Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Se sorridi nella vita, la vita tornerà a sorridere (ma non troppo) | Salute e benessere

“A volte la gioia è la fonte del tuo sorriso ea volte il tuo sorriso è la fonte della tua gioia”, ha detto il monaco buddista Thich Nate Huna. “Un sorriso nella vita e nella vita ti restituirà quel sorriso”, si legge in alcuni poster di Mr. Wonderful, l’azienda ossessionata dalle pose per eccellenza. Arthur Koestler si è difeso quando ha criticato il suo accordo con i nazisti nella sua critica a Stalin: “Nessuno può impedire alle persone di avere ragione per le ragioni sbagliate”.

La psicologia positiva, adattare antichi insegnamenti filosofici in libri di auto-aiuto o trasformare ogni tipo di frase motivazionale in commercio, fa parte di un enorme lavoro. L’idea che alzarsi la mattina con la voglia di mangiare il mondo ti faccia spuntino pomeridiano ha molto status e uno dei fondamenti di quella filosofia di vita. La forza di un sorriso. Se sorridi, anche contro la tua volontà, la vita e i tuoi simili saranno più gentili con te.

Nella psicologia accademica, la persona che tenta di separare la realtà dall’illusione e che cerca di avere ragione per le giuste ragioni, la possibilità che l’attivazione di alcuni muscoli facciali che susciti una reazione emotiva è stata studiata con la massima serietà per decenni. La cosiddetta ipotesi dei riflessi facciali fu proposta da Charles Darwin nel 1872 quando disse che l’espressione esteriore di un’emozione “la intensifica” o “mima persino l’emozione di ciò che ha suscitato quell’emozione nella nostra mente”. William JamesUno dei padri della psicologia ha affermato allo stesso tempo che, contrariamente alla credenza popolare che l’esperienza di un’emozione porti alla produzione di un’espressione fisica come sorridere o piangere, accade il contrario. Siamo tristi perché piangiamo e non piangeremo perché siamo tristi. James, che aveva una fede fanatica nella volontà, credeva che se uno si rifiutava di esprimere un sentimento, quel sentimento muore.

READ  Perché andare dal parrucchiere fa bene al benessere e alla salute mentale

Ora, un gruppo internazionale di ricercatori ha dimostrato, dopo aver superato decenni di polemiche, che, sebbene non necessariamente per le giuste ragioni, i monaci buddisti ei poster di Mr. Wonderful hanno ragione. Sorridere migliora l’umore, anche se solo leggermente.

In un articolo pubblicato sulla rivista La natura del comportamento umano Spiega come la possibilità di sorridere al nostro umore sia stata testata con diversi test. D’altra parte, sono stati condotti esperimenti in cui i partecipanti si sono resi conto che stavano sorridendo, avvicinando l’angolo delle labbra alle orecchie o guardando immagini di persone che sorridevano e le imitavano. Ma si è anche tentato di scoprire se il tipico movimento muscolare inconscio di un sorriso abbia effetti emotivi. Ciò si ottiene attraverso un classico esperimento che negli anni ha ottenuto risultati controversi. I volontari forzano un sorriso senza saperlo mordendosi una matita o disegnando una faccia triste cercando di coglierlo con le labbra, gesto che li costringe ad accigliarsi.

Dopo aver analizzato i dati di 3.878 partecipanti in 19 paesi, guidati dagli autori Nicholas Cole, della Stanford University (USA), ha osservato che sia coloro che imitavano i sorrisi nelle foto sia coloro che li imponevano da soli notavano un certo aumento della loro felicità. Tuttavia, coloro che sorridevano con l’aiuto della matita non provavano quei sentimenti. “Questo studio mostra che per avere questo effetto di renderci felici perché sorridiamo, dobbiamo essere consapevoli di sorridere”, spiega Jose Antonio Hinojosa, professore all’Università Complutense di Madrid e coautore dello studio.

Pedro Montoro, ricercatore presso l’Università Nazionale di Educazione a Distanza (UNED), a Madrid, che sta anticipando lo studio, ha affermato. “La scala che utilizziamo va da uno a sette e i valori sono leggermente superiori a tre. Si tratta di un aumento statisticamente significativo, ma alla maggior parte degli autori sembra che questo non sarebbe utile come trattamento”.

READ  Tempeste e fulmini nei dipinti

Gli autori affermano che l’ipotesi reazioni facciali Ha senso e tendono a credere che ci sia una relazione a doppio senso, quando si è felici, si sorride, ma anche “è interessante vedere che c’è un effetto delle risposte dalla sensazione muscolare alla sensazione soggettiva”, sottolinea Montoro fuori. Nicholas Coles sottolinea anche che, almeno in parte, “l’esperienza cosciente dell’emozione deve essere basata su sensazioni corporee”. In una certa misura ci sentiamo tristi perché piangiamo e felici perché sorridiamo. Coles crede che questo tipo di studio sia necessario per acquisire una comprensione approfondita della natura di qualcosa di essenziale per l’umanità come i sentimenti, ma questa conoscenza è ancora agli inizi. Man mano che andiamo avanti, sarà necessario continuare a gestire le emozioni, sperando di farlo nel modo giusto, anche se non lo facciamo bene per i giusti motivi.

Puoi seguire Paese della salute e del benessere in FacebookE il Twitter E il Instagram.