Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scoprono l’asteroide con l’orbita più veloce del sistema solare

Rappresentazione artistica dell’asteroide PH27 2021 appena scoperto (disegno di Catherine Kane del Carnegie Institution for Science)

Il sole aveva un nuovo vicino che si nascondeva al tramonto. È un asteroide che orbita intorno ad esso in soli 113 giorni, Il periodo orbitale più breve conosciuto per un asteroide E il secondo oggetto più corto nel nostro sistema solare dopo Mercurio. È stato scoperto dal ricercatore della Carnegie University Scott Sheppard nelle immagini dei crepuscoli serali scattate dagli astronomi Ian Del Antonio e Xinming Fu di Brown University.

L’asteroide appena scoperto, chiamato 2021 PH27, Ha una dimensione di circa un chilometro e si trova su a Un’orbita instabile attraversa l’orbita di Mercurio e Venere. Ciò significa che entro pochi milioni di anni sarà probabilmente distrutto in una collisione con uno di questi pianeti o il Sole, o sarà espulso dalla sua posizione attuale.

Lo studio di tali oggetti può aiutare gli scienziati a capire da dove hanno avuto origine gli asteroidi e le forze che hanno modellato la struttura del nostro sistema solare. “probabilmente 2021 PH27 si è separato dalla fascia principale degli asteroidi tra Giove e Marte e la gravità dei pianeti interni ha formato la sua orbita nella sua configurazione attualeha detto Sheppard. “Sebbene in base al suo ampio angolo di inclinazione di 32 gradi, è possibile che 2021 PH27 sia una cometa estinta del sistema solare esterno che si è avventurata vicino a uno dei pianeti perché la sua traiettoria di volo l’ha avvicinata al pianeta interno rispetto al sistema solare .”

Illustrazione dell'orbita PH27 2021 (Katherine Kane e Scott Sheppard, Carnegie Institution for Science)
Illustrazione dell’orbita PH27 2021 (Katherine Kane e Scott Sheppard, Carnegie Institution for Science)

Poiché 2021 PH27 è così vicino al massiccio campo gravitazionale del Sole, sperimenta i più grandi effetti relativistici generali di qualsiasi oggetto conosciuto nel Sistema Solare. Questo è visto in una leggera deviazione angolare nella sua orbita ellittica nel tempo, un movimento chiamato movimento anticipatorio, che si verifica a circa un minuto d’arco per secolo. L’osservazione del movimento di Mercurio ha sconcertato gli scienziati fino a quando la teoria della relatività generale di Einstein non ha spiegato i suoi aggiustamenti orbitali nel tempo.. L’introduzione del 2021 PH27 è più veloce di Mercury. “Il 2021 PH27 è così vicino al Sole che la sua temperatura superficiale raggiunge al più presto circa 900 gradi Fahrenheit, che è abbastanza calda da fondere il piombo”, ha detto Sheppard.

READ  Titan Souls gratis su Steam per un breve periodo لفترة

Le future osservazioni di questo oggetto getteranno più luce sulle sue origini. Secondo gli esperti, confrontare 2021 PH27 con oggetti in orbita attorno alla Terra migliorerà la conoscenza da parte dei ricercatori della sua composizione e dei suoi materiali. che permette loro di sopravvivere in queste dure condizioni. Un oggetto come 2021 PH27 è sottoposto a un tremendo stress termico e interno a causa della sua vicinanza al Sole.

L’enumerazione degli asteroidi vicino e all’interno dell’orbita terrestre è fondamentale per identificare quelli che possono influenzare il nostro pianeta, ma sono difficili da rilevare perché si avvicinano alla Terra durante il giorno. Questi tipi di asteroidi non sono facilmente individuabili nella maggior parte dei sondaggi, che di solito vengono osservati di notte. L’asteroide passerà presto dietro il sole e non sarà visibile dalla Terra fino all’inizio del prossimo anno. A questo punto gli osservatori potranno affinare la propria orbita con la precisione necessaria a darle un nome ufficiale.

Animazione che mostra la scoperta dell'asteroide 2021 PH27
Animazione che mostra la scoperta dell’asteroide 2021 PH27

L’unico modo efficace per Rilevare asteroidi che si muovono intorno al sole in orbite più vicine della Terra significa scattare foto quando il sole tramonta o sorge, Cosa hanno fatto Dell’Antonio e Fu con la telecamera vuota a energia oscura di 4 metri del telescopio della National Science Foundation in Cile. La sua ricerca principale fa parte del Full Local Volume Local Mass Survey, che esamina in modo più dettagliato gli ammassi di galassie più massicci nell’universo vicino. Collaborando con Sheppard, Dell’Antonio e Fu sono passati dalla messa a fuoco di alcuni degli oggetti più distanti dell’universo a quelli più vicini, utilizzando i primi minuti del crepuscolo serale del 13 agosto per catturare le immagini che Sheppard trova nel PH27 del 2021. poche ore dopo.

READ  WhatsApp e più privacy: nasconderà il numero di telefono nella chat

Poiché l’oggetto era già sotto il bagliore del sole e si stava spostando maggiormente verso di esso, era necessario determinare l’orbita dell’oggetto prima che si perdesse dietro la nostra stella centrale.“, ha spiegato Dave Thoulin dell’Università delle Hawaii, che ha misurato la posizione dell’asteroide in rapido movimento nel cielo e ha previsto la sua posizione di notte dopo la scoperta iniziale. “Ho ipotizzato che affinché un asteroide di queste dimensioni rimanga nascosto così a lungo, dovrebbe avere un’orbita che lo tenga così vicino al sole che sarebbe difficile da rilevare dalla posizione della Terra”.

Ulteriori immagini sono state acquisite la notte seguente utilizzando i telescopi Magellan presso l’Osservatorio Las Campanas a Carnegie, Cile, E anche di nuovo con il telescopio bianco da 4 m di NSF. Ci è voluta una terza notte di osservazioni di follow-up per determinare l’orbita del nuovo asteroide prima che fosse perso, ma il tempo nuvoloso in Cile ha spinto un viaggio intorno al mondo in Sud Africa grazie all’attivazione della vasta rete di osservatori di Las Cumbres Telescopi a 1 contatore.

“Sebbene il tempo del telescopio sia prezioso, la natura internazionale e l’amore per l’ignoto rendono gli astronomi molto disposti a fare un passo indietro dalla loro scienza e dalle osservazioni per perseguire nuove entusiasmanti scoperte come questa”, ha detto Sheppard. “Siamo molto grati a tutti i nostri collaboratori che ci hanno permesso di agire rapidamente su questa scoperta”.

Alex Drica Wagner dell’Università di Chicago, Clara Martinez Vazquez di NOIRLab, Sidney Mao dell’Università di Stanford e Luedhi Santana Silva dell’Università di Cruzeiro do Sul hanno interrotto la loro prima e seconda notte utilizzando una camera di energia oscura per osservare l’asteroide. Scott Carlsten della Princeton University, Rachel Beaton (Postdoctoral Fellow presso la Carnegie Princeton University) e Jenny Green sono stati determinanti nel dare seguito alle foto della seconda notte di Las Campanas, e Cristóbal Siphon e Camila Aru della Pontificia Università Cattolica di Valparaíso. Bonster ha ritardato l’inizio del programma di osservazione di Magellano per vedere il corpo attraverso alcune nuvole di passaggio. Marco Micheli, dell’Earth Observation Center dell’Agenzia spaziale europea, ha coordinato l’utilizzo della rete di osservatori Las Cumbres.

READ  Assassin's Creed Origins è gratuito per console e PC

Continuare a leggere: