propria attività e competere con Samsung e TSMC in un contesto di aumento della domanda. L’Unione Europea vuole raggiungere il 20% della produzione mondiale di semiconduttori entro il 2030 (attualmente 10%). Per fare ciò, Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha annunciato la sua intenzione di approvare la legge sui chip, misura che potrebbe arrivare nel 2022.

Immagini | Intel Corporation